martedì, 7 Febbraio , 2023
HomePoliticaLe domande dell'ADOC Basilicata alla Regione sul bonus gas

Le domande dell’ADOC Basilicata alla Regione sul bonus gas

“In un recente incontro tra i rappresentanti della Regione Basilicata, di Api-Bas e i rappresentanti le società di vendita di gas in Basilicata è stato fatto il punto sullo stato di attuazione del c.d. “bonus gas” di cui alla legge regionale numero 28 del 2022.
I rappresentanti della Giunta Regionale in un comunicato hanno affermato che a distanza di tre mesi dall’entrata in vigore della legge le società di vendita di gas operanti in Basilicata, che hanno ottemperato alla norma regionale rappresentano il 90% del mercato di riferimento e che sono stati oltre 130 mila i cittadini i Basilicata che hanno presentato domanda (utenti beneficiari della misura???).” Inizia così una lettera inviata da Canio D’Andrea – Presidente dell’ADOC Basilicata (Associazione di difesa e orientamento dei consumatori) a Vito Bardi, all’assessore Cosimo Latronico e a tutti i consiglieri regionali nella quale afferma cheL’ADOC di Basilicata è rimasta sorpresa e sconcertata da queste affermazioni. Infatti:
-o i reclami e le lagnanze dei cittadini non hanno ancora avuto risposte;
-o il call center dedicato al bonus gas resta muto;
-o le richieste fatte con PEC o con mail sono senza risposta.
È mai possibile di questi problemi ne è a conoscenza solo l’ADOC?
Ed ecco le domande alle quali vorremmo delle risposte dai rappresentanti istituzionali:
1. quali sono le compagnie che non hanno aderito al dettato della legge regionale?
2. quali quelle che non hanno accettato tutte le domande che hanno ricevuto?
3. quali quelle che non hanno stornato per intero la “molecola gas”?
4. come viene calcolata, praticamente, la quota da stornare nelle fatture di ciascuno;
5. che possono fare i cittadini di Basilicata serviti dalle compagnie, a cui il bonus non è stato
riconosciuto, per ottenerlo?
6. come vengono trattate le richieste che contengono errori?
7. quali sono i recapiti per avere informazioni?
Domande da tempo avanzate ma ancora senza risposte.
Una cosa è certa molti cittadini hanno ricevuto bollette esose e senza alcuno sgravio.
Alle legittime aspettative dei cittadini né le compagnie che forniscono il gas né l’Api-bas danno risposte.
Le nostre richieste e quelle dei consumatori restano voci inascoltate.
Per discutere di queste situazioni si chiede di conoscere i dati richiesti e successivamente l’apertura di un confronto per la risoluzione dei problemi prospettati.”

Vito Bubbico
Vito Bubbico
Iscritto all'albo dei giornalisti della Basilicata.
RELATED ARTICLES

Rispondi

I più letti