Il parlamentare materano Gianluca Rospi ha lanciato un sasso nello stagno, dalla Città dei Sassi, i cui effetti – se intercettati e attuati – potrebbero accelerare quella verifica o ‘tagliando’ (definizione respinta in passato dal presidente Vito Bardi) all’interno della maggioranza di centrodestra nel governo della Regione Basilicata. E la richiesta è di quelle che prevede d la rinuncia da parte dello stesso Bardi alla delega alla Cultura, per affidarla a un assessore, affinchè si occupi a tempo pieno dei problemi e della crisi procurata dalle restrizioni da coronavirus. Come confermano le proteste ‘’civili’’ di piazza o sui media di questi giorni. Si tratterebbe di un assessorato ex novo, uno in più rispetto ai cinque attuali. A chi toccherebbe? Ammesso che si faccia. A Cambiamo l’Italia non rappresentata in giunta, https://giornalemio.it/politica/il-sindaco-di-matera-calma-ce-anche-cambiamo/, come più volte ha rimarcato il coordinatore regionale Nicola Benedetto? A meno che non si intenda procedere a un rimescolamento o redistribuzione delle deleghe rivedendo equilibri, rappresentanze e favorendo avvicendamenti avvertiti da più parti per un cambio di passo della giunta Bardi? Sarebbe auspicabile, con ingressi in odore di esserlo come il materano Piergiorgio Quarto , ma anche destabilizzante che farebbero saltare gli equilibri dentro alcuni partiti della coalizione. E basta vedere i potenziali nomi tra i non eletti in consiglio per farsene un’idea. La verifica e gli ‘’aggiustamenti’’ (politici o tecnici si vedrà) ci saranno, prima o poi. Magari quando il covid farà trarre uno sospiro di sollievo con l’arrivo dei vaccini. Ma nel frattempo, ed è l’ipotesi concreta, il presidente Bardi manterrà la delega alla Cultura. Covid o non Covid. Sarà così. Per il mondo della cultura sofferenze e rinunce, in attesa dei ristori governativi nazionali e locali.

On. Rospi (PP): “Governatore Bardi nomini assessore cultura per tutela settore”
“Chiudere le sale da concerto e i teatri è una decisione grave perché l’impoverimento della mente e dello spirito è pericoloso e nuoce anche alla salute del corpo. Definire, come ho ascoltato da alcuni rappresentanti del governo, come «superflua» l’attività teatrale e musicale è espressione di ignoranza, incultura e mancanza di sensibilità.” Queste le parole del maestro Riccardi Muti e il Governo e noi tutti dovremmo riflettere.

“Settore quello del teatro, della musica e del cinema fortemente penalizzati, già da inizio pandemia. Un comparto cardine nelle società democratiche e biglietto da visita del nostro bel Paese che non può essere lasciato da solo”. Lo dichiara in una nota il deputato lucano, presidente di Popolo Protagonista, Gianluca Rospi.
“Nella mia città Matera e nel mio territorio la Basilicata, sono molte le associazioni, le fondazioni e le scuole culturali che, dopo aver vissuto con entusiasmo l’anno della Capitale Europea della Cultura 2019, oltre ad affrontare le forte crisi economica dovuta alla pandemia da Covid 19, si trovano a lottare contro la gestione confusionaria delle politiche culturali regionali che, invece di sostenere un settore importante, preferisce fare tagli, forse perché non lo reputa come asset strategico.


Infatti in Basilicata -prosegue- se prima la spesa prevista era di 2 milioni e mezzo, sono stati di fatto dimezzati i fondi ordinari destinati al settore. Al contrario degli svariati milioni che altre regioni vicine destinano al comparto. Come se non bastasse l’amministrazione lucana, oltre a tagliare i fondi ordinari, non ha previsto un fondo d’emergenza, come era auspicabile facesse, per aiutare l’intero settore a fronteggiare la chiusura di cinema e teatri. A poco sono servite le richieste formali fatte dai lavoratori prima e i sit-in davanti al palazzo della Regione dopo, di qualche giorno fa, ancora le loro istanze sono rimaste inascoltate”.
Infine il presidente di Popolo Protagonista conclude: “Credo vi sia la necessità di intervenire tempestivamente per sostenere un settore strategico e importante per il nostro territorio, motivo per cui chiedo al Governatore, Vito Bardi, di provvedere quanto prima alla nomina di un assessore con delega esclusiva alla cultura per rilanciare il territorio lucano, partendo proprio dalla cultura, comparto che ha permesso alla città di Matera e alla Basilicata di essere ambasciatori della cultura in tutta Europa nel 2019”.
31/10/2020
On. Gianluca Rospi

LE DELEGHE riservate alla competenza del Presidente:

le determinazioni circa l’indirizzo politico generale;
le materie che non costituiscono oggetto di delega, ivi comprese:
Promozione dell’immagine della Regione Basilicata;
Cultura e Spettacolo;
Valorizzazione dei beni culturali;
Turismo;
Università e Ricerca Scientifica;
Risorse strategiche e idrocarburi;
Stazione unica appaltante
rapporti internazionali e con l’Unione Europea della Regione, nonché i rapporti della stessa con gli enti territoriali interni ad altri Stati;
i rapporti con il Governo e con gli organi di coordinamento dei rapporti tra le Regioni e con lo Stato;
i rapporti con il Consiglio regionale;
i rapporti con le autonomie locali;
la programmazione strategica, economica e finanziaria, ivi compresa quella relativa ai programmi regionali cofinanziati con fondi europei, nazionali e regionali;
gli atti di indirizzo interpretativo e applicativo, le direttive, le circolari ed atti di carattere generale non demandati ad altri organi della Regione, nonché l’organizzazione degli Uffici regionali;
le proposte di delibera relative all’instaurazione di giudizi attivi e passivi dinanzi alla Corte Costituzionale, nonché dinanzi agli organismi giudiziari competenti nel caso di controversie a carattere sovranazionale ed internazionale;
la promozione di accordi e intese comunque denominati e la relativa sottoscrizione;
le nomine e le designazioni, nonché le relative proposte nel caso di nomine e designazioni di competenza della Giunta regionale;
i patrocini e le altre forme di onorificenza;
le ulteriori attribuzioni previste dall’articolo 48 dello Statuto, nonché ogni altro incarico non espressamente attribuito al Vicepresidente ed agli altri componenti della Giunta regionale.