“Calma e gesso” ha detto il sindaco di Colobraro Andrea Bernardo ai suoi concittadini con un messaggio social. ”Le regole anticovid vanno rispettate e del resto siamo ancora in zona arancione. Non è cambiato nulla”.Ed è così. Anche perchè in Basilicata le zone rosse o a rischio ci sono e non è il caso di abbassare la guardia, nonostante la ripresa dei vaccini. E così Bernardo ha riproposto per intero le direttive ministeriali, con un invito a rispettare sè stessi e gli altri. Lo scorso anno le riaperture, con l’arrivo dell’estate, furono interpretate con un ”liberi tutti”,un calo dei controlli, seguiti da una recrudescenza di contagi, decessi e inchieste che stanno seguendo il loro corso. Buon senso, comunque, e un amuleto in tasca…

IL MESSAGGIO DEL SINDACO ANDREA BERNARDO

CORONAVIRUS. CHIARIMENTI IMPORTANTI* : CON IL DECRETO IN VIGORE DA OGGI NON CAMBIA QUASI NULLA! *PERCHÉ LA BASILICATA RESTA IN ZONA ARANCIONE!* PERTANTO VI INVITO A MANTENERE INALTERATI REGOLE E COMPORTAMENTI SE NON VOGLIAMO FARE LA FINE DI TANTI COMUNI LUCANI CHE SONO STATI O SONO ANCORA IN ZONA ROSSA! Di seguito vi riporto una sintesi delle regole da mantenere in Zona Arancione: *1. SPOSTAMENTI* – Il coprifuoco è in vigore dalle 22 alle 5. Fino al 15 giugno 2021 all’interno dello stesso comune è consentito lo spostamento verso una sola abitazione privata abitata una volta al giorno, a quattro persone oltre a quelle già conviventi nell’abitazione di destinazione. Le persone che si spostano potranno portare con sé i minorenni sui quali esercitino la responsabilità genitoriale e le persone con disabilità o non autosufficienti conviventi. Consentito lasciare un Comune che ha fino a 5.000 abitanti e spostarsi entro i 30 km dal confine senza raggiungere i capoluoghi di Provincia.

*2. SCUOLA* – “Dal 26 aprile e fino alla fine dell’anno scolastico si torna in classe anche nelle scuole superiori . La presenza è garantita in zona arancione dal 70% al 100%.

*3. BAR E RISTORANTI* – Sono sospese le attività di servizi di ristorazione all’interno dei locali (tra cui pub, bar, ristoranti, gelaterie e pasticcerie). Fino alle 22 è consentita la ristorazione con asporto, con *divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze.* Nessuna restrizione per la ristorazione con consegna a domicilio. Per i soggetti che svolgono come attività prevalente una di quelle identificate dai codici *ATECO 56.3* (bar e altri esercizi simili senza cucina) l’asporto è consentito fino alle ore 18.
*4. SPORT, PISCINE E PALESTRE -* Restano chiuse palestre e piscine. In zona arancione *è consentito svolgere attività sportiva o attività motoria all’aperto,* anche presso aree attrezzate e parchi pubblici, purché comunque nel rispetto della *distanza di sicurezza interpersonale di almeno 2 metri* per l’attività sportiva, salvo che sia necessaria la presenza di *un accompagnatore per i minori o* per le persone non completamente autosufficienti. E’ consentito recarsi presso centri e circoli sportivi, pubblici e privati, del proprio comune o, in assenza di tali strutture, in comuni limitrofi, per svolgere esclusivamente all’aperto attività sportiva di base. E’ interdetto l’uso degli spogliatoi. È comunque vietato lo svolgimento degli sport di contatto. Comunque, per i dettagli si allega il link per consultare la Circolare del Ministero degli Interni del 24 aprile, che sinterizza il Decreto-Legge 52/2021. Buona settimana🌈
https://www.interno.gov.it/it/amministrazione-trasparente/disposizioni-generali/atti-generali/atti-amministrativi-generali/circolari/circolare-24-aprile-2021-dl-522021-misure-urgenti-graduale-ripresa-attivita-economiche-e-sociali-nel-rispetto-esigenze-contenimento-diffusione-epidemia