La Basilicata proponga la sua candidatura per ospitare uno dei sette Centri di Alta Tecnologia sull’Idrogeno, previsto dal PNRR, con risorse pari ad 1,6 miliardi di euro”.
Lo hanno detto stamane in conferenza stampa i consiglieri del Pd, Roberto Cifarelli e Marcello Pittella che ieri hanno inviato al Presidente della Regione, Vito Bardi, una lettera per richiedere un incontro sul tema.

Altre regioni hanno già attivato tutte le procedure utili per proporre la propria candidatura e riteniamo che la Basilicata non possa essere manchevole sul tema né perdere questa opportunità di sviluppo e di riconversione industriale atteso che – continuano i consiglieri – la Val D’Agri, la Val Basento e Melfi possiedono tutte le caratteristiche proprie per attivare una filiera dell’Idrogeno.”

Si tratterebbe – aggiungono Pittella e Cifarelli – di un driver importante produttivo, occupazionale e di sperimentazione che potrebbe rappresentare elemento fondante di una programmazione regionale ad oggi assente. La riapertura delle trattative con Eni, tardiva di più di un anno, riteniamo non possa prescindere da questo impegno. Ed inoltre, il polo Stellantis di Melfi potrebbe trovare nuove occasioni di investimento, fuori dalla incertezza del momento.
La nostra richiesta dunque é che si lavori seriamente e fattivamente a questa proposta, fuor dagli annunci estemporanei, coinvolgendo parti sociali e datoriali, tutto il consiglio ed i parlamentari lucani.”

“Non é un gioco di posizionamento politico e delle parti, ma di responsabilità. Ci aspettiamo – concludono Pittella e Cifarelli – ,anche dopo aver letto il “quanto mai tempestivo” annuncio dell’assessore Rosa, che il Presidente Bardi ci convochi già nelle prossime ore”.