In campagna elettorale il sindaco di Matera, Domenico Bennardi, aveva annunciato che su infrastrutture e servizi, come l’ospedale, non avrebbe mollato e che avrebbe convocato la conferenza dei sindaci dell’Azienda sanitaria di Matera per vederci chiaro. Preoccupato come tanti. Ricordiamo la petizione del Fials, interventi di associazioni e realtà professionali del settore sanitario, di consiglieri regionali che a vario titolo hanno rassicurato sul diritto alla salute- ma senza atti conseguenziali – o denunciato lo stato di degrado dell’Ospedale ”Madonna delle Grazie” e quella della Asm, priva da un anno del direttore generale. E con l’ emergenza virus a corona c’è poco da stare sereni con quei dati equivoci, con tamponi insufficienti, nessuna indicazione sulla provenienza dell’utenza, l’assenza ad oggi di covid hotel per le consuete ”arzigolature” regionali e i protagonismi da accentramento di funzioni per salvare le ‘eccellenze” del capoluogo di regione. La verità è un’altra e non si risolve con la facoltà unica di medicina. Anzi. Servono misure drastiche rimuovendo incapacità, inettitudini e mediocrità: altro che Basilicata covid zero o en plen air. La lettera inviata dal sindaco Bennardi, che ha avviato anche una campagna social ormai virale #curiamocidimatera, è un invito al presidente Conte a intervenire in Basilicata, ma cominciando con il dare uno scossone al ministro della Sanità Roberto Speranza. In una regione, la sua, dove la migrazione sanitaria è una realtà da tempo. La lettera del Sindaco, che ha fatto anche una diretta facebook, per noi, è anche questo. Difendiamo Matera.

OSPEDALE, IL SINDACO SCRIVE AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO CONTE
Martedì si riunisce la conferenza dei sindaci. Lanciato la campagna #curiamocidimatera

“Il piano di riordino sanitario regionale, con il consueto strabismo da accentramento di funzioni da un territorio ad un altro, ha il chiaro intento di depauperare il nostro ospedale, già progressivamente svuotato di capacità organizzative e decisionali”. Il sindaco di Matera, Domenico Bennardi, attraverso una lettera aperta, si è rivolto direttamente al presidente del Consiglio dei ministri, Giuseppe Conte, per impedire il pesante ridimensionamento dell’ospedale Madonna delle Grazie.
Il sindaco, inoltre, ha chiesto la convocazione urgente della Conferenza dei sindaci dell’Asm, che si riunirà martedì prossimo, 2 dicembre, alle ore 12,30 in videoconferenza, per formulare proposte di indirizzo e di controllo sull’attività dell’Azienda sanitaria.
Contemporaneamente, è partita la campagna #curiamocidimatera a sostegno del “Madonna delle Grazie” attraverso i social media.
“E’ una battaglia che dobbiamo portare avanti tutti insieme – dichiara Bennardi -, attraverso una mobilitazione che deve coinvolgere non soltanto le istituzioni, ma anche i cittadini; e poiché la diffusione del Covid non consente la possibilità di riunirsi fisicamente, lo faremo attraverso i social network, postando le foto con l’hastag dedicato: curiamoci di Matera, significa preoccuparsi del diritto alla salute e alle cure, avere a cuore il futuro del nostro territorio”.

Di seguito, il testo integrale della lettera aperta al presidente del Consiglio dei ministri.

Gentile Presidente,

oltre alle quotidiane difficoltà legate ad una congiuntura storica eccezionalmente sfavorevole, il territorio materano si appresta a subire le pesanti conseguenze di un iniquo riordino del Sistema sanitario regionale che produrrà l’imminente effetto di sopprimere le Unità operative complesse di Geriatria, Chirurgia vascolare e Chirurgia plastica dell’Ospedale “Madonna delle Grazie” di Matera.
Un Piano che risponde al disegno complessivo di accentramento della sanità lucana, che ha il chiaro intento di depauperare il nostro Ospedale, già progressivamente svuotato di capacità organizzative e decisionali.
Il nuovo Servizio sanitario regionale voluto dal presidente Bardi, con il consueto strabismo da accentramento di funzioni da un territorio ad un altro, sottrae autonomia all’Ospedale di Matera, inglobato dal San Carlo di Potenza, mentre altri piccoli ospedali vengono ridotti ad ospedali di comunità.
Quello che succederà al “Madonna delle Grazie” in un futuro imminente, è purtroppo del tutto chiaro: posti letto tagliati, fuga delle migliori professionalità verso altri ospedali, personale trasferito, aumento dell’emigrazione sanitaria.
Quella di Matera è una struttura già pesantemente sotto stress, da tempo in attesa di un piano operativo, di una autonomia gestionale e organizzativa che consenta di superare le gravi criticità che da anni si vanno acuendo e che stanno assumendo i connotati di un disastro assistenziale e organizzativo; soltanto la disperata abnegazione del personale sanitario sta permettendo che sia garantito il diritto alla salute.
A nulla sono valse le molteplici e accorate iniziative civiche per rivendicare un futuro per l’Ospedale: di fronte c’è sempre stata una istituzione regionale che anziché porsi in sintonia con le sofferenze e le necessità di un territorio, le ha liquidate con arroganza e distacco.
L’effetto è quello di generare un’autentica spirale di sfiducia collettiva e di disaffezione dei cittadini al senso delle istituzioni.
“La libertà va coltivata con i diritti”, ci ha insegnato il Suo conterraneo Giuseppe Di Vittorio: in quanto sindaco sento di avere, prima ancora che la legittimazione, il dovere di fare in modo che le garanzie costituzionali per la comunità materana non vengano meno.
Presidente Conte, mi rivolgo a Lei perché sono certo che il bisogno di salute e l’equità nell’accesso all’assistenza possano trovare accoglienza e ascolto.

Matera, 26 novembre 2020