Formazione, ricerca e innovazione per rilanciare la scuola e l’università del BelPaese, che sconta un ventennio buono di scellerati e continui tagli della spesa (la stessa cosa è capitata a cultura e sanità) e con i risultati che sappiamo. La visita di due giorni a Matera del ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca Lorenzo Fioramonti (M5S), che ha partecipato a incontri di vario tipo (dalla mensa biologica con i bimbi alla inaugurazione dell’Ufficio scolastico provinciale, dall’incontro con i dirigenti scolastici all’inaugurazione del Campus Universitario) ha portato un clima di fiducia e di speranza su una maggiore attenzione che il governo può avere verso il settore. E la stessa cosa, ma non dipenderà solo dal Ministro, è andato al tema delle Province che – come riporta la nota diffusa dal presidente Piero Marrese- non possono rimanere in mezzo al guado. Parole sante. Ma non dimentichiamo che nella maggioranza di governo c’è, con una nuova formazione politica, quel Matteo Renzi autore di una riforma con tante polpette avvelenate che le Province voleva abolirle. Referendum bocciato con le conseguenze devastanti per gli enti intermedi, e non solo, che sappiamo. Comunque, ministro, insista.

<COMUNICATO STAMPA

Una giornata importante quella di ieri per la Provincia di Matera, che ha visto la partecipazione del Ministro della Istruzione, Università e Ricerca Lorenzo Fioramonti in occasione dell'inaugurazione del nuovo Ufficio Scolastico Territoriale. Un momento celebrativo per la comunità scolastica del materano, ma utile anche per fare il punto sulla situazione in cui versa il mondo della scuola.
“Un ringraziamento al Ministro per aver voluto trascorrere a Matera questa bella giornata a contatto con le diverse realtà scolastiche cittadine, di cui ha potuto prendere visione del lavoro e della crescita – afferma il presidente della Provincia Piero Marrese -. Al tempo stesso, abbiamo posto all’attenzione del ministro quelle che sono le criticità e le emergenze che le nostre scuole si trovano a fronteggiare quotidianamente. Nell'ottica di una sempre più stretta e proficua collaborazione col Ministero, la Provincia chiede che sui intervenga su tutte le scuole del nostro territorio, affinchè i nostri studenti abbiano gli stessi diritti degli studenti di tutta Italia e le nostre scuole siano più belle e sicure”. Da parte sua, il Ministro Fioramonti ha condiviso la necessità di una centralità per le Province e di maggiori risorse per garantire la sicurezza delle scuole, dichiarandosi disponibile ad individuare soluzioni per il miglioramento del sistema scolastica attraverso un confronto con i dirigenti scolastici. “Sono lieto di aver trascorso una intera giornata a Matera, capitale europea della cultura, insieme al mondo della scuola, agli studenti, ai docenti e a tutto il personale scolastico – ha affermato il Ministro -. Il mio dicastero sta lavorando sul tema dell’edilizia scolastica, in quanto ho a cuore questo tema; mi impegnerò affinchè si possano reperire le risorse per costruire nuove scuole e secondo i moderni criteri di sicurezza”.
La giornata è stata allietata da un emozionante momento musicale a Palazzo Lanfranchi a cura degli studenti del Liceo musicale-coreutico dell’Istituto Statale d’istruzione superiore “Pitagora” di Montalbano e da una dimostrazione delle abilità tecniche e professionali dei ragazzi dell'Istituto Alberghiero Turi di Matera.

Matera, 20 ottobre 2019