E’ partita ufficialmente la campagna elettorale di ”Coalizione Civica per Matera” un soggetto nuovo della politica locale, con oltre 200 iscritti, che intende rilanciare il confronto sulle cose da fare, all’interno del centrosinistra, nel futuro governo cittadino. E lo ha fatto dopo aver letto il nuovo organigramma- che riportiamo nel comunicato – guidato dal ”pedalatore” Giuseppe Miolla che ha ricordato con commozione Catia Caponero, scomparsa di recente. Il neo presidente riferendosi alle vicende politiche della giunta guidata da Raffaele De Ruggieri, non ha potuto non ricordare le fasi di trasformismo in danno degli interessi generali, e le opportunità aperte dall’anno di Matera capitale europea della cultura 2019 che no vanno sprecate.

Coalizione Civica per Matera elegge gli organi sociali e apre la campagna elettorale

Si è riunita domenica 9 febbraio la prima assemblea degli iscritti di Coalizione Civica per Matera che ha eletto gli organi sociali dell’associazione politica.
Alla presidenza dell’assemblea sono stati eletti Rossella Nicoletti e Giuseppe Mininni mentre a presidente dell’associazione è stato eletto Giuseppe Miolla.
Il comitato direttivo è composto da: Teresa Ambrico, Pegah Moshir Pour, Serena Vigoriti, Eugenia Ziccardi, Adele Caputo, Rosa Pacione, Barbara Scarciolla, Vanessa Vizziello, Selena Andrisani, Angela Bellomo, Giuseppe Manicone, Raffaele Pentasuglia, Raffaele Giannella, Andrea Santantonio, Michele Plati, Giuseppe Manicone, Giuseppe Carella, Falcone Giuseppe, Enzo Massari, Nicola Taddonio, Giuseppe Pecora.
La relazione del neopresidente è cominciata con un commosso ricordo di Catia Caponero, scomparsa di recente, che negli ultimi tempi nonostante la malattia aveva voluto essere vicina e credere nel progetto politico di Coalizione Civica: “Penseremo a lei, al suo modo di stare nei conflitti con determinazione ma anche con grande umanità e capacità di mediazione per superare i momenti difficili che pure dovremo affrontare nelle prossime settimane”.

Dopo aver ripercorso le tappe di Coalizione Civica, dall’assemblea cittadina del 13 giugno scorso con la presentazione dell’appello alla città fino alla costituzione formale dell’associazione nel novembre scorso e alle iniziative pubbliche già organizzate nei quartieri, Miolla ha evidenziato: “la grande voglia di partecipazione dei cittadini che abbiamo registrato in questi primi mesi di attività. Oltre 200 iscritti in così poco tempo rappresentano un risultato molto importante in un momento storico caratterizzato dalla sfiducia nella politica e nelle istituzioni. Il metodo democratico, aperto e inclusivo, e l’organizzazione che ci siamo dati sono la garanzia che il nostro è un impegno di lungo periodo. Non siamo nati solo per partecipare alle prossime elezioni, Coalizione civica non è una lista per le amministrative ma un soggetto politico nuovo”.
 
Il giudizio sull’amministrazione De Ruggieri è impietoso: “Non possiamo non vedere come la grande visibilità che la città ha raggiunto da Capitale europea della Cultura rappresenta un lascito di grande potenzialità di cui bisognerà prendersi cura con altrettanto grande responsabilità ma il trasformismo estremo, prima e dopo le elezioni del 2015,l’incapacità di svincolarsi da interessi particolari, le proroghe infinite, la pessima gestione del ciclo dei rifiuti, gli interventi tampone e intempestivi sulla mobilità urbana, l’abbandono delle periferie e dei borghi, lo stato fatiscente degli edifici scolastici e degli impianti sportivi rappresentano un’eredità pesante di cui bisognerà farsi carico”.
 
L’appuntamento elettorale del prossimo maggio sarà molto complicato per il campo di appartenenza di Coalizione Civica che si riconosce nel centrosinistra. Mentre il centrodestra ha il vento a favore, dopo aver vinto le elezioni regionali e le comunali di Potenza, il centrosinistra è in una condizione di forte frammentazione.
 
“Per queste ragioni Coalizione Civica per Matera deve impegnarsi per costruire un campo largo del centrosinistra a cominciare dalle cittadine e dai cittadini ma anche con quelle forze politiche e sociali che vorranno condividere con noi l’esigenza di rinnovamento della classe dirigente per rispondere alla domanda che c’è di cambiamento e discontinuità”, ha aggiunto Miolla. “Discontinuità con un ceto politico autoreferenziale che per favorire la propria sopravvivenza ha trascurato gli interessi generali. I cittadini ci chiedono di partecipare per fare buona politica perché hanno bisogno di sperare in futuro migliore per sé ed i propri figli e vogliono tornare a essere protagonisti. Questa domanda non può essere ignorata né fraintesa. L’obiettivo è quindi di continuare ad ascoltare i cittadini, portare la nostra proposta politica nei quartieri, preparare liste di candidati forti e credibili e individuare una candidatura a sindaco che, senza cedere alla personalizzazione della politica, sia capace di rappresentare le varie sensibilità che fanno parte della Coalizione Civica, candidatura da offrire alla valutazione anche delle altre forze politiche”.
 
Dopo la relazione introduttiva, i referenti dei gruppi di lavoro tematici hanno illustrato i contenuti del Manifesto politico e programmatico che rappresenta il primo documento di sintesi dell’elaborazione svolta finora e che dopo la discussione è stato approvato all’unanimità dall’assemblea.