Pubblichiamo a seguire l’interpellanza rivolta al Sindaco di Matera, relativa alla nomina di Giovanni Angelino quale componente in seno al Consiglio Direttivo dell’Ente di Gestione del Parco Archeologico Storico Naturale delle Chiese Rupestri del Materano, presentata da Vito Sasso – Consigliere comunale di “Matera – LAVORO E SVILUPPO“.

In sostanza Sasso chiede al De Ruggieri: quali sono le competenze di Angelino (che costerà alla comunità per una indennità di circa 800 euro) da farlo preferire ad un consigliere comunale (ce ne sono diversi con le competenze richieste) che l’avrebbe dovuto fare gratis?

Ecco a seguire il testo integrale della interpellanza:

 

Al sig. Sindaco
del Comune di Matera
Avv. Raffaello De Ruggieri

Al Presidente del Consiglio Comunale
Angelo Tortorelli

Al Segretario Generale
Dott.ssa Maria Angela Ettorre

OGGETTO: INTERPELLANZA A RISPOSTA ORALE E SCRITTA

PREMESSO CHE:
1. il Consiglio Comunale, con atto deliberativo n.53 adottato in data 27/7/2015, approvava gli indirizzi per la nomina e la designazione dei rappresentanti del Comune presso Enti, Aziende e Istituzioni ad esso espressamente riservata dalla legge;
2. l’art. 14 del vigente Statuto dell’Ente di Gestione del Parco Archeologico Storico Naturale delle Chiese Rupestri del Materano prevede che un componente del Consiglio Direttivo dell’Ente sia nominato dal Sindaco del Comune di Matera;
3. a seguito delle dimissioni dell’ex rappresentante Consigliere comunale Angelo Lapolla, occorreva procedere alla sua sostituzione provvedendo alla designazione di altro soggetto in grado di assicurare adeguata rappresentanza fiduciaria nel Consiglio Direttivo dell’Ente di Gestione del Parco Archeologico Storico Naturale delle Chiese Rupestri del Materano;
4. Il rappresentante nominato, qualora sia scelto tra coloro che ricoprono la carica di Consigliere comunale, non percepisce alcuna indennità mentre, in caso contrario, gli è riconosciuta un’indennità di circa € 800,00;
5. Con Decreto Sindacale nr. 127/2019 con nr. protocollo 29082/2019 il Sindaco di Matera ha nominato il Sig. Giovanni Angelino in seno al Consiglio Direttivo dell’Ente di Gestione del Parco Archeologico Storico Naturale delle Chiese Rupestri del Materano in sostituzione del dimissionario Consigliere Comunale Sig. Angelo Lapolla;
6. il Consiglio Comunale, con atto deliberativo n.53 adottato in data 27/7/2015, approvava gli indirizzi per la nomina e la designazione dei rappresentanti del Comune presso Enti, Aziende e Istituzioni ad esso espressamente riservata dalla legge, prevedendo che: “le persone nominate o designate debbano essere scelte tra cittadini tenendo conto della loro professionalità”
7. Si apprende che alcuni Consiglieri Comunali eletti, componenti dell’attuale maggioranza di cui non fa parte l’interpellante, avevano rappresentato la volontà di essere nominati componenti dell’Ente di Gestione del Parco Archeologico Storico Naturale delle Chiese Rupestri del Materano; in tal caso non vi sarebbe stato alcun aggravio economico per la collettività, a differenza di quanto comporta invece la nomina del Sig. Angelino Giovanni;
8. Tra i Consiglieri Comunali eletti, componenti dell’attuale maggioranza, vi sono persone con competenze professionali e tecniche che ben potrebbero aver potuto ricoprire la carica in oggetto.

Tutto quanto premesso il sottoscritto

CHIEDE AL SINDACO:
A. di conoscere i motivi ed i criteri che lo hanno portato a nominare il Sig. Giovanni Angelino in seno al Consiglio Direttivo dell’Ente di Gestione del Parco Archeologico Storico Naturale delle Chiese Rupestri del Materano;
B. I motivi che lo hanno portato a non nominare un rappresentante del Consiglio comunale di Matera, con conseguente risparmio per la collettività;
C. Quali sono le professionalità del Sig. Giovanni Angelino, richieste dalla delibera di Consiglio Comunale n. 53 del 27/7/2015, che lo hanno portato a preferire il Sig. Giovanni Angelino in seno al Consiglio Direttivo dell’Ente di Gestione del Parco Archeologico Storico Naturale delle Chiese Rupestri del Materano piuttosto che un consigliere comunale che non avrebbe pesato (economicamente) sulla collettività.”

Matera, lì 17/4/2019

f.to  avv. Vito Sasso
Consigliere comunale “LAVORO E SVILUPPO”