Ministro Speranza. Siamo seri. Per avere contezza della evoluzione e o involuzione della epidemia e dai contagi del virus a corona nel BelPaese occorre fare i tamponi e con uno screening diffuso, in attesa del vaccino. Il resto a cominciare dalla poco credibile APPimmuni si accetta, su base volontaria, per fede. Del resto, inchieste di Report a parte, la cosa ha destato perplessità sin dall’inizio da quando un gruppo di imprese si è fatta avanti in piena pandemia per proporre una APPlicazione per ”incrociare” eventuali positivi al covid 19. Ma a patto che tecnologie,telefonini, smartphone e parametri fossero in linea per almeno il 60 per cento della popolazione,invitata a scaricare ”Immuni”. E che dire della tutela della privacy e dei dati da tenere ”giusto il tempo” prima di essere distrutti. Al Governo ci hanno lavorato sù e garantiscono. Noi, però, siamo come san Tommaso e non ci fidiamoci e del resto le inchieste di Report ( Non è la Bibbia, ma un briciolo di verità dalle inchieste le tira fuori) confermano che è bene tenere i piedi per terra, per non prendere cantonate o scatenare caccio all’untore ”incrociato” per strada. Per cui piano, anzi pianissimo. A dirlo la società Bending Spoons, che ha sviluppato la APP immuni, rispondendo a una serie di quesiti posti dal sito Reddit e questo perchè “Il segnale Bluetooth Low Energy usato dalla app Immuni e dalle altre app nazionali di tracciamento che impiegano la tecnologia di Apple e Google sarebbe “è molto influenzato da vari fattori di disturbo”. A cominciare, per esempio, dai corpi degli utenti che si frappongono fra gli smartphone ( i modelli Huawei,per esempio,ne sono fuori) di persone che si incrociano e che abbiano, necessariamente scaricato l’APPlicazione. Una situazione che ha portato gli inventori a considerare come non sia realistico pensare di non avere falsi positivi e falsi negativi. E allora l’utente viene “notificato” se l’esposizione è avvenuta a una distanza di due metri e per un tempo di 15 minuti, che sono i parametri stabiliti dal Ministero della Salute.

E la cosa ci riporta con altri parametri a quanto fatto emergere dalla trasmissione di Rai Tre Report nella puntata dell’8 giugno dai ricercatori della Technest di Cosenza incubatore di spin off dell’Università della Calabria https://www.youtube.com/watch?v=V4BduTbzL9E. Più chiaro di così. L’onda del telefono è attenuata dall’attraversamento del corpo umano, composto da acqua. Misura di blootooth,pertanto, imprecisa e non solo. E poi la questione sicurezza…Chi paga? Pantalone…visto che il Governo ha rilevato tutto e i privati a quanto pare sono fuori. Ministro Speranza. Si concentri sui tamponi e sulla concreta organizzazione della sanità territoriale. E quella della Basilicata con le pseudo riforme, di compensazione politica del passato, è alle pezze.