Qui non c’è asilo…ma botte! Botte da orbi, anzi da Orbàn! E’ alla frontiera ungherese, infatti, va in scena la faccia truce dell’europa! Dopo i muri, il filo spinato, gli sgambetti dei cine reporter ecco arrivare anche le manganellate, gli idranti, gli spray urticanti……le teste insanguinate e le donne e bambini malmentati!

Dopo le belle scene di calorosa accoglienza e solidarietà dei tanti cittadini tedeschi, austriaci e di altre nazioni ecco affacciarsi l’altra faccia della luna europea, quella “nera”, oscura ed oscurantista che cede alla paura e all’egoismo peggiore.

original

Due facce della stessa medaglia di una Europa in perenne bilico tra avanzamento ed arretramento. La stessa Merkel dopo uno slancio di apertura ora torna sui suoi passi e “momentaneamente” chiude le porte. Sorpresa anch’essa dalle dimensioni di una vicenda evidentemente sottovalutata. Per contro la Croazia apre le sue di frontiere al flusso deviato dalla chiusura Ungherese, disposto persino a sfidare il pericolo dei campi ancora disseminati di mine dell’ultimo conflitto regionale.

Questa migrazione così vasta ed inarrestabile è giunta quando il vaso della instabilità di paesi e regioni intere (dell’Africa e del medio oriente) sottoposte ad uno stillicidio di guerre continue (spesso alimentate e foraggiate dagli stati occidentali, da cui arrivano sicuramente le armi) è diventato colmo.

Milioni di persone stipati in campi profughi sempre più grandi che stavano sotto gli occhi di tutti : di governi e di intelligence! Possibile che non se ne fossero accorti, che non fosse prevedibile?

Incredibile ma vero a giudicare dall’approssimazione e dallo sconcerto che dimostrano nel loro agire i leader dei paesi europei. Ognuno per conto suo, incapaci di trovare una strada comune da percorrere.

12019993_651130895026074_8006355609230939556_n

Ma sarà necessario farlo. Bisogna convincersene. E farlo subito.

E non basta rigirare la frittata nelle mani di Italia e Grecia invitati ad attivare con insistenza  i cosiddetti “Hotspot” (ma che fantasia nei nomi:  non è un termine che serve ad indicare un’area in cui è possibile la connessione WiFi? Al massimo un “punto caldo”… di varia natura?) che poi è quello che già facciamo da anni (accoglienza, riconoscimento e smistamento di chi arriva sulle nostre coste).

E nemmeno sospendere il trattato di Shengen come se fosse un optional rispetto al cammino della integrazione sin qui fatto servirà.

Occorrerà mettere mano ad una politica comune che abbia respiro e sguardo lungo, perché questo sarà la questione delle questioni con cui ci misureremo per un lungo periodo.

SERBIA-HUNGARY-EUROPE-MIGRANTS

Il fallimento della riunione di lunedì dei ministri degli esteri a Bruxelles in merito all’accordo sulla distribuzione di 120 mila profughi (una cifra oramai travolta dalla realtà di numeri sempre maggiori) è gravissimo perchè, come ha detto il vice cancelliere tedesco Gabriel : “l’Europa si è coperta di vergogna”!

Ma  è grave perché la dice lunga sulla incapacità della leadership europea non solo a prevenire i fenomeni, ma anche ad adottare soluzioni rapide ed in linea con l’evoluzione della realtà.

Cosa gravissima ed autolesionistica rilevata persino dai termometri del mondo finanziario come lo è la “Standard & Poor’s” che ha rilevato come “le maggiori incertezze” sul debito pubblico UE riguardano non l’impatto economico di questa crisi umanitaria (da cui nel medio-lungo periodo ci si aspetta un impatto positivo) ma “la capacità dell’Europa di trovare soluzioni cooperative a questa sfida”.

Insomma un motivo in più affinché nelle prossime riunioni straordinarie già in programma dei ministri e dei capi di stato e di governo ci si applichi un po’ di più e con risultati proficui .

Perché il tempo stringe e la Unione Europea affonda sempre più!

E non c’è Frontex che la possa salvare da se stessa e dalla sua ignavia!