Ma Carlo Trerotola chi è? Chi lo conosce? Quali sono le doti che ne hanno fatto l’uomo che Pittella Marcello (respinto da tutti, a parte i fedelissimi)  “proprio lui di persona, personalmente” (come direbbe Cantarella) ha ritenuto di dover investire solennemente, poggiandogli la spada del gladiatore sulla spalla,   a prendere il suo posto a capo delle armate del centrosinistra, così tornate in leggiadra armonia?

Si sa che è uno stimato farmacista potentino, abbastanza allegro e di compagnia.

Trerotola – ha precisato Pittella nel suo solitario annuncio- è stato scelto in una rosa di nomi in virtù anche del suo essere “esterno alla politica vissuta istituzionalmente”.

Se qualcuno capisce il senso di queste parole è bravo. Che vuol dire?

E come l’avrebbe vissuta la politica il Trerotola? L’ha vissuta da “interno” a cosa, a quale schieramento politico, a quale partito, a quale movimento o associazione che dir si voglia?

Questo Pittella non ce lo ha detto. Ma in rete subito sono corse voci di sue precedenti frequentazioni addirittura nella destra missina e/o forzista. Comunque di provenienza destrorsa, quindi opposta -non diciamo a Pittella- ma “teoricamente” (e solo teoricamente a questo punto) a un Speranza se non a un Lacorazza, giusto per fare dei nomi.  Se così fosse sarebbe, come dire, un pochino imbarazzante, ma solo un pò. E poi, chi  si imbarazza più, oramai, di questi tempi?

Si va da destra a sinistra e da sinistra a destra senza problema alcuno….si va oramai dove ti porta la convenienza!

E se è intorno a questo sconosciuto uomo di destra hanno trovato la quadra sia transfughi più antichi del PD che quelli che solo momentaneamente si erano allontanati è tutto un programma…..

Avrete notato che l’annuncio Pittella l’ha fatto da solo, senza la presenza degli alleati.

Ma chi è Pittella per fare ciò? Non è il segretario di un partito, non ha alcun ruolo, non è nessuno formalmente. Ma solo formalmente perchè è evidente che è sempre lui che comanda… e ci ha tenuto a dimostrarlo platealmente.

L’Ansa ha titolato significativamente: “Pittella lascia, Trerotola al suo posto“. Il posto era suo di diritto divino, dunque solo lui lo poteva cedere. Roba da repubblica delle banane.

Ma qualcuno davvero crede che questa scelta last-minute possa servire a capovolgere lo stato d’animo di quell’elettorato deluso dall’esperienza di governo uscente?

Sicuramente ha contribuito ad assicurare un sospiro di sollievo per gli Speranza, i Lacorazza, i Santarsiero, gli Spada e i Chiurazi che finalmente potranno fare quello che agognavano: serrare le fila, tornare a casa!

Ed ora tutti in lista d’attesa dei voti. 10, 20 liste? E ci sono queste centinaia di candidati oltre ai soliti noti? Tutti pronti al seguito del neo condottiero…si quello li, come si chiama? Ah, Trerotola!

Ma per fare cosa? Perchè dovrebbero rivotare i lucani questo rassemblement ? In difesa dell’operato del governo uscente? Per fermare il pericolo nero o giallo che sia?

Questo ancora non si sa. Abbiate pazienza. Per il momento si è deciso il chi. Poi, con comodo, il cosa. Si quella cosa lì…….il programma. Ci vogliono ancora un paio di giorni…..su fate i bravi. Non fate i guastafeste.

Certo che se nel programma dovesse esserci la voce “più farmaci per tutti”….non osiamo pensare a quale sarebbe quello prevalente da somministrare.