Un sindaco che tira dritto, mettendo da parte per ora i problemi di tenuta della coalizione e quelli delle scelte della Fondazione, che parla di certezze con 100 milioni di euro di investimenti e 30 assunzioni di personale qualificato, per concretizzare buona parte delle cose che l’Amministrazione comunale intende realizzare per Matera 2019.

Raffaello De Ruggieri va avanti come un treno, indicando l’inserto giallo e verde di Italia Oggi sulla Legge di stabilità, citando articoli commi e importi, e ricordando come gli interventi da mettere in campo sono quelli indicati in campagna elettorale. Il resto dovrà farlo il Governo, fuori dalla politica degli annunci, ma con atti concreti per l’adeguamento viario (dall’innesto con la Basentana lungo la Ferrandina-Matera fino a Gioia del Colle con innesto sulla A 14) per catturare l’utenza turistica che percorre la Puglia, delle infrastrutture immateriali, della mobilità interregionale ( è il caso delle navette per le coincidenze con i voli dell’aeroporto di Bari) e per lo scalo merci ferroviario con Trenitalia.

Nulla da fare, e lo abbiamo scritto nel recente articolo di presentazione del maestro Fulvio Creux, per il completamento della Ferrandina –Matera in direzione nord. Il collegamento di Matera resta con il treno delle Fal,a scartamento ridotto, per il quale è in corso un progetto di ammodernamento della linea Bari-Matera-Altamura.

La costanza di De Ruggieri ha portato a illuminare i grigi dirigenti ministeriali circa la possibilità di un collegamento ‘’merci’’ delle ex Fs dallo stabilimento Ferrosud di Jesce a Casal Sabini ( Bari). La linea di 6 chilometri, di proprietà del Consorzio di sviluppo industriale, verrebbe acquisita da Trenitalia e Matera avrebbe un suo collegamento con la rete nazionale. Lo avevamo scritto 25 anni fa sul settimanale ‘’Città domani’’, che in quella zona sarebbe potuta sorgere la stazione delle Fs per la Città dei Sassi e la cosa avrebbe portato, ne siamo certi, anche all’adeguamento della ex strada provinciale 271 Matera-Santeramo e quindi all’innesto con la A14.

De Ruggieri batte cassa anche per altre opere come la tangenziale ovest, che da via dei Normanni dovrebbe raggiungere l’Aia del Cavallo e da qui l’area ospedaliera. E qui, in attesa che il Governo finanzi l’opera (50 milioni di euro), il sindaco chiede alla città lumi se si vuole un’opera a ‘’raso’’ o con ‘’viadotti’’. L’esempio di Reggio Emilia con una ardita e armonica di Calatrava propenderebbe per un viadotto.

‘’ Non si tratta di risorse piovute dal cielo –ha commentato De Ruggieri- ma attinte da leggi e programmi disponibili. E poi ci sono le 30 assunzioni di professionalità che lavoreranno per questi obiettivi.

Priorità? La stazione di piazza Matteotti, il terminal bus e poi le opere che partono subito come il primo stralcio per rendere fruibile l’area del Sasso Caveoso destinata a ospitare il Museo Demoetnoantropologico e per riqualificare piazza Vittorio Veneto’’.

Desta interesse, in attesa di conoscere le modalità di reclutamento, per le assunzioni. Riguardano 4 vigili urbani, 14 componenti dell’ Ufficio Sassi con il rifinanziamento della legge 771/86, ), un ingegnere per impianti di pubblica illuminazione, un perito tecnico, un ingegnere ambientale, un assistente sociale, un agronomo forestale, un esperto laureato in informatica, due unità amministrative che comporranno il Centro unico Appalti comunale, un ingegnere e un architetto per il settore urbanistica, un laureato per il settore turismo, e un esperto in economia della cultura e cinema. Tutto merito della legge di stabilità.

Un mare nel fabbisogno della pianta organica del Comune di Matera e tante le scialuppe pronte a prendere il mare per partecipare al concorso. Spazio ai giovani capaci, e sono tanti, costretti ad andare via per l’assenza di opportunità e per le ricorrenti ‘’incrostazioni’’ clientelari che non premiamo la meritocrazia.

conf stampa 4

DE RUGGIERI E L’ASSESSORE PRETE: ECCO COSA FAREMO:

Opere per 100 milioni di euro che consentiranno la trasformazione della città all’insegna della qualità urbanistica e sociale.
Questo, in sintesi, il commento del sindaco e dell’assessore alle Opere pubbliche Antonella Prete che hanno illustrato tutte le azioni che impegneranno il Comune nei prossimi anni, in vista del 2019.
“Quello che descriviamo oggi, non è un elenco di ipotesi e programmi, ma un incontro in cui definiamo progetti garantiti da risorse economiche”. Così il sindaco ha esordito oggi nel corso della conferenza stampa convocata nella sala Mandela.
“Oggi indicheremo il tragitto del governo cittadino – ha aggiunto – attraverso il programma pluriennale. Le somme che utilizzeremo sono state individuate, pilotate e ottenute dall’attività di questa amministrazione. In particolare parlo dei fondi della Legge di stabilità, originati dalla delibera del consiglio comunale dell’ottobre scorso approvata all’unanimità nel corso di una seduta pubblica. In questi mesi abbiamo sensibilizzato il Governo nazionale sulla necessità di rompere l’isolamento storico di Matera e mentre, per la ferrovia la vicenda è difficile e a volte inascoltati, sul capitolo della viabilità abbiamo riproposto i due temi essenziali che segnano questo periodo: l’ultimazione in tempi rapidi della Bradanica sulla Metaponto-Melfi e il collegamento strategico dalla Basentana alla autostrada di Gioia del Colle A14.
La nota ufficiale dell’Anas del 17 marzo scorso – ha proseguito il sindaco – ci ha confermato il progetto preliminare del collegamento mediano Murgia Pollino- Gioia del Colle- Matera- Ferrandina- Pisticci. Questo tratto collegherà aree industriali di Jesce, Venusio, Matera Valbasento. Si apre così un varco grazie al recupero della viabilità di un’arteria strategica per l’intera Basilicata.
Abbiamo predisposto anche programmi di intervento legati alle risorse che abbiamo catturato, partendo dai fondi di Sviluppo e coesione per 20 mln, recuperando con una ricognizione puntuale alla Cassa Depositi e Prestiti per 2.150 mln, somme del Comune di mutui accesi e in parte non utilizzati. Per questa ragione, devo ringraziare l’ex consigliere comunale Michele Paterino che aveva fatto di questa vicenda una battaglia personale. Ci sono, poi – ha aggiunto il sindaco – 17 mln provenienti dalla legge di stabilità e dal Ministero dei Beni culturali che ha previsto nel complesso una erogazione di 28 mln alla città, capitale europea della cultura (11mln sono destinati alla Fondazione Matera-Basilicata 2019). Abbiamo già svolto due incontri al Ministero e un altro si terrà a breve nel corso del quale si definiranno somme e opere. Inoltre 20 mln saranno destinati al rifinanziamento della Legge 771/1986, due milioni dei quali copriranno le spese per il personale dell’Ufficio Sassi che verrà ripristinato.
La Melteni srl verserà al Comune 700 mila euro per il recupero funzionale del Casino Dragone a S. Giacomo, in compensazione dell’installazione delle pale eoliche”.
Il sindaco ha inoltre illustrato l’utilizzo delle somme dei fondi Po-Fesr 2014-2020, su energia e recupero edilizio.
“Lo scenario concreto delle risorse, pari a più di 30 milioni garantirà di vivere una città che nella sua lunghezza territoriale può essere compensata dall’attivazione della metropolitana leggera delle Fal”. Tra le ipotesi annunciate anche la creazione di uno scalo merci ferroviario nell’area di Jesce.
Il sindaco ha poi parlato dei progetti i cui fondi sono stati promessi, ma non sono ancora certi.
In un veloce riferimento, Raffaello de Ruggieri ha spiegato: “Il più importante è la tangenziale ovest, il collegamento fra via Normanni e via Carlo Levi per una somma complessiva di 22 mln. Si tratta di un’arteria stradale che consentirà di liberare via Lucana dall’aggressione quotidiana del traffico e per questo si tratta di un’opera per cui ci si dovrà confrontare con la città. L’altro grande intervento è la trasformazione di piazza Matteotti che diventerà Parco della Visitazione e che richiederà una spesa di 3mln; l’area diventerà il collegamento fra la città storica e quella moderna. Sono questi i punti nevralgici delle nostre future richieste, insieme ad altre”.
Tra queste il sindaco ha indicato la mobilità intermodale, il collegamento (30mln) di un “by pass” da via Appia (a ridosso del cementificio) fino alla Matera-Gioia del Colle per impedire che il traffico pesante percorra quell’area in vista della nascita del Parco delle Cave, il Parco degli Angeli a Serra Rifusa, il Centro Olivetti a La Martella e il prolungamento della metropolitana fino all’ospedale.
“Si tratta di azioni – ha chiarito ancora il sindaco – che dovranno esserte inserite nel Patto della Basilucata nell’ambito del Masterplan per il sud o in un accordo di programma fra Ministeri, Comuni e Regione”. Tra gli interventi possibili sui fondi Feas per le strade rurali e gli antichi tratturi legati aprocedure competitive regionali, così come le periferie urbane e la rigenerazione di San Giacomo, Piccianello e una grande area di impianti sportivi.
Il sindaco ha poi parlato di investimenti che hanno probabilità concreta di essere realizzati.
“Il primo è un investimento di 800 mila euro per la videosorveglianza della città che è importante sia per la sicurezza che per i controlli previsti dal servizio porta a porta dei rifiuti. Altre azioni riguardano, poi, la finanza di progetto a cominciare dai parcheggi pubblici. Valuteremo comunicazioni di interesse per la costruzione di 3 parcheggi: uno al posto della scuola media Torraca (che verrebbe trasferita a Serra Venerdì presso la ex centrale del Latte), il parcheggio di via Gramsci e l’area a ridosso di via Cererie, strategica per chi deve recarsi nei Sassi.
L’altro grande progetto – ha agigunto il sindaco – è l’intervento integrato per efficiantamento energetico e smart city. C’è grande attenzione in questo senso, stabilizzando l’autonomia energetica attraverso il rifacimento della pubblica illuminazione e della produzione degli immobili comunali”.
Nel suo intervento il sindaco ha accennato anche ad interventi di recupero del patrimonio culturale. “Sulla base della legge regionale di riferimento, abbiamo candidato a finanziamento anche il Parco archeologico naturale di Timmari dove c’è la Tomba di Alessandro il Molosso. Abbiamo attivato risorse anche per rafforzare l’organico comunale – ha annunciato inoltre il sindaco – Entro qualche mese, grazie a quanto previsto dalla Legge di Stabiilità, potranno essere assunti con contratto a tempo determinato fino al 31 dicembre 2019, 30 unità tra agenti di polizia municipale (4), un ingegnere per impianti di pubblica illuminazione, un perito tecnico, un ingegnere ambientale, un assistente sociale, un agronomo forestale, un esperto laureato in informatica, due unità amministrative che comporranno il Centro unico Appalti comunale, un ingegenere o architetto per il settore urbanistica, un laureato per il settore turismo, e un esperto in economia della cultura e cinema.
L’Ufficio Sassi verrà ricomposto grazie a due architetti, due ingegneri, 4 geometri, 4 informatici, un avvocato e un segretario”. Sul Parco tematico della preistoria a Murgia Timone, inoltre, è prevista una somma di 1 mln, il Parco della Civiltà Rupestre con 3,5 milioni, il Museo demoantropologico per 7 mln e la Città dello Spazio per fondi pari a 1,5 mln.
“Il Ministero per i Beni culturale – ha aggiunto – ha fortemente voluto portare avanti il progetto del ‘Guerrieri’ di Matera. Il 24 aprile saranno a Matera la moglie e la figlia di Gerardo Guerrieri per apporre una targa davanti alla casa in cui nacque. L’area individuata per questa struttura potrebbe essere all’interno della Cava del Sole attraverso un bando internazionale”.
Ulteriori 2,150 mln, ha spiegato il sindaco saranno destinati “Alla manutenzione della viabilità (1 mln) e alla manutenzione delle scuole (800 mila euro) e alla riqualificazione del diurno in piazza Matteotti (250 mila euro), infine c’è l’eliminazione della stazione di servizio in via Annunziatella, nei pressi dello Stadio (200 mila euro)”.
L’assessore comunale alle Opere Pubbliche, Antonella Prete ha aggiunto: “La città che stiamo programmando è in linea con quello che il sindaco aveva illustrato all’inizio del suo mandato – ha spiegato, aggiungendo – siamo intervenuti su azioni presenti in passato che, però, erano rimaste prive di riscontro. Va ripristinata lìintera mobilità della città, svuotando il centro storico dalle auto. I Fondi di sviluppo e coesione infatti prevedono somme per lo scambio intermodale a Serra Rifusa dove potranno sostare auto che vogliono raggiungere la città. Lo scambio gomma-ferro consentirà di arrivare nel centro storico. Piazza della Visitazione verrà infatti utilizzata solo per i bus scolastici e per questo abbiamo già avviato uno studio dei flussi automobilistici, che si sta svolgendo proprio in queste ore.
Allungheremo le aree pedonali in città, come previsto nel piano delle opere già finanziate. Abbiamo rivisto anche i progetti rimasti fermi e che sono stati riprogrammati differenziando le diverse linee di intervento come ad esempio cinema Comunale e cinema Kennedy. La nostra attenzione infatti è rivolta anche alle aree periferiche – ha aggiunto – Ci sono infatti azioni concentrate nei rioni di Piccianello, San Giacomo e a La Martella. L’intervento pervisto nella Sala Pasolini, si proporrà non solo come hub per le produzioni cinematografiche, ma anche come punto di riferimento per l’attività consiliare e quelle di produzione cinematografica”. In quanto ai percordi pedonali nel centro storico l’assessore si è riferita a via del Corso, via delle Beccherie e la riqualificazione dell’area da piazza della Visitazione all’ingresso dei Sassi, attraverso via don Minzoni.
A breve partiranno i lavori in piazza Vittorio Veneto, mentre il primo stralcio del Dea (Museo Demoetnoantropologico) è già avviato.
“Questo è il primo grosso progetto che parte, dopo uno stop che durava da 20 anni. I lavori riguarderanno l’area dietro il rione Malve – ha concluso l’assessore – Rifaremo la pavimentazione, i muretti e ripristineremo l’impianto di pubblica illuminazione”.

conf stampa 2

LE GARE ESPLETATE – COMUNE DI MATERA Settore Lavori Pubblici:
• CENTRALE TERMICA E IMPIANTO SOLARE PRESSO CAMPO SPORTIVO BORGO LA MARTELLA
F.LLI LOIUDICE € 38.848,19 – ALTAMURA – 06/11/2015
RIQUALIFICAZIONE PERCORSI TURISTI DEI RIONI SASSI
RUGGIERI COSTRUZIONI-MATERA € 147.949,22 – 23/11/2015
LAVORI DI COMPLETAMENTO DEL RESTAURO DEL COMPLESSO S.LUCIA E SANT’AGATA
EDILIZIA F.LLI SACCO – MATERA € 201.247,37 – 24/11/2015
RIQUALIFICAZIONE STRADE E MARCIAPIEDI VIA MORELLI
SIQUAM SRL – MATERA – € 89.915,88- 04/12/2015
VALORIZZAZIONE E FRUIZIONE CASTELLO TRAMONTANO
EDIL CO. SRL – MATERA – € 274.630,48 – 17/12/2015
LAVORI DI RECUPERO E VALORIZZAZIONE CENTRO VISITE IAZZO GATTINI E VILLAGGIO NEOLITICO MURGIA TIMONE
ZIS DI PAOLO SCHIAVANO € 169.926,16 – 21/12/2015
• MANUTENZIONE PIANI VIABILI DELLA CITTA’ E DEI BORGHI
CAVE E CANTIERI –MATERA -€ 88.868,36 – 22/12/2015
• LAVORI DI COMPLETAMENTO E RIQUALIFICAZIONE CAVA DEL SOLE
CANTATORE ONOFRIO € 107.951,69 – 29/12/2015
• LAVORI DI MANUTENZIONE VIABILITA’ RURALE
CHITA DONATO – MATERA -€ 77.028,85 – 07/01/2016
• INTERVENTI VULNERABILITA’ SISMICA ELEMENTI NON STRUTTURALI DELIBERA CIPE DEL 06/01/2012 –EDIFICI SCOLASTICI COMUNALI
TRAETTA SALVATORE – ALTAMURA € 130.835,74 – 08/01/2016
• INTERVENTI VULNERABILITA’ SISMICA ELEMENTI NON STRUTTURALI DELIBERA CIPE DEL 06/01/2012 –EDIFICI SCOLASTICI PROVINCIALI NC EDIL PITTURAZIONI -MATERA € 307.989,37 – 11/01/2016
• PUBBLICA ILLUMINAZIONE CITTA’ E BORGHI PER LA DURATA DI MESI DODICI
AR.FA TECH SRL- BARI – € 146.160,50 – 21/01/2016
• COMPLETAMENTO IMPIANTO CLIMATIZZAZIONE CENTRALE TERMICA E CENTRALE TRATTAMENTO ARIA PRESSO ALCUNI LOCALI EX CONVENTO S.LUCIA DA ADIBIRE SEDE ISCR
F.LLI LOIUDICE –ALTAMURA € 74.112,55 – 16/02/2016
• RISTRUTTURAZIONE PIANO COPERTURA IMMOBILE VIA LA CAVA
LIPPASFALT –MATERA € 43.447,97 – 25/02/2016
• LAVORI DI RECUPERO FUNZIONALE VIGENTI NORME DI SICUREZZA POLISPORTIVO PALASASSI SITO IN VIALE DELLE NAZIONI UNITE.
NICOLETTI MICHELE-ALTAMURA € 61.097,26 – 22/03/2016
• LAVORI DI RIDISTRIBUZIONE ALCUNI AMBIENTI PRESSO L’ISTITUTO COMPRENSIVO G.PASCOLI.
IMPORTO BASE D’ASTA € 45.080,00
100 MILIONI DI EURO DI OPERE PUBBLICHE 2016-2018

conf stampa 3

Risorse certe – interventi individuati e in corso:
FONTE DI FINANZIAMENTO FSC
Descrizione intervento 2016 2017 2018 TOTALE
Interventi di adeguamento del Cinema Comunale 800.000,00 € 8 00.000,00 €
Interventi di adeguamento del Cinema Kennedy 1.200.000,00 € 1.200.000,00 €
Ristrutturazione Palazzo del Casale e adiacenze Sede Fond. Matera 2019 1.350.000,00 € 1.350.000,00 €
Completamento Santa Lucia alla Fontana 1.000.000,00 € 1.000.000,00 €
Ristrutturazione del Centro socio-culturale San Giacomo (ex Biblioteca) 800.000,00 € 8 00.000,00 €
Ristrutturazione del Centro socio-culturale di via Sallustio – Sala Pasolini 500.000,00 € 5 00.000,00 €
Laboratorio Sassi – Università Basilicata 346.154,00 € 3 46.154,00 €
Completamento del recupero del Monastero di Santa Lucia e Agata 400.000,00 € 4 00.000,00 €
Museo Demoetnoantropologico – sistema dei percorsi 1.140.000,00 € 1.140.000,00 €
Museo Demoetnoantropologico – Recupero e funzionalizzazione Vicinato 780.000,00 € 7 80.000,00 €
Completamento Ipogei di p.zza Vittorio Veneto 1.000.000,00 € 1.000.000,00 €
Percorsi agevolati (ascensori) 850.000,00 € 8 50.000,00 €
Riqualificazione e adeguamento di percorsi pedonali di accesso ai siti turistici e culturali 1.150.000,00 € 1.150.000,00 €
Parco IV Novembre e Parco Macamarda 500.000,00 € 5 00.000,00 €
Riqualificazione Centro Storico 2.000.000,00 € 2.000.000,00 €
Riqualificazione Campo Scuola 400.000,00 € 4 00.000,00 €
Riqualificazione fabbrica del Carro 800.000,00 € 8 00.000,00 €
Metanizzazione Borgo Picciano 150.000,00 € 1 50.000,00 €
Riqualificazione circuito urbano delle Chiese Rupestri: Santa Barbara, Convicinio di Sant’Antonio,
Santa Maria de Armeniis, Cappuccino Vecchio 1.000.000,00 € 1.000.000,00 €
Potenziamento Metropolitana 3.700.000,00 € 3.700.000,00 €
Riqualificazione Asilo Nido di via Gramsci 916.156,00 € 9 16.156,00 €
IMPORTO TOTALE 2 0.782.310,00 € – € 20.782.310,00 €
Da destinare a Fondazione MT2019: Open Design School 320.000,00 € 3 20.000,00 €
Da destinare a Fondazione MT2019: I-DEA 280.000,00 € 2 80.000,00 €
Stima dei costi

conf stampa 1
2
Risorse certe – interventi individuati
FONTE DI FINANZIAMENTO RISORSE DORMIENTI CASSA D.D.P.P.
Descrizione intervento 2016 2017 2018 TOTALE
Riqualificazione Diurno Piazza Matteotti 250.000,00 € 2 50.000,00 €
Manutenzione straordinaria edilizia scolastica 900.000,00 € 9 00.000,00 €
Manutenzione straordinaria viabilità urbana 1.000.000,00 € 1.000.000,00 €
IMPORTO TOTALE 2.150.000,00 € 2.150.000,00 €
Risorse certe – interventi individuati
FONTE DI FINANZIAMENTO LEGGE DI STABILITÀ N. 208/2015 – c. 345
Descrizione intervento 2016 2017 2018 2019 TOTALE
Parco della Storia dell’Uomo – 3 Civiltà contadina (c. 345) 1.000.000,00 € 1.500.000,00 € 4.500.000,00 € – € 7.000.000,00 €
Parco della Storia dell’Uomo – 4 Città dello Spazio (c. 345) 1.500.000,00 € – € – € 1.500.000,00 €
Il Guerrieri di Matera (c. 345) 2.000.000,00 € 4.000.000,00 € 2.000.000,00 € 8.000.000,00 €
Cava del Sole – sistemazione pertinenze (c. 345) 500.000,00 € – € – € – € 500.000,00 €
TOTALE 1.500.000,00 € 5.000.000,00 € 8.500.000,00 € 2.000.000,00 € 1 7.000.000,00 €
Importi da destinare a Fondazione Matera 2019 500.000,00 € 1.000.000,00 € 2.500.000,00 € 7.000.000,00 € 11.000.000,00 €
Risorse certe – interventi individuati
FONTE DI FINANZIAMENTO LEGGE DI STABILITÀ N. 208/2015 – c. 347
Descrizione intervento 2016 2017 2018 TOTALE
Recupero Complesso del Casale – Open Design School (c.347) 2.200.000,00 € 2.200.000,00 €
Palazzo Malvezzi – Sede rappresentanza istituzionale (c. 347) 1.500.000,00 € 1.500.000,00 € 1.000.000,00 € 4.000.000,00 €
Parco della Storia dell’Uomo – 1 Preistoria (c. 347) 1.000.000,00 € 1.000.000,00 €
Parco della Storia dell’Uomo – 2 Civiltà rupestre (c. 347) 1.500.000,00 € 2.000.000,00 € 3.500.000,00 €
Interventi nei Rioni Sassi (c. 347) 2.000.000,00 € 2.000.000,00 € 4.000.000,00 €
I luoghi del silenzio (c. 347) 1.000.000,00 € 1.000.000,00 €
Contributi ex L. 771/1986, artt. 7 e 8 (c. 347) 500.000,00 € 1.000.000,00 € 8 00.000,00 € 2.300.000,00 €
TOTALE 2.000.000,00 € 9.200.000,00 € 6.800.000,00 € 18.000.000,00 €
Stima dei costi
Stima dei costi
Stima dei costi
3
Risorse certe – interventi individuati
FONTE DI FINANZIAMENTO Progetto sviluppo locale Melteni srl
Descrizione intervento 2016 2017 2018 TOTALE
Recupero funzionale Casino Dragone 200.000,00 € 500.000,00 € – € 7 00.000,00 €
TOTALE 200.000,00 € 500.000,00 € – € 7 00.000,00 €

Risorse certe – interventi da confermare con procedura negoziata – Regione Basilicata
FONTE DI FINANZIAMENTO PO FESR 2014-2020 (ITI)
Descrizione intervento 2016 2017 2018 TOTALE
Cablaggio e banda larga nei Sassi e centro storico 2.000.000,00 € 2.000.000,00 €
Metropolitana – Stazione di Matera Centrale e aree adiacenti 4.000.000,00 € 4.000.000,00 € 8.000.000,00 €
Area interscambio autobus extra-urbani 500.000,00 € 5 00.000,00 €
Aree camper 1.000.000,00 € 1.000.000,00 €
Interventi integrati per l’efficientamento energetico e smart grid 875.000,00 € 2.000.000,00 € 2.875.000,00 €
Centro integrato per l’innovazione e il trasferimento tecnologico 500.000,00 € 1.000.000,00 € 1.500.000,00 €
Disinquinamento torrente Gravina 1.000.000,00 € 3.000.000,00 € 4.000.000,00 €
Dotazioni impiantistiche per il recupero di energia e la minimizzazione degli impatti ambientali 1.000.000,00 € 1.500.000,00 € 2.500.000,00 €
Parco delle Cave e ingresso monumentale 1.000.000,00 € 2.450.000,00 € 3.450.000,00 €
Casino Padula 500.000,00 € 5 00.000,00 €
Recupero edilizio per alloggi e servizi abitativi categorie fragili 1.000.000,00 € 1.500.000,00 € 2.500.000,00 €
Azioni di co-progettazione per la rigenerazione urbana 1.000.000,00 € 5 00.000,00 € 1.500.000,00 €
Riqualificazione aula magna Liceo Classico 5 00.000,00 € 5 00.000,00 €
Riqualificaz. edifici scolastici anche per accessib. divers. abili 800.000,00 € 1.000.000,00 € 1.800.000,00 €
TOTALE – € 1 3.175.000,00 € 17.450.000,00 € 30.625.000,00 €
TOTALE GENERALE € 100.857.310,00.

Imprese locali e non pronte ad attivare i cantieri. Il sindaco, ricordano l’esperienza della promozione del Fc Matera in serie B nel campionato 1977-1978, è certo di completare le opere ricorrendo ai doppi turni con il duplice obiettivo dell’occupazione e di abbattere i tempi. Si lavorava anche di notte e alla luce delle fotoelettriche e le nuove tribune vennero realizzate per tempo, prima dell’avvio del campionato cadetto. E’ l’uovo di Colombo. Le imprese facciano bene i conti in tasca e preparino cartelli, recinzioni e attrezzature. Matera 2019 è anche lavoro