Senza partecipazione del Paese alle scelte dei governi nazionali e territoriali non c’è condivisione, trasparenza e diritto ad essere ascoltati e a entrare nel merito delle cose, anche quando c’è una guerra in corso come quella della pandemia da virus a corona ”covid 19”. Siamo inondati da una sequenza di Decreti della presidenza del consiglio dei ministri e da Ordinanze di presidenti di Regioni e comuni che ci invitano a stare a casa. Bene. Ma il Paese continua a essere ignorato e questo non può durare a lungo. La richiesta del leader dei Radicali Lucani, Maurizio Bolognetti, che con un messaggio sui social ha annunciato la ripresa dello sciopero della fame, anche per la convocazione dei due rami del Parlamento e del Consiglio, va attuata ma senza ulteriori rinvii. Perchè? Come ricordava ”Belzebù” Giulio Andreotti alla lunga ”a pensare a male, ci si azzecca”.