Il sindaco Domenico Bennardi l’aveva annunciato e richiesto in campagna elettorale e poi all’insediamento, ma senza riuscire a convocare un consiglio comunale sulla situazione sanitaria nel Materano con particolare riferimento alla situazione dell’ospedale ” Madonna delle Grazie”, depotenziato anche nella Asm e con un disegno sotterraneo- che prende origine dalla precedente amministrazione regionale- di accentrare tutto a Potenza e in una azienda sanitaria unica regionale. Disegno smentito, o accantonato, a seconda di come la pensiate, dalla giunta guidata da Vito Bardi. Fatto sta, e questo è un dato oggettivo, è che ad oggi nonostante le rassicurazioni che l’Ospedale di Matera ”non si tocca e che, anzi verrà potenziato” non abbiamo ancora visto un confronto stabile e concreto tra Regione ed Ente locale, anzi enti visto che la conferenza dei sindaci è centrale su questo tema. E si attendono indicazioni anche sulla Asm, gestita finora da un commissario, e con una direzione competente, ci mancherebbe, ma senza alcuna scelta locale. E questo a Matera – piaccia o no – lascia intendere quale possa essere il disegno futuro di riorganizzazione. Forse ci sbaglieremo. Ma pensare a male, talvolta ci si azzecca, come ripeteva ”Belzebù” Giulio Andreotti. L’ordine del giorno approvato all’unanimità da consigliere di maggioranza e opposizione è un segnale di unità e di proposta costruttiva sulle cose da fare. Attendiamo i fatti e lo studio del Circolo La Scaletta offre spunti interessanti per lavorarci sù. L’assessore Rocco Leone, in videoconferenza, si è impegnato a fare certe cose e, naturalmente, auspichiamo che si possano realizzare. Non ha nascosto, e gliene diamo atto, le difficoltà a superare vecchie situazioni interne alla Asm ” …Siamo subentrati -ha detto nel comunicato, che pubblichiamo di seguito- in un’azienda sanitaria estremamente complicata, dove non venivano messi al centro gli interessi dei cittadini, ma prevalevano conflittualità e personalismi che hanno ostacolato anche la trasparenza” Se è così attendiamo rilancio e pulizia anche in questo settore. Buon lavoro…

L’ORDINE DEL GIORNO APPROVATO IN CONSIGLIO

Al Sindaco di Matera Domenico Bennardi
Al Presidente del Consiglio Comunale Antonio Materdomini

Oggetto: Istanze per il potenziamento dell’ospedale “Madonna delle Grazie” di Matera

I sottoscritti Consiglieri comunali

premesso che

Il sistema sanitario della Regione Basilicata è interessato da un processo di riorganizzazione.
La pandemia ha afflitto la comunità negli ultimi due anni ed ha acuito le problematiche socio-sanitarie ed assistenziali;
I presidi sanitari per rispondere all’emergenza covid-19 hanno trascurato l’erogazione dei percorsi diagnostici e di cura di base;
La Città di Matera e la sua provincia registra un’emigrazione sanitaria crescente in particolare verso la Puglia;
La domanda di servizi socio-sanitari ed assistenziali della provincia di Matera è in crescita anche in ragione della sempre maggiore presenza di cittadini non residenti;
– la valutazione della attuale situazione strutturale del sistema sanitario, così come emerge dall’analisi dei dati del Ministero della Salute, elaborati dal Rapporto “Check-up della Rete Ospedaliera della Regione Basilicata” del Circolo la Scaletta presentato e discusso nella assise comunale alla presenza dell’assessore Leone, e dei Consiglieri regionali intervenuti, evidenzia una differenziazione tra le due province che richiede una specificità delle risposte amministrative da fornire;
– che occorre prendere atto di tale differenziazione per definire in modo puntuale una risposta politica in termini di soddisfacimento dei bisogni sanitari;
– che le risposte amministrative che si definiranno devono chiarire prioritariamente la visione strategica complessiva nell’ambito della quale visione definire le proposte;
– che le risposte amministrative che si auspica possano determinarsi a seguito del confronto che si avvia in data odierna a vantaggio dei cittadini siano orientate all’incremento della qualità della cura;
– che il tema della sostenibilità economica dell’Intero sistema sanitario regionale sia supportato da un sistema sanitario attrattivo che migliori il saldo passivo in termini di migrazione sanitaria;

Considerato che

L’ospedale di Matera “Madonna delle Grazie” sta vivendo un progressivo depauperamento di risorse umane e tecnologiche con una drastica riduzione della capacità di offrire servizi specialistici e una pronta risposta alla domanda di salute dei cittadini della Provincia di Matera

Impegnano Sindaco e Giunta

1. A convocare periodicamente l’Assemblea dei Sindaci per raccogliere e coordinare le istanze della provincia di Matera in relazione al riordino del sistema sanitario regionale e alla definizione del Programma Sanitario Regionale;
2. A convocare periodicamente un audit clinico per controllare e monitorare la qualità del sistema e del servizio sanitario
3. A definire un raccordo istituzionale permanente con la Regione Basilicata affinché si mettano in atto tutte le azioni utili a:
3.1. Potenziare e qualificare dal punto di vista organizzativo, sanitario, tecnologico ed assistenziale l’ospedale di Matera “Madonna delle Grazie” in relazione ad una strategia di riorganizzazione sanitaria regionale e di equa distribuzione delle risorse economiche;
3.2. Destinare in modo prioritario le risorse del PNRR per il superamento dei disequilibri dell’offerta socio-sanitaria ed assistenziale delle due province;
3.3. Ridare centralità allo sviluppo dell’ospedale di Matera superando la logica dell’ospedale unico regionale. A tal proposito la nascente facoltà di medicina nella città di Potenza non deve vedere esclusa la città di Matera ;
3.4. Garantire la massima trasparenza e partecipazione nel processo e verifica del riordino della sanità regionale che non può vedere i territori soggetti passivi di scelte verticali non condivise.

L’INTERVENTO DELL’ASSESSORE ROCCO LEONE
Sanità materana, Leone: “Eredità complicata, ma ce la faremo”
L’assessore regionale ha annunciato che al ‘Madonna delle Grazie’ a breve partiranno i lavori legati alla radioterapia e all’ampliamento del pronto soccorso

“Quella di oggi è una occasione di confronto importante che consente di chiarire alcuni aspetti sulle politiche da mettere in campo nel comparto sanitario. Qualcuno di recente ha parlato di depotenziamento della sanità materana, creando nei miei confronti un vero e proprio linciaggio mediatico, non corretto sul piano umano. A queste persone ricordo che da utente usufruisco dei servizi dell’Azienda sanitaria di Matera, in caso di bisogno mi curo in Basilicata”.
Così ha esordito l’assessore regionale alla Salute, Rocco Leone, intervenendo nella seduta del Consiglio comunale di Matera, a cui hanno preso parte rappresentanti istituzionali regionali e del territorio, sul tema “Diritto alla salute, sanità e territorio del Materano”.
“Questa amministrazione regionale – ha aggiunto Leone – intende rilanciare la sanità della provincia di Matera, ma siamo subentrati in un’azienda sanitaria estremamente complicata, dove non venivano messi al centro gli interessi dei cittadini, ma prevalevano conflittualità e personalismi che hanno ostacolato anche la trasparenza. Nei giorni scorsi, sulla stampa locale, si parlava dei ritardi registrati per il reclutamento dei nefrologi, ma questo concorso è stato rinviato per ben trenta volte in attesa che si specializzasse la figlia di qualcuno. Stesso discorso per il concorso di endocrinologia.
Quello che stiamo facendo – ha chiarito l’assessore – è portare l’Asm verso la normalizzazione. Una battaglia difficilissima che, con la squadra messa in piedi e con l’aiuto che arriverà dai rappresentanti territoriali, riusciremo a vincere”.
Dopo aver ascoltato gli interventi dei sindaci e dei consiglieri regionali, Leone ha ripreso la parola ringraziando il dott. Angelo Andriulli per l’elaborazione dei dati ministeriali relativi alla sanità lucana, evidenziando “la necessità di puntare su meritocrazia e valutazione della qualità dei servizi erogati per rilanciare le strutture ospedaliere lucane e la medicina territoriale”. Inoltre, approfittando dell’opportunità, l’assessore regionale ha annunciato che “si sono conclusi gli iter amministrativi legati alla radioterapia e all’ampliamento del pronto soccorso al ‘Madonna delle Grazie’ di Matera, quindi a breve partiranno i lavori; mentre sono in corso le gare per la realizzazione del blocco parto e della centrale unica di sterilizzazioni, che prevedono rispettivamente investimenti per 1,5 e 4 milioni di euro”.