mercoledì, 28 Febbraio , 2024
HomeSalute & BenessereLotta dura…la Sanità pubblica deve cambiare da Milano in giù

Lotta dura…la Sanità pubblica deve cambiare da Milano in giù

E del resto l’azione continua avviata dal Comitato promotore del referendum Sanità Lombarda, con presidi, petizioni e ricorsi al Tar, dopo l’opposizione in consiglio regionale da parte della maggioranza di centrodestra guidata da Attilio Fontana, non si poteva che rafforza energie e volontà con 10 giorni di lotta, cominciati venerdì 13 ( i superstiziosi restino pure a casa) e che culminerà il 21 con una manifestazione sotto al Pirellone …il palazzo di una Regione, che non vuole sentire ragione. E così è anche altrove, Basilicata compresa, alle prese con una riorganizzazione finalizzata all’accentramento di funzioni in un’unica Azienda ospedaliera regionale- cominciata con i governi di centrosinistra e proseguita con quella di centrodestra, guidata dal forzista Vito Bardi- e con il risultato dell’aumento della migrazione sanitaria. E né incantano gl annunci del Pnnr di ‘’Speranziana’’ memoria. Servono i fatti. A cominciare dal Governo che ha già messo le mani avanti: Finanziaria al risparmio. Non ci sono soldi. Nemmeno per quella privata?

Comitato Promotore Referendum Sanità Lombarda
La sanità lombarda deve cambiare! Tutti a Milano, sabato 21 ottobre sotto la Regione

COMUNICATO STAMPA
In corso da oggi le dieci giornate di mobilitazione promosse dal Comitato Promotore Referendum Sanità Lombarda: manifestazione conclusiva sabato 21 ottobre,in piazza Lombardia, sotto la Regione, con don Luigi Ciotti

Milano, 13 ottobre 2023 – “La sanità lombarda deve cambiare”! E’ questo l’obiettivo al centro della grande mobilitazione lanciata dal Comitato Promotore Referendum Sanità Lombarda con iniziative in corso da oggi in svariate città della Lombardia: il momento centrale sarà la manifestazione prevista a Milano per sabato 21 ottobre, dalle 11.00 in via Galvani, in Piazza Lombardia, sotto la Regione, con la partecipazione di don Luigi Ciotti. Impossibile farla in Via Mercanti, come richiesto, poiché per la drammatica guerra in Medio Oriente sono state vietate tutte le iniziative pubbliche in centro per motivi di sicurezza. La mobilitazione di sabato 21 sarà una tappa fondamentale in un percorso che proseguirà fino a quando sarà garantito a tutti il diritto alla cura.

“Non ci fermiamo, anzi rilanciamo con forza la nostra battaglia per garantire il diritto alla salute per tutte le cittadine e cittadini con un piattaforma condivisa di proposte in dieci punti, alla cui base c’è la richiesta di attuare immediatamente un centro di prenotazione davvero unico e pubblico per tutte le strutture pubbliche e private accreditate, accessibile a tutti, con agende per la prenotazione sempre aperte, dati sulle liste di attesa e bilanci resi pubblici da tutti gli enti accreditati”, dichiarano i rappresentanti del Comitato promotore Referendum, Marco Caldiroli Medicina Democratica, Federica Trapletti CGIL, Vittorio Agnoletto Osservatorio Salute, Massimo Cortesi ARCI, Andrea Villa Acli. Come pure un’altra richiesta immediata è attuare le norme esistenti che garantiscono ai cittadini prestazioni nei tempi prescritti dai medici di medicina generale, riducendo gradualmente le prestazioni in libera professione.

Come è noto si sta procedendo con il ricorso al Tar Lombardia contro l’illegittima bocciatura del referendum parzialmente abrogativa della legge regionale sanitaria, che ha privato i cittadini del diritto a esprimersi sulla intollerabile situazione della sanità lombarda, dove liste d’attesa infinite e il prevalere del privato sul pubblico stanno rendendo impraticabile l’accesso alle cure per le fasce più deboli e fragili della società.

Le iniziative prendono il via oggi, 13 ottobre, dalle ore 18,00 a Bergamo in via XX settembre 18 davanti alla Regione, si prosegue domani, 14 ottobre, a Saronno con una assemblea popolare, dalle 10 alle 13,30 in piazza Schuster, organizzata dal Comitato Il Saronnese per l’Ospedale e la Sanità Pubblica. Il 16 a Cremona sono previsti presidi con volantinaggio dalle 8,00 alle 10,00 davanti alla ASST di Cremona e all’ASST di Crema (Volantini fatti); il 16 Ottobre a Ticino-Olona previsto un volantinaggio in occasione della Festa di Abbiategrasso. Il volantinaggio sarà itinerante e si articolerà toccando diversi punti della città (Ospedale-Asp Golgi Redaelli -lunapark) dislocati in due piazze. Seguono numerose altre iniziative già fissate in altre e in corso di definizione.

per info: Angela Amarante cell. 340 5633034 ufficio stampa CGIL Lombardia;
per info: Carmìna Conte cell. 393 137 7616, ufficio stampa Medicina Democratica;
per info: Edoardo Caprino cell. 339 5933457 ufficio stampa SPI CGIL Lombardia

RELATED ARTICLES

Rispondi

I più letti