…pernottando, come altri, nella nostra città, partecipando ovviamente alla ”plenaria” a Palazzo Lanfranchi e alla conferenza stampa prevista per il 29 giugno. Impegni ufficiosi, come è giusto che sia, ma nel programma del G20 dei ministri degli Esteri è previsto e il sindaco Domenico Bennardi sta lavorando sodo, con i suoi collaboratori, perchè l’Italia e la Città facciano bella figura. Del resto il ministro Luigi Di Maio aveva annunciato l’evento nella visita effettuata il 10 ottobre 2020 a Matera. E una conferma che Matera, con Bari e Brindisi ospiterà a fine giugno quell’incontro con la partecipazione di delegazioni straniere, è venuta da un ulteriore sopralluogo che funzionari della Presidenza del Consiglio dei Ministri hanno effettuato nella giornata di martedì 11 maggio a Matera.

Sono stati, da quanto si è appreso, nei due plessi del Museo Nazionale, a Palazzo Lanfranchi e al Museo archeologico Domenico Ridola e poi nei rioni Sassi sul versante del Caveoso, dove è previsto un breve tour di taglio promozionale con le produzioni enogastronomiche e artistiche della Basilicata. Previsto anche un intrattenimento musicale e, naturalmente, si sta pensando a souvenir per gli ospiti come stanno facendo l’Apt e lo stesso Comune. C’è tempo e del resto l’incontro in Prefettura della delegazione serve a mettere a punto i diversi aspetti organizzativi. Manca un mese e mezzo all’evento e la Città dovrà essere pronta sul piano dell’accoglienza e della sicurezza, naturalmente. Una vetrina importante, come ha ripetuto il sindaco in altre occasioni, per riproporre Matera e la Basilicata a una platea internazionale. E, chissà, una parte del G20 in qualche maniera potrebbe aprire una strada su aspetti di interesse internazionale che a Matera potrebbero avere luogo di confronto naturale.