mercoledì, 28 Settembre , 2022
HomePoliticaVota Antonio, vota Antonio, vota Antonio.....o Giuseppe Conte?

Vota Antonio, vota Antonio, vota Antonio…..o Giuseppe Conte?

Prendiamo spunto dal candidato nell’uninominale al Senato per il M5S Antonio Materdomini, già presidente del Consiglio Comunale di Matera, che ha ieri diffuso la nota che troverete più avanti e corredata da questa immagine:
per fare il punto sull’ennesimo stupore che sta investendo tutti gli osservatori che davano, solo qualche settimana fa, per quasi estinto il M5S e lo stesso Giuseppe Conte e che ora sono costretti a registrare una costante ma inesorabile risalita nei consensi al punto che qualcuno comincia a sussurrare che possa addirittura superare il PD. E se sono costretti ad ammetterlo anche in assenza di numeri pubblici -essendo vietata la pubblicazione dei sondaggi (che comunque vengono fatti ad uso e consumo di chi li commissiona, in primis i vari partiti)- vuol dire che il trend deve essere davvero fenomenale. Staremo a vedere.
Ancora una volta, come nel 2018, si prospetta dunque una grande cantonata (ed una sonora sconfitta) per tutti coloro che si dimostrano ancora una volta essere fuori dalla realtà. Di essere imprigionati in una narrazione propria a cui dall’inizio della legislatura ci si è spesi per piegata ad essa la realtà. E quando pensavano di esserci riusciti: distruggere chi era fuori dal coro del pensiero unico (facendo cadere il Conte2, poi avviluppando il M5S nell’ammucchiata draghiana, infine con la maxi scissione d Di Maio), ora si ritrovano a vederlo rialzarsi e ad avanzare….in modo certo pauroso per loro. E la loro fortuna è che la campagna elettorale finisce fra qualche giorno.
Ciò che fa tornare la fiducia -nonostante gli errori commessi- nel M5S è sicuramente la figura pulita, familiare e credibile del suo attuale leader: Giuseppe Conte. Con la sua popolarità acquisita negli anni in cui è stato Presidente del Consiglio, specie in quel duro periodo della pandemia e la sua costante volontà -tramite la TV- di entrare nelle case e spiegare ogni provvedimento assunto. Capace di spiegare con parole semplici e comprensibili, anche ora, cosa ha fatto e cosa intende fare. Lo deve, evidentemente, far meglio di tutti gli altri leader di partito se questi sono i risultati.
E così, come nel 2018 in cui i cittadini votarono il M5S per punire tutti gli altri partiti a prescindere dalla caratura dei candidati locali, così ora si sta prospettando un voto a favore di Conte, per premiarlo e spingere il suo progetto politico, indipendentemente da chi sono i nomi scritti sulla scheda (sebbene c’è da dire che questa volta le candidature sembrano essere state meglio soppesate, più affidabili e con maggiori esperienze: ex sindaci, consiglieri comunali di lunga data, nello specifico).
Se ne facciano dunque una ragione coloro che (spesso molti ex con il dente avvelenato, come capita proprio contro Antonio Materdomini) fanno campagna quotidiana sui social per denigrare il candidato locale. Chi voterà sul simbolo del M5S, nella stragrande maggioranza voterà essenzialmente per il progetto politico nazionale, come è giusto che sia.
Voterà perché ritiene che nessun altro partito e leader nazionale possa vantare la realizzazione del 70% del proprio programma elettorale, quindi meritevole di fiducia  più degli altri per la prossima legislatura. Voterà Conte perché lo ricorda come uno dei migliori Presidenti del Consiglio che abbia avuto questo Paese. Persino migliore del “Migliore”.
Quindi è giocare facile, nello specifico, rievocare il mitico slogan del Principe De Curtis: “vota Antonio, vota Antonio, vota Antonio…” ma soprattutto “Vota Giuseppe“.
Ed ecco a seguire la nota diffusa da Antonio Materdomini, di cui parlavamo all’inizio, che con i suoi colleghi candidati sta battendo il territorio, facendo la propria parte in questa rimonta a cinque stelle: “Il m5s è in forte crescita in Basilicata. E questi ultimi giorni saranno decisivi per provare a battere questo centro destra. Il confronto con le associazioni di categoria, i cittadini, le imprese e i comitati ci ha dato la consapevolezza che il lavoro svolto dal Presidente Giuseppe Conte ha dato i suoi frutti. Il Movimento 5 stelle è ora una forza politica matura e credibile, grazie a 10 anni di esperienza in Parlamento, e ora si presenta ai lucani come la vera alternativa al centro destra.  Abbiamo una grande occasione per respingere i candidati del nord paracadutati in Basilicata, che non conoscono il territorio per loro stessa ammissione. In caso di vittoria del M5S in Basilicata e quindi la vittoria dei collegi Uninominali, mi impegnerò a incontrare i sindaci dei 131 comuni lucani, a partire da quelli più piccoli, per avviare subito un confronto costruttivo e raccogliere le istanze dei territori. La nostra regione merita di essere rappresentata in Parlamento da gente che ama e conosce profondamente le criticità e le eccellenze. Sono certo che il 25 settembre i lucani, soprattutto i giovani, sapranno scegliere da che parte stare, e cioè dalla parte giusta.”
Vito Bubbico
Vito Bubbico
Iscritto all'albo dei giornalisti della Basilicata.
RELATED ARTICLES

Rispondi

I più letti