martedì, 16 Luglio , 2024
HomePoliticaPremio di consolazione a Marcello Pittella: la presidenza del Consiglio regionale

Premio di consolazione a Marcello Pittella: la presidenza del Consiglio regionale

A due mesi e mezzo dalle elezioni regionali del 21-22 aprile scorso, la maggioranza di centro destra extra large comincia a partorire le prime postazioni istituzionali. Nel corso della seduta odierna del Consiglio regionale sono stati finalmente eletti, nell’ordine: il presidente del consiglio, due vice presidenti e due segretari. Nulla da fare, invece, per chi si attendeva la ufficializzazione della nuova Giunta regionale per la quale bisognerà attendere, secondo quanto dichiarato da Bardi “l’inizio della prossima settimana“. Dunque, con 13 voti a favore (quelli del centro destra) e 7 schede bianche è stato eletto Presidente del consiglio, il neo acquisto Marcello Pittella (Azione). Uno che aveva già fatto il Presidente della Giunta (e persino della parte avversa), era davvero troppo ingombrante per il generale Bardi averlo come assessore “semplice” nel nuovo esecutivo. La convivenza sarebbe stata senz’altro più complicata (non che non lo sarà comunque). Mentre così gli è stata data anche la soddisfazione di aver completato il giro di tutte le poltrone apicali possibili di questo livello istituzionale (certo, una posto di consolazione rispetto all’ambito e fallito scranno di Bruxelles, ma bisogna acconciarsi e prendere ciò che passa il convento). Infatti, nel suo primo discorso, alquanto banale e di circostanza, ha detto che: “È per me una gioia e una grande soddisfazione ricoprire la carica di Presidente del Consiglio regionale della Basilicata, per l’esercizio della quale intendo valorizzare la voglia di fare e l’esperienza tanto della maggioranza consiliare quanto della minoranza”.  “La nostra regione – ha sottolineato- non vive un momento semplice e sarà necessario lavorare molto. In questo senso il Consiglio dovrà riscoprire e confermare il suo ruolo precipuo e la sua vocazione, ossia la programmazione e la legiferazione, a partire dai temi più sensibili che attendono delle risposte, quali sanità, precarietà, siccità, solo per citarne alcuni. Intendo esercitare questa funzione con la massima responsabilità e con l’obiettivo di creare in questa Assise un clima collaborativo e di condivisione, riportando al centro il dibattito politico che, anche nella diversità di opinione, è indispensabile per le istituzioni democratiche e per innalzare la qualità politico-amministrativa del nostro agire. Sono convinto infatti, che bisognerà creare le condizioni di agibilità anche per la minoranza, evitando prove muscolari. Al dibattito politico, in seno al Consiglio, effettueremo inevitabilmente una verifica puntuale sugli atti, per migliorarne, laddove necessario, l’indirizzo a favore dei cittadini”. “È mia intenzione dunque, costruire le condizioni politiche e istituzionali per rendere proficuo e incisivo il lavoro del Consiglio. La politica – ha concluso Pittella – è solo regole quando manca il buon senso e sono certo che sapremo metterla al centro con grande responsabilità. Nel ringraziare il già presidente del Consiglio regionale Carmine Cicala per il ruolo svolto nella scorsa legislatura e il consigliere più anziano, Francesco Cupparo che ha presieduto l’Assemblea durante l’avvio della XII legislatura, auguro a tutti voi buon lavoro”.

Molto contento, e non poteva essere altrimenti per le ragioni di cui scrivevamo prima, Vito Bardi che ha infatti dichiarato a caldo: “Sono soddisfatto della elezione di Marcello Pittella a Presidente del Consiglio regionale perché è uomo delle istituzioni che rivestirà una carica importante. Ritengo di avere un alleato con il quale portare avanti il programma della XII legislatura, che dovrà fare fronte alle tante problematiche del nostro territorio. Sarà sicuramente un punto di riferimento per me grazie alla sua esperienza.” Non ha potuto non palesare uno dei primi problemi di convivenza che potrebbero sorgere a breve (“Ci potrebbe essere una diversità di vedute sull’autonomia differenziata”) pur dichiarandosi però “sicuro che riusciremo a trovare il giusto l’equilibrio. Ci sono tutti i presupposti per avviare una solida legislatura, che dovrà affrontare problemi non semplici per la nostra regione.” Della serie: “siamo uomini di mondo“, anche se magari non hanno fatto, come Totò “tre anni di militare a Cuneo“…vedremo se varranno per tutti e due quelli del generale. Generale che, come ricordavamo prima ha assicurato che “All’inizio della prossima settimana avremo la Giunta al completo, in modo che ciascuno possa cominciare a lavorare con le proprie deleghe”. Vedremo!

Per completare il quadro dei lavori odierni del Consiglio regionale, dopo l’elezione di Pittella, è stato completato anche l’assetto dell’Ufficio di Presidenza. Vicepresidenti sono stati eletti i consiglieri Angelo Chiorazzo (Basilicata Casa Comune) con 7 voti della minoranza e Maddalena Fazzari (Fratelli d’Italia) con 13 voti della maggioranza. Idem per la elezione dei consiglieri segretari sono invece Gianuario Aliandro (Forza Italia) che ha ottenuto 13 voti e Viviana Verri (M5S) che ha ottenuto 7 voti.

Se del presidente Pittella sapete già tutto, degli altri eletti oggi può risultare utile qualche notizia in più. Ecco le schede diffuse nell’occasione: Marcello Maurizio Pittella è nato nel 1962 e vive a Lauria (PZ). Laureato in Medicina e Chirurgia con specializzazione in Urologia ha ricevuto la laurea Honoris Causa in Politiche Sociali dall’Università Cattolica di Honduras. Ha maturato esperienza come consigliere provinciale e consigliere comunale a Lauria, ricoprendo le cariche di Presidente del Consiglio provinciale di Potenza e Sindaco del Comune di Lauria. Nel 2005 approda alla Regione come Consigliere regionale. Riconfermato nel 2010 e nel 2019, diventa prima Assessore alle Attività Produttive e Vice Presidente della Giunta regionale e, poi, Presidente della Regione Basilicata. Angelo Chiorazzo (Basilicata Casa Comune). Nato a Chiaromonte (PZ) nel 1973, si laurea in Lettere e Filosofia. Inizia molto presto a lavorare all’interno del movimento cooperativo, ricoprendo numerosi incarichi nel CdA di diversi organismi cooperativi. Nel 1999 fonda Auxilium Società Cooperativa Sociale che sviluppa e gestisce servizi sanitari, socio assistenziali, sociali ed educativi. È stato membro del CECOP-CICOPA Europe e Vice Presidente dell’AGCI. Maddalena Fazzari (Fratelli d’Italia) nasce nel 1977 a Potenza. Diplomata presso l’Istituto Statale d’Arte – settore Architettura e Arredamento, nel 2019 è stata eletta consigliera comunale del Comune di Potenza (Fratelli d’Italia) e dal 2022 ha ricoperto la carica di Assessore all’Ambiente ed Energia e Campagne. È responsabile di gestione e coordinamento dell’azienda REBIRTH21 e amministratrice e socia unica della società VALES srls. Gianuario Aliandro (Forza Italia), nato a Marsicovetere (PZ) nel 1986, ha conseguito la maturità scientifica. Vive a Paterno dove svolge l’attività di imprenditore nel settore lattiero-caseario. Dopo l’esperienza come Consigliere comunale del Comune di Paterno (PZ), nell’XI legislatura è stato Consigliere regionale (Lega) e ha ricoperto il ruolo di capogruppo. Dal 1 gennaio 2024 è passato a Forza Italia. È stato presidente della I Commissione consiliare permanente (Affari istituzionali). Viviana Verri (Movimento Cinque Stelle). Nata nel 1986 a Taranto, vive a Pisticci (MT). Laureata in Giurisprudenza, ha conseguito il master “ForsAM” presso la scuola Giovani amministratori “Publica” ANCI ed è iscritta all’Albo degli avvocati dell’Ordine di Matera. È funzionario amministrativo – area dei Funzionari e dell’EQ settore amministrativo-contabile presso il Comune di Scanzano Jonico (MT). Precedentemente ha lavorato presso il Comune di Pignola (PZ).

 

Vito Bubbico
Vito Bubbico
Iscritto all'albo dei giornalisti della Basilicata.
RELATED ARTICLES

Rispondi

I più letti