Il nome del progetto,Obiettivo 3, insieme al suo fondatore Alex Zanardi, atleta mai domo che vincerà anche l’ultima battaglia, è popolare tra gli sportivi e in particolare nel settore paralimpico per quella capacità di sensibilizzare e coinvolgere quanti hanno voglia di pedalare e con convinzione sui tanti tracciati della vita, diventando un esempio per gli altri. E quella forza di ricominciare, di andare avanti arriverà anche a Matera il 21 luglio, alle 15.00, con la partenza di un atleta alla volta di Laterza (Taranto). Accanto a Mauro Preziosa, nel ruolo di staffetta, ci sarà lo staff di Obiettivo 3, i ciclisti della carovana, il vicepresidente vicario della Federazione ciclistica italiana il materano Carmine Acquasanta e il sindaco, Domenico Bennardi, per il beneagurante indirizzo di saluto. Un appuntamento con lo sport solidale, che non si arrende, come Alex Zanardi e i tanti, uomini e donne, che ne hanno via via raccolto il testimone. Non mancate e, passaparola… Di seguito una nota sull’evento di Barbara Manni, Marketing and Communication manager di Obiettivo3, che ha chiesto e ottenuto il coinvolgimento del Comune di Matera nella manifestazione.

COSA E’ OBIETTIVO 3

Obiettivo3 è un progetto dato nel 2017 da un’idea del suo fondatore, Alex Zanardi.
Un centro di ascolto, reclutamento, assistenza e avviamento allo sport per atleti Paralimpici.
Progetti come LA STAFFETTA TRICOLORE, la cui prima edizione si è svolta con successo nel 2020, sono molto importanti per Obiettivo3. Un evento nazionale, unico nel suo genere, che coinvolge oltre 100 atleti paralimpici nel ciclismo, nel tiro con l’arco, nel triathlon e nell’atletica, vuole diventare un format da replicare ogni anno in futuro. Un’occasione di visibilità
importantissima per Obiettivo3 e sicuramente funzionale, oltre che alla diffusione del messaggio, al reperimento delle risorse necessarie, alle attività di reclutamento di persone disabili e alla promozione dei suoi valori.
La staffetta è in generale anche un’occasione per vivere il territorio e per generare emozioni legate alla bellezza dei paesaggi che si attraversano e agli incontri possibili lungo il viaggio. Oltre
3000 km complessivi, attraversando scenari e panorami mozzafiato. Le tre staffette partiranno dalla Valle D’Aosta, da Lecco e da La Villa, in concomitanza con la partenza della Maratona delle
Dolomiti.

Passando per le pianure lombarde e poi venete si uniranno in un’unica carovana a Bologna, fino alla costa adriatica, verso l’appennino tosco-emiliano, lungo le coste laziali con una tappa evento
a Roma alle Tre Fontane, proseguendo per l’Abruzzo, le coste calabresi e pugliesi, fino all’arrivo in Sicilia.
Ogni tappa varia dai 40 ai 180 km, a seconda della disciplina e delle caratteristiche del territorio di riferimento.
Saranno realizzate 10 TAPPE VILLAGGIO sul territorio nazionale, costruiremo dei villaggi sportivi a Verrès, Lecco, Parma, Bologna, Budrio (centro Inail), Roma (Centro paralimpico Le Tre Fontane), Benevento, Lanciano e Taranto facendo vivere l’iniziativa sul territorio e coinvolgendo la
popolazione, gli enti, le associazioni, il terzo settore in generale e i supporter.

La tappa finale sarà organizzata a Catania in Piazza dell’università dove questo lungo viaggio si
concluderà con una grande festa.
Lo scopo è portare avanti diverse iniziative:
1) la promozione di O3 e le attività di reclutamento di nuovi potenziali atleti;
2) la sensibilizzazione al tema della disabilità nello sport e dell’accessibilità dei luoghi in cui
praticarlo che coinvolgerà anche le amministrazioni locali e le istituzioni, prime fra tutte il Comitato
Italiano Paralimpico, l’Inail, e le Regioni che ci accoglieranno e supporteranno;
3) spazi dedicati ad associazioni che sul territorio si occupano di promuovere temi come la
disabilità nello sport.

Barbara Manni