Capotifoso a tutto tondo e in rigorosa tenuta biancoazzurra per quella squadra, il Matera, che dovrà pedalare…eccome per tornare, come dice lui, in un campionato che conta. E così Giuseppe Labbate, che al telefonino si presenta con un riconoscibilissimo ” So’ Giusè”, ha inforcato una bici supergommata prestatagli dall’amico Pasquale al Wine & Coffee di via Annunziatella, per parlare di ”pallone” naturalmente con amici, che gli danno appuntamento sugli spalti del ”XXI Settembre-Franco Salerno” con il Grumentum. E qui Giusè Labbà (una consuetudine tutta materana di troncare nomi e cognomi come Mutà,Quà, Capolù, Ròs, Vè,Martì, Chì, Taccà,Vitè ecc) si lancia in un pronostico. ” Per me il Picerno viene retrocesso e il Grumentum sale in serie D – alludendo a un presunto illecito con il Bitonto e anticipando un possibile verdetto della giustizia sportiva. Questo cambierebbe tutto .Niente di più facile che l’impostazione del campionato sia un’altra e si possa pensare a un campionato di vertice. E poi Matera è il Matera tornerebbero in quella serie C, che abbiamo perso nella maniera e con le responsabilità che tutti sanno. Ma bisogna pedalare…” Non prima di aver pagato un caffè e annunciato un altro pronostico per la sua Juve. ” Hai voglia a sfottere che faremo la figura dei Pirla -aggiunge ridacchiando. Il cognome del tecnico si presta. Ma la Juve è la Juve. Una grande società che non affida nulla al caso, altri sono nei casini e si vede. Prenotiamo il decimo scudetto e con una squadra nuova, più giovane e combattiva, che sul campo si vedrà eccome. Purtroppo quando si vince tanto si è stanchi e forse senza stimoli. Vedrete. Intanto vado a puntare sulla vittoria della Juve…” Naturalmente in bici per un po’. Potrebbe fare da staffetta per la tappa del Giro e con tanto di telecamera sul manubrio. Giusè, scommettiamo?