E mentre c’è chi si trastulla e si compiace, legittimamente, per il risultato conseguito dal Pd nelle regionali di Abruzzo, dove è giunto secondo dietro al centro destra e con una Lega che ha tirato la volata, il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, tra i candidati al successo per la segretera nazionale, ha invitato i referenti delle diverse correnti della partito democratico a fare un passo indietro…per farne due avanti. Nella dichiarazione,riportata dal sito Askanews.it, Zingaretti giudica un errore presentarsi alle regionali del 24 marzo 2019 in Basilicata, con due-tre coalizioni e altrettanti candidati presidenti con liste di correnti, candidati uscenti, di alleati. E, aggiungiamo, con una sfilza di civiche fiancheggiatrici come accaduto a Matera tre anni fa, che portarono alla sconfitta del sindaco uscente Salvatore Adduce e di una parte del Pd. L’invito a fare un passo indietro tocca il casus belli della ricandidatura dell’ex presidente della giunta regionale Marcello Pitella, ritenuta poco opportuna per vari motivi, e in nome di una unità ma su un candidato condiviso anche da Leu (chissà) per risalire la china e non passare la mano al M5S( in calo nei sondaggi, e sconfitto in Abruzzo) o al centrodestra e con una Lega che fa paura. Zingaretti non è ancora il segretario del Pd, occorerrà attendere il voto finale con gli altri contendenti, ma in Basilicata ha riscosso larghi consensi. Quanto agli altri, e Maurizio Martina, è stato anche a Matera ma sulle regionali e sul Pd lucano non si è espresso. Resta un ”consiglio”, quello di Zingaretti, da paciere per ristabilire un minimo di condivizione. E il nodo resta quello di Marcello Pittella, che continua a partecipare a incontri ma,giustamente, resta sulle sue posizioni in attesa che le mediazioni sblocchino la situazione. Ma siamo concreti e non ci sono segnali di fumo come abbiamo riportato nel servizio https://giornalemio.it/politica/sara-una-emorragia-di-voti-dove-li-pigliate/ . Forse ci riuscirà Carmen Lasorella(Luci) con un sorriso, se sarà corrisposto. Il 13 marzo, intanto, la conferenza stampa del leader del Ps lucano, Livio Valvano. Novità entro sabato? Nel frattempo si lavora alle liste…

LA NOTA DI ASKANEWS.IT
Basilicata,appello Zingaretti(Pd):unità centrosinistra a Regionali
“E’ un errore andare con due o tre candidati, chiedo passo indietro a tutti”
Roma, 11 feb. (askanews) – “Mi permetto di fare un appello a tutti i protagonisti della vicenda della Basilicata e mi permetto di dire: fermatevi e riflettete. Andare con due, forse tre diversi candidati è un errore politico. Mi permetto di suggerire una riflessione: facciano tutti un passo indietro e si lavori innanzitutto con un obiettivo, quello di arrivare a una candidatura unitaria che dia un segnale al nostro popolo e al nostro elettorato per essere credibili”. Lo ha dichiarato a margine di un evento a Roma il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, candidato alla segreteria del Pd in merito alla situazione del centrosinistra in Basilicata in vista delle prossime regionali.
“Io rispetto le dinamiche locali, ma è evidente anche dal voto dell’Abruzzo quello che sapevamo prima: divisi non è una soluzione. Anche in Basilicata auspico che ci si possa in queste ore fermare, aprire una riflessione, ripartire per una candidatura che unisca e non frammenti. Si vota per il bene dell’Italia e non per testimoniare una posizione” ha spiegato. A chi gli chiedeva quale potrebbe essere il suo atteggiamento da segretario del Pd: “Io ora faccio un appello alla responsabilità delle forze politiche, sociali e culturali del territorio. A tutti dico: pensate al bene comune, trovate una soluzione per una scelta unitaria perché questo penso si aspettino tutti da noi”.