Che le primarie siano oramai “una boiata pazzesca“, per dirla alla Fantozzi, è percepito da tutti tranne da chi, in un PD nel panico assoluto, non sa proprio che pesci pigliare.

E’ assurdo che si facciano per far scegliere il segretario di un partito anche ai non iscritti e addirittura anche a chi è di un’altra parrocchia.

E’ politicamente incongruo si faccia in Basilicata dal momento che un tale rito non è preceduto da un progetto ben definito che ha elaborato anche una proposta di candidatura da sottoporre ad una eventuale verifica popolare.

Ma tant’è e, contro il buon senso ed anche gli umori contrari di parte del proprio partito,  il segretario regionale del PD Polese ha tirato fuori dal cilindro un documento sottoscritto da altri partner minori (Partito socialista, Realtà Italia, Progetto popolare, Verdi e Cd + Europa) con la decisione che le primarie si faranno e si faranno il 10 febbraio.

Già nel documento si registrano le riserve di CD+Europa su tali primarie, ma dopo aver incassato il niet di ArticoloUno-Mdp, cominciano a fioccare le posizioni contrarie all’interno dello stesso partito di Polese.

Come ha fatto sapere dal suo profilo facebook il presidente del Consiglio regionale, Vito Santarsiero che scrive: “Riunione regionale Centro Sinistra, un aborto politico. Si va contro quanto deliberato dal Pd e chiesto dal partito nazionale ; si rinuncia al duro lavoro della ricerca della unità e della migliore sintesi ; si decide per le primarie, strumento che divide,oggi del tutto non idoneo e deviante ; si spacca il Centro Sinistra e si perde anche un pezzo di maggioranza. Cui Prodest? Prevalga in estremis il buon senso e si rimedi ad una catastrofe politica”.

Tranchant il commento di Vittoria Purtusiello: “Interessato solo alla sua sopravvivenza politica Mario Polese rompe il Partito Democratico Basilicata e il Centro sinistra. Decide da solo contro le indicazione del Pd Nazionale e senza neanche la condivisione della direzione regionale! Lo dico a chi lo ha sostenuto @s_margiotta Vito De Filippo Luca Braia Roberto Cifarelli FERMATELO o i lucani vi cancelleranno!

Ed anche il Senatore Margiotta non deve essere molto contento della decisione se scrive che : “Il Pd lucano sceglie la strada degli strappi, uno dietro l’altro… Convocare primarie va in direzione contraria e ostinata” (all’unità ndr).