Viaggiare e far viaggiare gratis e con l’obiettivo di giocare al massimo ribasso in campagna elettorale per le comunali di MATERA 20 20, anzi venti e venti giocando alla morra. Quelli di APPeppino che hanno sempre la testa al gioco dei” Monopolì di Stato e di Statti quieto che facciamo noi” si sono inventati una convenzione fatta di strette di mano e di decolli improvvisi da via Ridola e diretita al fallimentare aeroporto di Pontecagnano (Salerno). Lo scalo, inaugurato tre volte in 20 anni, e che vede la Regione Basilicata da varie legislature (dalla Margherita al Pd) finanziare a fondo perduto quello scalo e con tutto l’avvallo dei rappresentanti materani, fregandosene di quello di Pisticci. Bella roba davvero. Ricordatevene quando andate a votare e come si dilapidano nella filiera lauriota e lavangoniana i quattrini pubblici. Per cui gli attivisti di APPeppin da Vito l’Evangelista, a Stacchio Grieco al leader Pino Siggillino ”accquattati” in via Alessandro Volta-incrocio di Via Ridola, in vista del passaggio del tandem truccato che deve fare il totale…con Giuseppi Conti, il segretario piddino ” feliceallegria” Nicola Zingaretti alla catena di Matteo Renzi e ‘checciòscrittoGiocondo” Luigi Di Maio arroventato di entusiasmo sulla piastra Rousseau per il ”sì” al governo con il Pd . Risate di circostanza perchè, come ripete l’economista e legale di APPeppino avv.Michele De Rovellis, c’è da vedere come troveranno la quadra su bilancio e bilancini di precisione… E ritorniamo ai trucchi e al buon peso della piazza di una volta. E allora in volo cantando “Azzurro” di Adriano Celentano.Di pagare,a guidicare dalla foto e dalla facciatosta che si ritrovano, non se ne parla proprio anche se il Pm Imma Tataranni, quella della fiscion ( sì scritto alla materana) è intenzionata ad aprire un fascicolo per il reato di associazione per delinquere finalizzata alla truffa culturale continuata e aggravata. Il ”rascko”, come si dice in gergo, o l’ammanco è di quelli a sette zero per le casse della Istituzione che si è divertita, a pieni mani, e ha fatto divertire quelli che sono riusciti a vedere per i grandi appuntamenti, con o senza passaporto sospeso, sull’autobus con il biglietto coperto dalle casse comunali o attaccandosi a un tram chiamato desiderio ( sì proprio come il film). Da qui tutto il priscio di andare fino al fallimentare aeroporto di Pontecagnano senza pagare ”nu bbecckk”. E tra l’altro con un autista abusivo, che la patente l’ha vista quando l’ha presa visto che gliel’hanno ritirata perchè ha più di qualche debolezza di reni… A ridere da farsela addosso. Servono steward e hostess.Incombenza affidata ad Antonella Presta messa alla guida della Materafly, una società di servizi che sta rispolverando la mobiità alternativa con la carrozza a cuscinetti di ferro, pattini, monopattini e tutta la filiera del ” Va v’losc, va’ va”. Naturalmente top secret sull’argomento. E pare che ci sia dentro anche Donald Trump…per i trampoli. Affari in vista e soldi, soldi come canta Mahmood, in concerto alla Cava del Sole (quella abusiva) che porta al Pantano…anzi a Pontecagnano. A Felice Tressanti, veterinario pieno di energheia, il compito di disinquinare la zona da maravotte(rane) e zam’redd (zanzare).