…Stessa spiaggia stesso mare, come ricorda una nota canzone di Edoardo Vianello. Magari si potesse, ma non lo consentono i divieti da zona rossa da confinamento domiciliare (utilizziamo le parole in italiano) imposti dall’epidemia da virus a corona. E allora per la simpaticissima Katya Di Cuia, che ha messo da parte la telecamera di servizio per una domestica, non resta che farsene una ragione girando un breve video postato sulla sua pagina facebook , che sta facendo il giro di amici e parenti. Un risultato gradevole che ci scherza sù per attrezzarsi a passare Pasqua e Pasquetta nella tenda di casa, montata in salotto, cantando il ritornello ” Per quest’anno non cambiare, a casa dobbiamo stare…non rinuncio alla scampagnata e ho attrezzato un campeggio nel salon”. Un po’ di colore, abbigliamento spensierato, la voce intonata con la chitarra accordata e vai con l’invito caparezziano a ” Venire a ballare in in tenda in una giornata stupenda” e a prendere la vita come un cocktail di allegria sulle note di “Indietro Tutta” dell’immarcescibile Renzo Arbore ” Sì, la vita è uno spritz, noi non ci pensiamo ai decreti e alle variazioni in compagnia della canzoni di Claudio Baglioni” E così mentre sul barbecue cuoce la costata aleggia il decreto rosso che blocca a più non posso. La colpa? Risposta sulle le note di Zucchero ”…Per colpa di chi, chi, chi noi resteremo qui fino a martedì” cantano scherzate, e rassegnate, le due donne augurando Santa Pasqua e felice Pasquetta a tutti. Sperando che sia l’ultima da pandemia da covid e varianti, che vorremmo salutare tutti quanti. Nel frattempo cantiamocì sù, nonostante la cabala ripete che non c’è due senza il tre…