Il passaparola è una brutta bestia e in una città provinciale nel modo di pensare e operare (altro che Capitale!) vanno avanti frasi imperiose, con i ricami inevitabili da campagna elettorale in corso… E così la richiesta di azzeramento delle deleghe in giunta, avanzata in commissione ambiente, dal consigliere di Matera Capitale (a rieccoci) Angelo Cotugno su un provvedimento di urgenza in materia di rifiuti che tocca all’esecutivo guidato da Raffaele De Ruggieri, ha alimentato non pochi commenti… tanto da farne il casus belli per rivedere equlibri, posizione e favorire avvicendamenti (non è la prima volta che se ne sente parlare) prima del rush finale in vista delle elezioni comunali 2020. Cotugno,sentito sull’argomento, parla di questione di merito su tre voci per un importo complessivo da 500.000 euro in materia di consumo di energia elettrica presso l’impianto di La Martella, gestione e manutenzione straordinaria di attrezzature. ” Perchè – ha detto Cotugno- portare in commissione e quindi in consiglio un argomento di somma urgenza, con un normale spostamento di voci da un capitolo all’altro in attesa che si definisca il nuovo servizio,che la giunta avrebbe dovuto e potuto approvare di conseguenza. Se qualcuno non vuole assumersi responsabilità è giusto che il sindaco ritiri le deleghe”. Commento lapidario. L’argomento ritorna nelle mani del sindaco che dovrebbe approvare, probabilmente lunedi 11 novembre, almeno due dei tre punti in questione. Quanto alle verifiche ci potrebbero essere e qualcuno, in giunta, potrebbe tornare alla vita di tutti i giorni. Quando e come? Prima occorrerà disinnescare la bomba appalto rifiuti, trasporti e ad altro ancora. Natale con panettone e spumante. All’Epifania si vedrà e qualche calza ripiena di carbone potrebbe venire fuori…Per ora niente nomi. E De Ruggieri saldamente a cavallo fino a maggio e oltre. Non ci credete?