Il dubbio lo esplicita senza mezzi termini e poi l’on.Michele Casino (Forza Italia) annuncia che informerà la commissione parlamentare antimafia su quanto si è verificato al Comune di Matera, che ha rispettato solo in parte le prescrizione dell’Autorità anticorruzione di far ruotare i dirigenti. ” Mi chiedo – ha detto il parlamentare, a conclusione della conferenza stampa sul tema del nuovo servizio di gestione dei rifiuti- come mai a Matera, e su segnalazione dell’Anac sull’obbligo di fare turnare i dirigenti, è stato fatto solo per due settori , non si è proceduto a fare altrettanto anche per l’ambiente , dove la dirigenza da 11 anni gestisce un servizio che nei fatti è fallimentare . E parlano i fatti come l’infrazione dell’Unione europea, che ha portato alla gestione commissariale della discarica di la Martella, la bassa percentuale di raccolta differenziata, le 13 proroghe consecutivo del vecchio servizio del quale il cittadino non è soddisfatto. La città non è pulita e i costi sono quelli che sono. Informerò, pertanto, la commissione ecomafie su quanto accade a Matera”. E non solo. La materia rifiuti a Matera sarà oggetto di trattazione anche nella commissione ambiente , investendo della cosa il ministro Costa. Vedremo. Se l’Amministrazione comunale, che ha sofferto e non poco sulla questione ambiente, dalla giunta Adduce a quella a maggioranze cangianti guidate da De Ruggieri, ha adottato un certo percorso avrà le sue motivazioni e ragioni con i risultati e la storia affidate alla cronaca , agli equilibri e ai contrasti della politica. L’intervento del parlamentare Michele Casino è a 360 gradi e ironizza la foto ricordo e sulla decisione dei sindaci, che hanno effettuato l’atto notarile per il contratto rifiuti all’esterno, anzicchè in Municipio che avrebbe consentito di tenere nelle casse comunali una somma che si aggirerebbe sui 100.000 euro. ” Ma quella foto- ha precisato- con tutte le osservazioni pertinenti e competenti fatte dal consigliere regionale ing. Enzo Acito- testimonierà tra qualche tempo , ma ci auguriamo che non accada, i paradossi segnalati per la mancanza di figure e strutture per l’avvio del nuovo servizio. E noi saremo dalla parte dei cittadini, sempre. ” Casino ha ricordato quanto fatto, quando nel 2006 aveva gestito l’assessorato all’ambiente avviando il servizio raccolta differenziata, e con un costo complessivo di gestione dei rifiuti inferiore ai tre milioni di euro, ma spaziando anche sulle opere pubbliche citando il caso paradossale di via Alessandro Volta dove un guasto alla rete impedirebbe il completamento dei lavori. ” Non si puo’ improvvisare -ha precisato Casino- vanno fatte delle prove per vedere se i nuovi impianti sono a pressione,se ci sono perdite. Altrimenti che l’assessore smonti a una a una le chianche e trovi il guasto”. Pressione elettorale in salita. E Forza Italia è pronta – come ha ricordato Casino- a mandar via, fuori dalle logiche del civismo, a mandare a casa gli abusivi ai governi di Matera e del Paese.