E’ una sorta di reunion della diaspora di quello che rimane nella massima istituzione lucana dell’ex partito regione i il comunicato che pubblichiamo a seguire sottoscritto da:  Luca Braia, Mario Polese, Roberto Cifarelli, Marcello Pittella, Carlo Trerotola.

Una sorta di preannuncio di un futuro ritorno “tutti assieme appassionatamente“, oppure un mero ricorso al classico “l’unione fa la forza” per massimizzare le postazioni nelle istituzioni regionali così come insinuano in un comunicato (https://giornalemio.it/politica/m5s-le-spaccature-nel-centrodestra-e-la-bulimia-sfacciata-del-centrosinistra/) gli altri oppositori tagliati fuori da questo fronte contro il centrodestra, ovvero i consiglieri del M5S?

Certo è che quel “rilanciare l’azione di alternativa al centrodestra regionale con il giusto rispetto ed equilibrio tra le varie sensibilità politiche” introduce un forte sospetto di bilancini con cui soppesare qualcosa. Di sicuro c’è il tenere fuori una forza politica con cui il PD a livello nazionale sta provando a costruire un futuro…. Forse in Basilicata si preferisce IV al M5S.

Chi vivrà vedrà….

Pd, IV e Pl: “Indispensabile rilanciare l’azione di alternativa al centrodestra regionale con il giusto rispetto ed equilibrio tra le varie sensibilità politiche”

Superata metà della legislatura regionale a guida centrodestra, che nei fatti si sta dimostrando mediocre e ben lontana da quel cambiamento rimasto solo sulla carta, i gruppi consiliari di minoranza del Partito democratico, di Italia Viva e di Prospettive lucane ritengono necessario rilanciare una linea politica alternativa e incisiva, ma non strumentale, puntuale ma anche costruttiva sui temi delicati per il bene dei lucani. La continua emergenza sanitaria legata alla pandemia e alle tante crisi, che attanagliano la Basilicata, richiede ulteriori sforzo di responsabilità alle forze di minoranza che hanno anche il dovere di provare a correggere i numerosi errori che la maggioranza che governa la regione continua a commettere. Per favorire un rilancio dell’attività di distinzione e al tempo stesso di matura proposta e critica, gli stessi gruppi consiliari del Pd, Iv e Pl ritengono indispensabile procedere immediatamente al rinnovo dell’ufficio di presidenza e comunicano la volontà di confermare gli assetti istituzionali attuali che riguardano la vicepresidenza del Consiglio regionale e la presidenza della Seconda commissione. Nella stessa logica di rispetto ed equilibrio delle varie sensibilità politiche presenti nella minoranza abbiamo eletto il capogruppo del Pd, Roberto Cifarelli come delegato alle votazioni parlamentari per l’elezione del Presidente della Repubblica. Il tutto rappresenterebbe un riconoscimento del lavoro di tutti svolto sino ad ora ed un punto qualificante di quanto fatto e soprattutto di quanto è necessario mettere in campo a livello regionale per rilanciare una azione politica tesa a stimolare la maggioranza finora poco reattiva alle varie questioni politiche, istituzionali e programmatiche e porsi in prospettiva come valida alternativa alle forze di destra che possa essere il più larga possibile, includendo le forze progressiste, riformiste, moderate, europeiste, ecologiste e radicali.”

Potenza, 10 gennaio 2022.

Luca Braia

Mario Polese

Roberto Cifarelli

Marcello Pittella

Carlo Trerotola