Lui e Lei, come i fidanzatini di Raymond Peynet, nel giorno di San Valentino per raccogliere l’invito dell’Avis a donare per un gesto di solidarietà, con un doppio grazie immediato (la dolcezza del miele donata gratuitamente dall’azienda di Alessandro Montemurro) e un altro ”quando contribuirà” a salvare alla vita di chi avrà bisogno di sangue. Una giornata nel segno di Cupido, l’angioletto rubicondo, che dal suo arco lancia frecce solidali e di passione verso i ”prescelti” dal cuore sempre aperto . E di quanti nel giorno di San Valentino ne portano il nome. A loro, nella nuova sede dell’Avis di via Conversi, un benvenuto nella famiglia della solidarietà. Nel segno della donazione e di un’altra ”D”, la dolcezza del miele che continuerà a far sentire il suo profumo anche in futuro.

L’AVIS incontra i suoi donatori nel giorno di San Valentino

Il 14 febbraio ricorre la festa degli innamorati.
Secondo la leggenda, San Valentino avrebbe donato a una fanciulla una somma di denaro come dote per il suo matrimonio, permettendo il coronamento del sogno di due innamorati.

L’associazione e i donatori si confermano innamorati della loro scelta: l’AVIS ha voluto scegliere questa ricorrenza per la sua donazione domenicale presso la nuova sede di via Conversi e omaggia i propri donatori con il frutto dolce della natura: il miele.

Miele di produzione biologica gentilmente e gratuitamente messo a disposizione dall’azienda di Alessandro Montemurro che, confermando la sua generosità a favore di tutti gli associati, ha fatto dono di vasetti di miele non solo per domenica 14 febbraio, ma anche per le prossime giornate di donazioni.

L’AVIS è una grande famiglia che, all’insegna della collaborazione, si fa volano di solidarietà e gioia.