” Che sia diventata il paradiso delle talpe?”. A chiederselo, dopo aver osservato buchi nell’asfalto, quanti non rinunciano a correre o ad andare in bici sulla strada che da contrada Pantanello, a ridosso del nuovo camposanto di Matera, porta all’incrocio (la foto si riferisce a quel punto) con le trasversali prossimo all’incrocio che porta all’Istituto tecnico Agrario ” Briganti” e più avanti al borgo Venusio. Giovanni è tra quei materani che proprio non si rassegna al degrado di una strada,che andrebbe restituita alla funzione originaria che era quella di pista ciclabile e con un unico senso di marcia per i veicoli. Della questione, ricordiamo, se ne era occupato a più riprese il collega Vito Bubbico che ha pressato , periodicamente, l’assessore comunale alla mobilità di turno affinchè si rivedesse una delibera che applicava in maniera ”stretta” le direttive da viabilità sicura per Matera 2019 e in particolare per il traffico collegato alla Cava del Sole. Ci poteva stare nei giorni degli spettacoli serali… E dall’anno della miriade di eventi (pochi alla Cava del Sole) sono passati tre mesi, ma le cose sono rimaste com’erano. Una ingiustizia e una omissione…Altro a cui pensare ? Forse. Ma non è modo di fare. Tra l’altro andremo a votare per le amministrative… Nell’immediato occorre riparare le buche, Giovanni denuncia il pericolo per persone e veicoli, e ripristinare lo stato delle cose a prima dell’anno europeo della cultura.