Il fondo perduto, concesso con tempi di erogazione strettissimi, è lo strumento migliore per rispondere prontamente al disagio degli operatori economici e dei lavoratori principalmente colpiti dalle nuove norme”, così Mirella Liuzzi – Sottosegretario al MISE – in una nota a commento dell’approvazione, ieri, del Decreto Ristori.

Dei 6,2 miliardi mobilitati, il Ministero dello Sviluppo Economico ha messo in campo ben 2,4 miliardi di euro di indennizzi solo per il fondo perduto”, continua Liuzzi, “L’obiettivo è far arrivare risorse congrue in tempi record obbedendo all’urgente necessità delle categorie più penalizzate; come i ristoranti ai quali viene riconosciuto il 200% di quanto ricevuto ad aprile, somme che – per chi ha già goduto della misura nei mesi scorsi – saranno accreditate già entro il 15 novembre direttamente sui conti bancari”, aggiunge.

Inoltre è prevista l’abrogazione della seconda rata IMU, tre ulteriori mesi di credito d’imposta sugli affitti, contributi pari al doppio di quanto ricevuto ad aprile per palestre, piscine. Infine abbiamo previsto un’indennità da 1.000 euro per i lavoratori stagionali del turismo (inclusi quelli con contratto di somministrazione o a tempo determinato) nonché gli stagionali degli altri settori, i lavoratori dello spettacolo, gli intermittenti, i venditori porta a porta e i prestatori d’opera”, conclude Liuzzi.