Parole al vetriolo, era da immaginarlo, con la dura analisi e il ”J’accuse” del consigliere della lista ”Insieme” Gaspare L’Episcopia che ha ribadito al sindaco Raffaele De Ruggieri l’invito a dimettersi. Saranno decisive le prossime 48 ore per ufficializzare- probabilmente- e se non ci saranno fatti nuovi la richiesta scritta di 17 consiglieri a mettere fino al mandato.

La pausa di 5 minuti…chiesta dall’opposizione per decidere il da farsi, dopo l’invito del capogruppo del Pd Salvatore Adduce ad adottare tutti gli strumenti a disposizione, non ha portato ad alcunchè tranne il venir meno del numero legale. La pausa porterà consiglio per la prossima seduta dell’assemblea, che ha in calendario quattro date per cominciare l’esame del Regolamento urbanistico? Mah.

Servirebbe un paziente lavoro di tessitura visto che la coperta politica è ampiamente lacerata. Le comunicazioni del sindaco, già sentite in conferenza stampa, sui motivi che hanno portato al nuovo esecutivo a nove asssessori non hanno convinto nel metodo. Ma siamo abbondantemente in campagna elettorale.

Anche il sindaco, intenzionato a tirare dritto e a valutare le situazioni di volta in volta in volta all’insegna del ”divide et impera”.

E del resto come riportato nel servizio https://giornalemio.it/politica/tranquilli-il-sindaco-e-capatost-e-non-verra-a-calare/ non è il caso di lasciare tre mesi prima del mandato.

Il fronte dell’opposizione resta integro? Forse.