Sono pronto a rimettermi in sella per una pedalata ancor più lunga. Dopo aver attraversato l’Italia da Nord a Sud con ‘BikeItaly’ nell’estate del 2017, ho voluto mettermi alla prova con un’impresa ancor più ardua, con un progetto nuovo e ambizioso: realizzare un giro della cultura, unendo l’Europa con l’Italia”.

Sono le parole del ciclista Nicol Ielpo che durante la conferenza stampa ha spiegato ai giornalisti come si articolerà il giro.

Partirò da Leeuwarden (Paesi Bassi) per arrivare a Matera, due città apparentemente estranee l’una all’altra, però legate da questo riconoscimento così alto, la nomina di Capitale Europea della Cultura”.

Dopo aver ringraziato gli sponsor del progetto, la Banca di Credito Cooperativo di Laurenzana e Nova Siri, il Comune di Viggiano, la Fondazione Matera –Basilicata 2019 e il Consiglio regionale della Basilicata, Ielpo ha precisato che “come per ‘BikeItaly’, la partecipazione a questo tour nasce dal desiderio di dare sempre più visibilità alla Basilicata, con una iniziativa che mette in relazione diverse associazioni di giovani lucani, spinti sempre di più dal desiderio di rivincita per la nostra regione”.

Gianfranco Grieco, coordinatore del progetto, ha spiegato che Nicol sarà seguito da un team di giovani lucani. Il team si dividerà in due gruppi: il primo si occuperà della parte sportiva, dando supporto al ciclista durante le tappe; il secondo si occuperà dell’ ambito promozionale, documentando il viaggio e raccogliendo il materiale da condividere sui social network (Facebook e Instagram).

“Culture on the orad” è l’hashtag ufficiale dell’impresa sportiva. “Oltre a spendere impegno organizzativo e promozionale – ha tenuto a precisare Grieco – EuropeBike collaborerà con la Fidas Basilicata (Federazione Italiana Associazioni Donatori di Sangue) e con la “Lega Italiana Fibrosi Cistica” (Sezione lucana), raccogliendo fondi per la ricerca”.

Il nostro Nicol – ha concluso il coordinatore del progetto – percorrerà circa 2.700 km divisi in 26 tappe, per una media di 100 km al giorno. La partenza è prevista per il 26 agosto 2019 e il giro toccherà quelle città europee e italiane, che hanno già ottenuto la nomina di Capitale Europea della Cultura, come Amsterdam, Rotterdam, Anversa, Bruxelles, Lussemburgo, Bologna e Firenze. Prima dell’ arrivo a Matera ci saranno altre due tappe lucane, Potenza e Viggiano, paese natale di Nicol. Il giro arriverà il 22 settembre 2019 a Matera, in Piazza Vittorio Veneto, dove verrà organizzato un evento per omaggiare l’impresa”.

Racconteremo questa avvincente impresa sportiva attraverso un docu-film che durerà circa 45 minuti e verrà realizzato in Full HD, in più ogni giorno verranno realizzati delle clip mirate a raccontare i paesi da cui passeremo, che verranno caricate sulle pagine social”.

Rocco Marino, regista e sceneggiatore lucano di Potenza che vive e lavora a Milano, dove ha costituito una casa di produzione la ‘Veleno Production’, si è detto entusiasta del progetto.

“Il video – ha precisato – sarà un diario di bordo, un flusso costante di emozioni per narrare ad un pubblico vasto il tour di EuropeBike ma anche per raccontare le bellezze dei luoghi che toccheremo. Un prodotto che ci consentirà – ha concluso – di ribadire che la cultura può avere più livelli di espressione”.

Il presidente del Consiglio regionale della Basilicata, Carmine Cicala  ha detto:”Un’impresa non solo sportiva ma anche culturale per portare la Basilicata in Europa. Oggi abbiamo la possibilità di sostenere un atleta che con tenacia e determinazione crede nel progetto ‘EuropeBike’. Insieme a lui, un affiatato gruppo di giovani che vivrà lo sport come strumento di crescita personale per mettersi alla prova e superare i propri limiti, centrando un obiettivo ambizioso. Il viaggio diverrà anche momento di scoperta, condivisione e arricchimento”.

Una manifestazione – ha sottolineato  – che si tradurrà anche in incontro con i nostri corregionali che vivono nelle città toccate dal tour che, sono sicuro, saranno lì ad accogliervi, perché forte e vivo è il senso di appartenenza e che avrà un obiettivo importante quello di creare un filo conduttore tra due capitali della cultura, Leeuwarden e Matera, oltre che narrare le bellezze della Basilicata. Tanti sono i temi del progetto EuroBike che sostengo e mi auguro proseguano nel territorio con nuove formule per i giovani. Il mio in bocca al lupo a Nicol Ielpo e alla squadra che lo aiuterà in questa missione”.