Ora tocca al Tribunale amministrativo regionale pronunciarsi sul ricorso presentato dal M5S, contro la decisione della giunta regionale di Basilicata di votare il 26 maggio 2019.E la foto che ritrae il candidato presidente del M5S alla Regione Basilicata, Antonio Mattia, con il capogruppo al Comune di Matera, Antonio Materdomini, stringere ”u’ ficcilatidd” il pane biscottato della tradizione materana, preparato da massaie e fornai per l’Immacolata, sembra essere di buon auspicio…. Visto che ”u’ ficcilatidd” è una grande ciambella riuscita col buco. “Andremo a votare il più presto possibile -ha detto il candidato M5S alla Presidenza della Regione Basilicata, Antonio Mattia, che a Matera, nel giorno dell’Immacolata, in piazza Vittorio Veneto, con altri attivisti del movimento proprio sul tema del ricorso e delle elezioni. Serata fredda, ma tante strette di mano con concittadini e turisti. E Mattia ha ricordato come il Tar abbia fissato al 19 dicembre l’udienza sul ricorso presentato dai pentastellati contro il decreto della Giunta regionale lucana che fissa le elezioni regionali in Basilicata per il 26 maggio 2019. “Siamo ottimisti – ha commentato il candidato alla Presidenza – che verranno accolti i motivi del ricorso”. “E’ osceno questo ritardo -ha aggiunto- è una forzatura, uno scippo di democrazia” e che ” E’ assurdo che un evento così importante come l’anno di Matera Capitale europea della Cultura 2019, non debba avere una giunta pienamente in carica, che guardi al futuro della Basilicata e del Sud”. In caso di mancato accoglimento del ricorso da parte del Tar p al Consiglio di Stato, Mattia ha aggiunto che non esclude l’intervento del Governo. “Bisognerebbe -ha detto- far intervenire il Governo con una decretazione. Se è legittima la data della Basilicata – ha continuato – è evidente che sono illegittime quelle delle altre regioni che andranno a votare dall’Abruzzo alla Sardegna, alla Calabria e via elencando”. E allora non c’è che augurarsi -ha concluso- che si voti in tre mesi. Ma prima la sentenza del Tar.Nel frattempo un morso all’ottimo ficcilatidd…