martedì, 23 Aprile , 2024
HomeSalute & BenessereSindacati Tdm,e Fimmg a Potenza : Basta chiacchiere!Servono Fatti

Sindacati Tdm,e Fimmg a Potenza : Basta chiacchiere!Servono Fatti

Ascoltati con la consueta annotazione di appunti, precisazioni, ma nessun impegno sulla neccessità di rilanciare – nei fatti- la sanità nella provincia di Matera a cominciare dagli Ospedali Madonna delle Grazie della Città dei Sassi- depotenziamento gradualmente fino all’ennessima violenta protesta dei Cittadini per servizi negati o dai tempi lunghi- e del Giovanni Paolo II di Policoro, senza dimenticare il taglio ai servizi del territorio. L’autodizione in quarta commissione non poteva che portare a questi scontati risultati. Tocca alla giunta guidata da Vito Bardi procedere a una inversione di rotta che, di fatto non c’è, con un strabismo evidente verso l’azienda ospedaliera regionale (aor) San Carlo di Potenza che – guarda caso- è l’unica a tirare dritto, in base a un disegno riorganizzativo e accentrativo regionale che ha sottratto risorse e servizi agli altri presidi. Quell’ospedale, del quale ci piacerebbe conoscere i Lea che ne giustifichino ruolo e risorse, non può essere l’unica struttura per curare i residenti della Basilicata, una regione dalle problematiche differenti che deve potersi curare in loco. I sindacati sono andati oltre e hanno denunciato la illegittimità della nomina della direttrice generale della Asm,Sabrina Pulvirenti, a commissario del Crob di Rionero. Argomento trattato nella relazione annuale della Procura della Corte dei Conti, insieme ad altre nomine regionali.Alla Regione continuano a far finta di nulla. Fino a quando? Sindacati, tdm e medici non mollano e così i tanti materani, costretti a rivolgersi fuori regione- e spesso in urgenza-per curarsi. Le responsabilità ci sono e lo spreco di risorse anche. La facoltà di medicina a Potenza, non era e non è la priorità della sanità di Basilicata. Anzi.

Matera,16 dicembre 2022
Ai mezzi di informazione
Cgil – Cisl – Uil di Matera e le Associazioni, comunicano che il 15 dicembre 2022 alle ore 10.00, presso la Sala del Parlamentino del Consiglio Regionale si è svolta l’Audizione da parte della IV Commissione Consiliare Permanente di Cgil – Cisl – Uil di Matera e – in rappresentanza delle Associazioni – del Tribunale dei Diritti del Malato e della FIMMG (Federazione Italiana Medici di Medicina Generale) .
Oltre al Presidente della IV Commissione Zullino, erano presenti alcuni dei Consiglieri regionali di minoranza (Perrino, Polese, Vizziello) e alcuni della maggioranza (Bellettieri, Sileo, Giorgetti). I rappresentanti sindacali hanno presentato e commentato il documento in formato power point (allegato) e depositate le 12.600 firme raccolte a sostegno della Petizione “Contro il declino della sanità materana”.
L’Audizione è stata integrata dagli interventi della Presidente regionale del Tribunale dei Diritti del Malato e dal Segretario regionale della FIMMG.
I consiglieri regionali presenti hanno fatto delle domande sulle problematiche esposte e aggiunto anche delle precisazioni di merito.
Dall’Audizione e dal confronto con i componenti la IV Commissione emerge uno spaccato della Sanità lucana, ed in particolare quella materana, a dir poco drammatico, che evidenzia il più totale scollamento del Governo regionale rispetto alle reali esigenze e domande di salute dei cittadini, alle quali l’attuale organizzazione e governance della Sanità lucana non è in grado di fornire risposte adeguate.
Nell’ambito della discussione si è convenuto sulla presenza di un deficit complessivo della governance delle Aziende Sanitarie lucane, come pure sull’illegittimità della nomina a Commissario dell’IRCSS Crob del già Direttore generale dell’ASM di Matera, dott.ssa Pulvirenti.

RELATED ARTICLES

Rispondi

I più letti