E l’incarico ci sta tutto per l’esperienza maturata all’estero, dall’Urss alla Germania, da Cuba all’Argentina, dagli Stati Uniti alla Croazia, da San Marino al Vaticano, perchè a PIno Siggillino, leader del movimento APPeppino, venga assegnata la delega ai rapporti internazionali. Il sindaco di Matera, Domenico Bennardi, deve tenerne conto -dicono dal del movimento della ‘chiave da 16′ di via Ridola- per concretizzare gemellaggi e protocolli di intesa ereditati dalla gestione di zio Raffaele, durante l’anno di Matera capitale europea della cultura, e proseguiti nei mesi scorsi con Azerbagjan e Paesi del G 20. ” Basta girare a vuoto e con la logica del ” Sìsì” che è poi è ”No”- dice APPeppino. Matera è capitale della cultura ed è conosciuta a livello internazionale. Serve un ambasciatore e io l’esperienza alle ambasciate, tra un visto e l’altro in quasi mezzo secolo di rapporti internazionali so’ come muovermi. Sono a disposizione e una delega di questo tipo sono in grado di gestirla per il bene e il futuro di Matera”. Del resto girano le solite voci su volti noti e meno noti per la giunta Bennardi 2, con deleghe a pieno carico, gonfie o da vuoto perdere, ma i possibili papabili non sono stati ancora convocati dal sindaco per chiudere trattative e firmare deleghe, impegni, programmi e tante buone premesse. Si dovrebbe chiudere per venerdì sera. APPeppino pronto a rispondere alla chiamata…Assessore con delega ai rapporti internazionali e con una padronanza di cinque lingue parlate fluentemente, oltre al dialetto materano naturalmente.