…e non solo della Camera del Lavoro fondata da Giuseppe Di Vittorio e portata avanti in momenti difficili da Luciano Lama, durante la stagione del terrorismo e degli assalti al cuore dello Stato, e ora da Maurizio Landini tra crisi da virus a corona, economia in nero e politiche mondiali che alimentano sfruttamento e conflitti. Ma serve una risposta unitaria del Paese, isolando e prendendo le distanze, da quanti con le strumentalizzazioni su vaccini e accessi cercano di destabilizzare il Paese. L’attacco di ieri alla sede della Cgil di Roma, con le polemiche seguite sul ”come e perchè sia potuto accadere” con responsabilità e irresponsabilità da verificare e perseguire, non potevano che far riferimento alla Costituzione, nata dalla Resistenza, e alla condanna di quanti con periodicità tirano dritti con il ” Me ne frego!”. Anche a Matera nella sede di via Niccolò De Ruggieri, con le bandiere che contrassegnano il percorso fino alla sede, iscritti, cittadini, non potevano che portare solidarietà, testimonianza, confronto su un clima ”pesante” che ricorda-pur in un contesto diverso- gli attacchi alla democrazia seguiti all’attentato, del 14 luglio 1948, nei confronti del segretario del Pci Palmiro Togliatti.

Il segretario della Cgil provinciale, Eustachio Nicoletti, ha affidato alla nota ” Un vile gesto di attacco alla democrazia” le riflessioni sul ”vile gesto di attacco squadrista” alla sede nazionale di Corso Italia a Roma. Sabato prossimo la manifestazione nazionale ”Mai più fascismi” con Cgil, Cisl e Uil. Ma occorre fare dell’altro. La Costituzione parla chiaro in tema di ‘scioglimento’ di movimenti che poco o nulla a che fare con la tradizione democratica del Paese. E poi l’attività di sensibilizzazione e di educazione nelle scuole, nella società che continua a latitare. Chiarezza anche nel governo Draghi del ”tutti insieme incompatibilmente” con partiti di ”lotta e di governo” (slogan sottratto alla Sinistra degli anni Settanta) che devono e fatti uscire dagli equivoci. Non ci illudiamo. Sarà così fino al voto per l’elezione del Presidente della Repubblica e per gli investimenti legati al Pnrr e con una situazione europea e internazionale, da muro contro muro che vede l’Italia in una situazione davvero difficile. Restano i commenti e le note dei Modena city ramblers su Bella Ciao e i Cento Passi e di una Resistenza che non conosce fine.

SOLIDARIETA’ SINDACO MATERA


COMUNICATO STAMPA

DICHIARAZIONE DEL SINDACO DOMENICO BENNARDI IN RELAZIONE ALL’ATTACCO ALLA SEDE DELLA CGIL

L’attacco squadrista perpetrato ieri pomeriggio a Roma ai danni della Cgil richiede una risposta decisa da parte di tutte le istituzioni democratiche, ad ogni livello.

Esprimo solidarietà piena ai lavoratori e ai dirigenti della Cgil, vittime di una azione violenta e vergognosa, i cui autori non sono coloro che si sentono impediti a svolgere il proprio lavoro; né chi potrebbe sentirsi spaventato da eventuali e rari effetti collaterali dei vaccini; né tantomeno da chi legittimamente può nutrire perplessità su uno strumento come il “green pass” nel quadro giuridico italiano: l’assalto al sindacato è opera di estremisti che al grido “no alla dittatura sanitaria” vorrebbero, in realtà, la dittatura fascista.

I rigurgiti di neofascismo sempre più spesso accompagnano proteste che si dichiarano apolitiche ma che invece, puntualmente, sono manovrate da agitatori di estrema destra che contestano la “dittatura sanitaria” con la svastica tatuata sul braccio.

E’ per questa ragione che gli episodi di questi giorni devono innanzitutto essere riconosciuti nella loro pericolosità sociale e politica. Non è più tempo di minimizzare: l’unica cosa da fare è scogliere Forza Nuova e tutte le presenti e future incarnazioni del fascismo, così come vuole la Legge Scelba.

Matera, 10 ottobre 2021
5″ />
<img src="https://giornalemio.it/wp-content/uploads/2021/10/cgil-comunicato-mt.jpg" alt="" width="500" height="500" class="alignnone size-full wp-image-10912
SOLIDARIETA' E CONDANNA CNA MATERA

Matteo Buono, Cna Matera: solidarietà agli amici della CGIL
Questa mattina abbiamo partecipato al presidio organizzato dalla Cgil di Matera presso la sede provinciale di Via De Ruggieri per esprimere la nostra solidarietà e vicinanza al sindacato in merito al vile attacco perpetrato nella giornata di ieri a Roma da parte di persone che nulla hanno a che a fare con la vita democratica della nostra nazione. Diverse le battaglie condotte in questi anni insieme alla Cgil territoriale a partire dalla Marcia per la Cultura ed il Lavoro quando non esitammo a denunciare i ritardi nel programma di attuazione di Matera Capitale Europea della Cultura 2019 come pure nel recente passato la partecipazione al Tavolo permanente per le Infrastrutture e a quello per il rilancio della Val Basento, tutte azioni tese a ridare centralità al territorio provinciale oggetto di scarsa attenzione soprattutto da parte delle Istituzioni regionali.

Esprimiamo anche solidarietà alle Forse dell’Ordine per le violenze di cui sono state oggetto, colpevoli solo di svolgere al meglio il proprio lavoro.

L’intera Cna Territoriale – Presidenza, Direzione, Assemblea – condanna e stigmatizza qualsiasi aggressione e intimidazione perché non facenti parte del Dna costitutivo della nostra Associazione. Siamo stati e sempre lo saremo contro ogni forma di violenza. Il dialogo e il confronto sono l’unica strada per assicurare la civile convivenza convinti come siamo che nelle differenti opinioni tutti insieme possiamo costruire un Italia migliore e un futuro meno incerto per le giovani generazioni.

Manifestare il proprio dissenso è il sale della democrazia ma la violenza è inaccettabile e va sempre condannata. I sindacati e le associazioni di rappresentanza sono e continueranno ad essere un presidio di libertà e di democrazia.

Matera, 10 ottobre 2021

LA SOLIDARIETA’ DI GIOVANNI ANGELINO (udc)

comunicato di solidarietà di Giovanni Angelino (Commissario Udc provincia di Matera) ad Eustachio Nicoletti (Cgil Matera) per vile attacco alla sede Cgil di Roma.

“Il vile attacco alla sede della Cgil di Roma conferma che i rigurgiti fascisti non sono ancora sopiti. Al segretario della Cgil Matera, Eustachio Nicoletti, va la solidarietà dell’UDC della provincia di Matera”.

SOLIDARIETA’ TREROTOLA (prospettive lucane)

Inaccettabile e gravissimo quanto accaduto ieri a Roma con reiterate azioni di disordine e di violenza a danno, soprattutto, dei tutori dell’ordine pubblico e con l’inaudito assalto alla sede nazionale della CGIL, il più rappresentativo sindacato dei lavoratori italiani.
Alle forze dell’ordine ed alla Cgil esprimo la mia piena e convinta solidarietà per l’efferatezza delle violenze subite, ad opera di veri e propri delinquenti, che cercano di strumentalizzare la disperazione sociale.
Le istituzioni e tutte le forze politiche dell’arco costituzionale devono reagire con fermezza, unità e severità isolando e punendo gli autori di questi atti teppistici, che cercano di minare le basi della convivenza civile e dello Stato democratico.

Carlo Trerotola- consigliere regionale “Prospettive Lucane”

SOLIDARIETA’ PINO GIORDANO (UGL)

Comunicato stampa.

Violenza alla sede Cgil Roma. Forte condanna dell’Ugl Matera.

“L’assalto alla sede alla Cgil a Roma è senza dubbio un gesto vile, un fatto gravissimo ad opera di neofascisti che sfruttano la situazione della pandemia per colpire i luoghi di rappresentanza dei lavoratori. Una violenza tremenda e assolutamente non tollerabile. Tali episodi sono da condannare senza se e senza ma”.
E’ quanto dice Pino Giordano dell’Ugl Matera per il quale, “dalla nostra o.s. giunga piena solidarietà e vicinanza ad Angelo Summa, Segretario Generale Cgil Basilicata, a Eustachio Nicoletti, Segretario Generale Cgil Matera, ai gruppi dirigenti regionali e locali e a tutti gli iscritti alla Cgil lucana. L’invasione della sede del sindacato da parte di fascisti guidati da Roberto Fiore e Giuliano Castellino di FN è inaccettabile, e noi Ugl condanniamo fermamente l’assalto alla sede della CGIL di Corso Italia, a Roma, ad opera di qualsiasi movimento dove con tale vile gesto si danneggiano in primis i lavoratori e pertanto non può essere tollerato. Per l’Ugl – conclude Giordano – manifestare è un diritto, ma guai a non farlo in maniera civile, democratica, rispettosa e pacifica al contrario di ciò che è stato consumato ieri a Roma a danno della sede della Cgil. Hanno colpito il cuore della democrazia e il mondo del lavoro, già brutalmente ferito dalla crisi e dalla profonda emergenza sanitaria del momento in un assalto alla sede sindacale che, non è stata una normale contestazione, bensì a parere dell’Ugl Matera, è stato un atto programmato e voluto di deliberato squadrismo. Per tanto, da Matera esprimiamo la solidarietà della nostra o.s ai colleghi Summa, Nicoletti e a tutta la Confederazione Generale Italiana del Lavoro”.

Matera, 10 ottobre 2021.
Grazie