P.L. Mont.so: Cifarelli Giovanni, Mazzoccoli (37’ s.t. Bianco), Leone Raffaele (43’ s.t. Castellaneta) Mossuti, Tafuno E., Ditaranto R. (40’ s.t. Ditaranto G.), Touchant, Leone Rocco, Ingordino, Suglia (21’ s.t. Mossuto) Palmirotta. A disp: Ciarfaglia. All: D’Adamo

Salandra: Cifarelli Simone, Zizzamia, Barbarito R., Mastrosimone, Luongo, Casalingo, Castellano, Bollettieri, Ragone (47’ s.t. Iacovino A. jr), Angelastro, Tarquilio (33’ s.t. Barbarito S.)
A disp: Romanelli, Grassano All. Chetti

Arbitro: Sassone (sez. di Moliterno)

Marcatori: 38’ s. t. Ragone (Salandra).

Ammoniti: Ingordino, Tafuno (Mont.so); Angelastro, Bollettieri (Salandra)

Note: Espulso Castellano (Salandra) al 44’ s.t. per doppia ammonizione.

Recupero: 0’ p.t.; 6’ s.t.

Terza sconfitta consecutiva per la Polisportiva Libertas Montescaglioso al cospetto di un volitivo Salandra, squadra abile sia nel gioco di rimessa che in difesa che avrebbe potuto segnare altre reti. Grande merito va al portiere montese Giovanni Cifarelli, capitano del Montescaglioso, reattivo e pronto a respingere le conclusioni scagliate dagli avanti salandresi.

Dopo 4 gare il Montescaglioso resta fermo a soli 3 punti, frutto della vittoria nella prima gara stagionale; il Salandra, invece, coglie il secondo successo che gli consente di salire a quota 6 punti. Una significativa curiosità nella gara è stata rappresentata dal derby in famiglia giocato tra i due portieri: infatti Giovanni e Simone Cifarelli sono fratelli.

Era invece assente l’altro Cifarelli, Stefano, attaccante montese, che, con Luigi Mangia, suo partner d’attacco, rende più creativa e concreta la manovra d’attacco del team montese guidato da mister D’Adamo. Inoltre i locali non hanno potuto disporre, nell’occasione, di elementi come Carriero, Bubbico e Simmarano, la cui presenza in campo sarebbe stata molto utile nel corso della gara per cercare i tre punti. Tra le fila del Salandra, oltre al giovane estremo montese, da segnalare anche Francesco Casalingo, grande ex, tra i migliori in campo.

Gli ospiti vanno vicini al gol già al 3’, con una veloce ripartenza di Castellano e conclusione respinta con bravura da Giovanni Cifarelli, che si ripete al 9’ su gran conclusione di Bollettieri. Al 15’ una veloce combinazione Castellano – Ragone – Bollettieri si conclude con un tiro fuori di poco. I montesi si fanno vedere con un paio di tiri dalla distanza, terminati ampiamente fuori; ben più pericoloso al 23’ Mazzoccoli (tra i migliori del Montescaglioso) che gira a botta sicura verso la rete costringendo Casalingo alla respinta con il corpo; al 35’ la girata di destro in area di Ingordino è debole e facilmente parata da S. Cifarelli. Prima dell’intervallo il montese Palmirotta (all’esordio stagionale tra le mura amiche) indugia troppo dopo un cross dalla sinistra e si fa chiudere in corner dai difensori salandresi.

La ripresa è aperta dopo pochi secondi da un episodio dubbio in area salandrese: Ingordino e Luongo vengono a contatto facendo gridare al rigore: il signor Sassone, apparso insicuro in alcuni frangenti della gara, opta per un fallo dell’avanti montese. Al 3’ Giovanni Cifarelli chiude con coraggio lo specchio di porta a Castellano e rimane lievemente contuso al naso dopo lo scontro fortuito col centravanti ospite.

Dopo 4 minuti di interruzione la gara riprende senza conseguenze per il portierone montese. La Libertas tenta la conclusione da lontano con Rocco Ditaranto (15’, ampiamente alta) mentre al 16’ G. Cifarelli respinge di piede su tiro del solito Bollettieri. 4’ dopo quest’ultimo conclude di poco fuori dalla distanza. Al 24’ occasionissima non sfruttata da Casalingo che conclude alto da pochi passi sugli sviluppi di una punizione. Al 25’ il neo entrato Mossuto impegna S. Cifarelli con due conclusioni che fruttano altrettanti corner; al 31’ Castellano impegna ancora una volta G. Cifarelli con un pericoloso diagonale deviato in angolo; sugli sviluppi Casalingo si lamenta per un presunto fallo in area di rigore commesso su di lui dall’eterno Emanuele Tafuno, episodio sul quale il sig. Sassone sorvola.

L’azione prosegue con un veloce contropiede montese: Palmirotta crossa dalla destra per l’accorrente Ingordino che di sinistro conclude di poco alto sulla traversa (forse deviazione di S. Cifarelli). Un antico adagio recita: “gol mangiato, gol subito”: al 38’ si ha l’ennesima conferma: veloce penetrazione dalla sinistra di Castellano che crossa per Ragone, il quale non ha difficoltà a segnare da pochi passi quella che sarà la rete della vittoria.

I montesi, al 39’, in un solo minuto, creano due ottime occasioni da rete: tiro – cross dalla destra di Raffaele Leone la cui traiettoria scavalca S. Cifarelli e coglie il palo; sugli sviluppi dell’azione il neo entrato Bianco conclude fuori di pochissimo alla sinistra della porta avversaria.

Al 44’ il salandrese Castellano, migliore dei suoi, è espulso per doppia ammonizione; al 45’ ultima occasione per il pareggio montese ma la conclusione di testa di Ingordino è centrale e preda del portiere Cifarelli ospite.