Lungo le spiagge d’Italia , Capitan Gradasso, dice di avere la legge finanziaria già pronta a chi denuncia il pericolo che la crisi di governo e le elezioni  ne impediscano l’adozione entro fine anno.

Non solo ma la descrive come una cosa meravigliosa, una manna dal cielo per tutti: tasse ridotte al 15% per milioni di lavoratori italiani, pace fiscale con Equitalia per milioni di Italiani, nessun aumento dell’Iva ma riduzione delle tasse sulla casa.

Insomma, per dirla con parole dell’ex cavaliere: più soldi per tutti!  Bene, bravo bis.

Ma c’è un ma……”promette” di farlo dopo le elezioni, dopo che gli italiani gli avranno dato i “pieni poteri“!

E qui scatta la classica domanda che nasce spontanea: perchè non fa prima questa meravigliosa finanziaria, con queste belle promesse dentro e poi andiamo al voto?

E’ o non è al governo? Mica è all’opposizione. Nessuno lo ha cacciato. E’ lui che se ne vuole andare, che sta facendo cadere il governo e che vorrebbe far sciogliere anche le Camere….con il rischio di non poter approvare la legge di bilancio entro la fine dell’anno.

Ma davvero pensa che una panzana del genere se la si possa bere?

Va bene la fede di tanti che lo adorano, ma è davvero troppo!

Eppure lui ci prova……toccherà agli italiani, eventualmente la spunti con le elezioni,  fidarsi sulla parola.