mercoledì, 28 Febbraio , 2024
HomeEventiMontescaglioso: Incontro con prof. Silvio Garattini (Ist. Mario Negri di Milano).

Montescaglioso: Incontro con prof. Silvio Garattini (Ist. Mario Negri di Milano).

Il prof. Silvio Garattini, celebre oncologo, farmacologo, libero docente e ricercatore, presidente e fondatore dell’Istituto di ricerche farmacologiche “Mario Negri” di Milano, presso l’Abbazia benedettina di s. Michele Arcangelo, ha presentato la sua opera “Prevenzione è rivoluzione. Per vivere meglio e più a lungo” (Società editrice il Mulino, 2023). L’evento è stato organizzato dall’APS Penso Struttura – Centro culturale polivalente con il patrocinio del Comune di Montescaglioso (MT) e la collaborazione di UISP (Unione Italiana Sport Per tutti) di Matera, UNITEP (Università della terza età e della educazione permanente) di Matera e UNIMED di Montescaglioso.

Il dr. Vincenzo Scialpi, medico di medicina generale, nel messaggio di saluto introduttivo, ha reso noto che l’evento rientrava nelle attività per la realizzazione, a Montescaglioso (MT), di una sede succursale  dell’Università della Terza Età di Matera. Ha poi ringraziato l’Amministrazione comunale per la disponibilità dei locali ed il prof. Garattini, persona conosciuta e molto apprezzata per la sua meritoria attività nel campo della ricerca. In riferimento all’ultima pubblicazione del novantacinquenne Garattini, il medico montese ne ha evidenziato l’approfondimento della tematica, corredata da una bibliografia di notevole spessore.

Il dr. Angelo Andriulli, Primario emerito di Gastroenterologia presso la Casa Sollievo della Sofferenza di S. Giovanni Rotondo (FG), ha evidenziato l’importanza della serata che ha visto ospite nella città montese l’illustre scienziato lombardo, fondatore, nel 1961, dell’Istituto di ricerche farmacologiche IRCCS “Mario Negri” di Milano. Al prof. Garattini sono state riconosciute numerose onorificenze nazionali e internazionali: la Medaglia d’oro al merito della sanità pubblica; lauree honoris causa da parte di diverse università europee; la Legion d’Onore della Repubblica francese per meriti scientifici; il titolo di Grand’Ufficiale della Repubblica Italiana oltre a prestigiose cariche nazionali ed internazionali. Tra di esse: consulente dell’Organizzazione Mondiale della Sanità; membro del Consiglio di Amministrazione dell’Ist. Superiore di Sanità; membro del Comitato Esecutivo per la Politica della Ricerca (CEPR) del Ministero dell’Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica; membro del Comitato Scientifico della LILT (Lega Italiana per la Lotta Contro i Tumori); Vicepresidente del Consiglio superiore di sanità; Presidente della Organizzazione europea di ricerche sul cancro (EORTC).

Ha ricordato alcune cifre legate al meritorio lavoro svolto dall’Istituto “Mario Negri“: 850 ricercatori operanti in 4 sedi italiane; oltre 10.000 pubblicazioni scientifiche prodotte; 856 lavori scientifici redatti personalmente dal prof. Garattini. Il medico montese, prima di lasciare la parola all’illustre ospite, ha citato alcune controversie che, negli scorsi anni, hanno visto protagonista lo scienziato lombardo.

Garattini ha ripercorso le tappe che hanno portato alla nascita, nel 1961, dell’Istituto di ricerche farmacologiche IRCCS “Mario Negri” di Milano. Ha evidenziato che tale percorso è stato basato sul modello statunitense: a quel tempo le fondazioni presenti oltreoceano non erano sottoposte a lunghi iter burocratici ed erano no profit (senza fini di lucro). Ha poi illustrato la figura di Mario Negri, impegnato nel settore della gioielleria industriale, il quale aveva investito nel settore farmaceutico. Alla sua prematura morte Negri ha destinato un considerevole lascito che ha consentito la nascita della fondazione che porta il suo nome.

Garattini ha sottolineato l’importanza di svolgere la ricerca a tempo pieno e in vari campi; essa deve essere a piena disposizione di tutti, senza vincoli di brevetti. In seguito ha posto a confronto i positivi numeri, in Italia, relativi all’attesa di vita sia per i soggetti di sesso maschile che di sesso femminile, contrapposti ai dati, in questo caso non positivi, della durata di vita sana. Il mercato farmaceutico, in Italia, genera numeri che superano i 20 miliardi di euro l’anno: per l’approvazione di un farmaco devono coesistere qualità, efficacia e sicurezza; un aspetto che non è approfondito, secondo il suo parere, è quello del valore terapeutico dei farmaci. Ha, inoltre, evidenziato come la prevenzione sia in conflitto di interessi con il mercato farmaceutico. A tal proposito ha lamentato la mancanza, in Italia, di un’informazione indipendente su queste importanti tematiche.

Nei vari temi affrontati con grande capacità comunicativa, il prof. Garattini ha posto in evidenza i diversi effetti che un farmaco può scatenare in individui di sesso diverso e l’irrazionalità di talune prescrizioni di farmaci. Allo stesso tempo ha espresso tutto il suo scetticismo riguardo a medicina omeopatica e integratori alimentari (questi ultimi capaci di generare un mercato da 5 miliardi di euro annui). Almeno il 50% delle malattie croniche sono evitabili e lo stesso vale per il 40% dei tumori: la strada da seguire è quella della prevenzione; la salute (ovvero le buone abitudini di vita) deve diventare materia di insegnamento nelle scuole. Notevole il valore degli screening (ai quali si sottopone solo il 50% della popolazione). Da evitare il fumo, l’abuso di antibiotici, il consumo eccessivo di alcol e carne rossa: l’alimentazione deve essere varia e moderata allo stesso tempo, accompagnata dall’esercizio fisico quotidiano.

L’iniziativa di divulgazione scientifica si è conclusa con le domande poste dal pubblico al celebre scienziato di Bergamo.

Michele Marchitelli
Michele Marchitelli
Iscritto dal 28.02.2001 all’Ordine dei Giornalisti di Basilicata, El. Pubblicisti; Dr. Magistrale in Nuove Tecnologie per la Storia e i Beni Culturali (Facoltà di Lettere e Filosofia) c/o l'Università degli Studi della Basilicata; docente di italiano, Storia, Geografia e Ed. Civica nella Scuola Secondaria di I e II grado. Dal 1998 al 2011 corrispondente giornalistico per due quotidiani a diffusione regionale; ho, inoltre, svolto attività di Ufficio Stampa per il Comune di Montescaglioso (MT). Autore dei romanzi, editi da Youcanprint Spa: “Che caldo quella notte…” (2017); "La via del suo destino"(2022).
RELATED ARTICLES

Rispondi

I più letti