Pubblichiamo a seguire il testo dell’interrogazione parlamentare che il segretario nazionale di Articolo Uno, Roberto Speranza, ha rivolto ai Ministri del Lavoro, dell’Agricoltura e delle Infrastrutture sulla tragedia verificatasi ieri nell’ex complesso industriale “La Felandina” in agro di Bernalda.

Al Ministro del lavoro e delle politiche sociali, al Ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali, al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti – Per sapere –

premesso che:
la mattina del 7 agosto 2019 una donna nigeriana ha perso la vita in un incendio divampato in un capannone nel comune di Bernalda (Mt). Lo stabile è l’ex complesso industriale “La Felandina”, che da anni ospita centinaia di migranti che lavorano come braccianti nei campi del Metapontino;

l’incendio ripropone in maniera drammatica l’urgenza di individuare una soluzione appropriata e dignitosa per dare ospitalità alle centinaia di migranti che lavorano nei campi della zona e che vivono in capannoni inadeguati come quello andato a fuoco in condizioni disumane ed a rischio emergenza sanitaria;

il metapontino è una zona con una significativa domanda di manodopera nel settore agricolo, a cui negli ultimi anni sopperiscono soprattutto braccianti stranieri;

la morte della donna e le precarie condizioni in cui sono costretti a vivere i migranti, privati di ogni dignità, devono interrogare tutte le istituzioni

assistiamo ad un grave ritardo relativo all’attuazione del progetto di accoglienza della provincia di Matera che risulta già finanziato -:

se il governo intenda attivarsi per evitare che episodi così drammatici come quello riportato in premessa possano ripetersi;

cosa il governo intenda fare per individuare una congrua e strutturale sistemazione per i braccianti impegnati nelle terre del metapontino;

quali iniziative di competenza intendano assumere al fine di attuare il progetto di accoglienza della provincia di Matera.”