Se non siamo ai fuochi pirotecnici la ”Santa Barbara” della politica materana, e della maggioranza guidata dal sindaco Domenico Bennardi, trabocca di nitroglicerina e di fiammate pericolose.

Lo dimostra la nota di precisazione della consigliera comunale e capogruppo Cinzia Scarciolla (Matera 3.0) in merito al comunicato pubblicato in altro servizio, https://giornalemio.it/politica/dopo-milena-cinzia-aria-da-0-0-al-comune-di-matera/ , nel quale l’assessore allo sport e alle politiche sociali Giuseppe Sarli prende le distanze dalla consigliera,facendo riferimento a prese di posizione e comportamenti non condivisi dal movimento.

La battagliera Scarciolla, citando norme e sentenze, definisce illegittimo il documento e aggiunge che Matera 3.0 non ha in Sarli l’assessore di riferimento.

E allora chi l’ha designato, nominato? Movimento non autonomo e privo di organismi rappresentativi? In città se ne sentono in tutte le salse.Sorprese, incredulità? Forse. Siamo in attesa di smentite e di precisazioni, naturalmente…

Riceviamo e pubblichiamo:

In merito al recente comunicato stampa diffuso dall’ing. Giuseppe Sarli, Assessore alle Politiche sociali del Comune di Matera, intendo condividere alcune nozioni di base di democrazia rappresentativa che potranno essere utili affinché si chiarisca quanto affermato dalla legge in materia.

Secondo quanto si apprende dal Ministero degli interni, Dipartimento per gli affari interni e territoriali, “Nell’ambito dei consigli comunali, i gruppi non sono configurabili quali organi dei partiti e, pertanto, non sembra sussistere in capo a questi ultimi una potestà direttamente vincolante sia per un membro del gruppo di riferimento, che per gli organi assembleari dell’ente”; “si evidenzia che il rapporto tra il candidato eletto ed il partito di appartenenza non esercita influenza giuridicamente rilevabile, attesa la mancanza di rapporto di mandato e la assoluta autonomia politica dei rappresentanti del consiglio comunale e degli organi collegiali in generale rispetto alla lista o partito che li ha candidati.” (Tar Puglia, sez. di Bari sentenza n. 506/ 2005). Peraltro il giudice amministrativo ha affermato che nel nostro sistema legislativo la “lista” è “lo strumento a disposizione dei cittadini per presentare all’elettorato i propri candidati ed esaurisce la sua funzione giuridica al momento delle elezioni che si concludono con la proclamazione degli eletti”.

Grazie a questo autorevole contributo giuridico-amministrativo possiamo affermare senza ombra di smentita che il comunicato stampa diffuso da Giuseppe Sarli, deve intendersi illegittimo oltre che inopportuno trattandosi di prerogative non contemplate dalla legge in materia, come sopra esposto.

Cessati quindi gli effetti giuridici della lista, permangono gli effetti politico-istituzionali per il tramite esclusivo della rappresentanza in consiglio comunale del consigliere eletto, vale a dire della sottoscritta, essendo l’unica candidata eletta.

Per quanto concerne la sua attivitá di assessore attualmente in essere, preciso che il gruppo consiliare di maggioranza di Matera 3.0 non ha un assessore di riferimento.”

Cinzia Scarciolla
Consigliera comunale
Capogruppo Matera 3.0