“Avevamo chiesto solo di battere un colpo, invece è un tonfo di contenuti e stile” quello dell’’assessore Fanelli il quale “non si faccia prendere dalla foga di rispondermi, stia sul merito e sulle prospettive concrete”.

Sono le parole con cui Luca Braia (capogruppo regionale di Italia Viva) controbatte alla risposta che l’assessore regionale Fanelli aveva dato alla sua nota di due giorni fa (https://giornalemio.it/economia/braia-iv-riprogrammare-i-fondi-europei/) con cui  sosteneva che “La Basilicata, soprattutto quella agricola, in questa emergenza, non deve perdere un euro, non c’è un attimo da perdere” e sollecitava l’assessore regionale a “ridefinire le priorità politiche immediatamente per farsi trovare pronti ad inviarle entro il primo luglio 2020, data a partire dalla quale sarà possibile mandare le correzioni ai programmi operativi alla Commissione europea”.

Inviterei –prosegue Braia– il vice presidente della Giunta nonché assessore regionale di uno dei comparti traino dell’economia di Basilicata a non agitarsi troppo, ad evitare gli insulti e ad essere rispettoso dei ruoli e delle minoranze, continuando – come afferma e non possiamo esserne che contenti – a lavorare anche 24 ore su 24 per mettere in piedi una concreta e visibile, percepibile dal comparto, strategia che preveda tutte le azioni e le risorse possibili per fare in modo che l’agricoltura affronti, senza soccombere, al meglio l’emergenza che stiamo vivendo.

Rilanci presto una prospettiva, questo il suo ruolo di Assessore politico. Colga piuttosto le nostre indicazioni come proposte perché tali sono, tutt’altro che insostenibili, quando vuole posso dimostrarlo tranquillamente. Non si faccia, Fanelli, prendere dalla foga leghista che a volte annebbia i contenuti pur di dar contro al soggetto o ai soggetti individuati come “nemici”, salvo poi attuare gli stessi contenuti da noi proposti, se proprio vogliamo (vedi gli ODG bocciati e poi però le proroghe varie e tutto ciò che era stato programmato ad oggi per il residuo, attuato).

Accolgo sicuramente l’invito che leggo ripetuto tra le righe, da Fanelli: verrò anche volentieri in dipartimento a parlare responsabilmente con l’assessore e con i dirigenti. Spero intenda prima possibile, mediante incontro in videoconferenza quando reputerà opportuno. In modo che, anche sul tema dei presunti “disastri” dal sottoscritto lasciati in agricoltura possiamo confrontarci e, se vorrà, ascoltare i suggerimenti: magari qualche passo in avanti si farà. Gli assessori cambiano, i dirigenti e i funzionari no, conoscono bene ogni dettaglio. Forse è il caso di ragionare sul saper leggere i contenuti dei documenti e dei dati lasciati in eredità (anche questi elaborati con gli uffici del Dipartimento, non certo inventati) e rinfrescarci la memoria prima di attaccare o insultare me (e con me chi vi ha lavorato instancabilmente, come sono certo facciano ancora oggi).”

 “Assuma piuttosto – aggiunge Braia – una modalità operativa di razionalità e responsabilità come si conviene a un assessore che guida un dipartimento di tale rilevanza e al vice presidente di questa nostra regione che sta vivendo un momento tutt’altro che felice. Si faccia realmente percepire dalla popolazione lucana che lo ha votato come il cambiamento.

Non mi pare di aver insultato, offeso o screditato nessuno chiedendo in un comunicato, semplicemente, che battesse un colpo sulle questioni fondamentali del comparto agricolo, che si lavorasse alacremente e di strette relazioni politiche e istituzionali con il Governo, con il Ministro Bellanova – sempre mostratasi vicino alla nostra terra e questo prescinde dall’appartenenza politica – e con l’Europa a cui dobbiamo assolutamente chiedere tutto il possibile, nei termini previsti senza lasciarceli sfuggire.

Se la risposta a quelle che non solo non ha colto come mie proposte (legate alla conoscenza di un settore e delle sue mille implicazioni) ma ha preso come provocazioni è il massimo della sua azione politica in questi momenti in cui la crisi va affrontata anche con il contributo delle altre parti politiche e sociali, per venirne fuori, è evidente che siamo fuori pista.

Un assessore regionale dovrebbe in questo momento recuperare le varie idee ed eventualmente replicare con una sua precisa visione, con una strategia definita e non pensando ai miei eventuali like e proclami (che tali non sono) sui social o a stampa o alla mia presunta e tutta da dimostrare smania di protagonismo. A me, per altro, non sarebbe mai venuto in mente, per una proroga dovuta, quando ero Assessore, di uscire con un manifesto e il logo del mio partito, per raccogliere consensi social, per dire.”

“Per l’incontro in Dipartimento – conclude il consigliere – mi auguro davvero di non dover attendere la fine del lockdown e delle limitazioni agli spostamenti e all’accesso ai pubblici uffici: vederci di persona potrebbe poi essere troppo tardi per ascoltare anche solo un paio dei miei suggerimenti da consigliere di opposizione che ha però lavorato notte e giorno durante il mandato da assessore suo omologo conoscendo ogni centimetro quadrato dell’agricoltura di questa nostra Basilicata, con i suoi pregi e difetti.”

Ma qual’era stata la risposta di Francesco Fanelli -Assessore regionale alle Politiche Agricole e Forestali-  prima nota di Braia? Eccola a seguire:

 “La politica agricola non si fa con i like e i proclami”

Leggo di continui attacchi e di corse in avanti da parte del consigliere regionale Braia per annunciare provvedimenti ancora in fase embrionale e su cui stanno lavorando gli uffici, pur di appropriarsi poi di un merito che non gli appartiene. La sua è solo smania di protagonismo e propaganda politica di basso profilo che, particolarmente in questa fase, andrebbe evitata.

Vorrei ricordare che grazie alla sua gestione politica scellerata e dei suoi compagni di viaggio abbiamo ereditato un bilancio lacrime e sangue. Ancora una volta pur dovendo sottrarre tempo utile in questi giorni complicati, credo sia opportuno rispondere al fine di evitare la diffusione di notizie confuse che potrebbero generare disinformazione negli operatori del comparto agroalimentare lucano e disorientamento negli attori del settore.

E’ necessario, dunque, fare chiarezza su quanto si sta facendo per fronteggiare l’emergenza sanitaria che, con violenza assoluta ed inaspettata, sta aggredendo anche l’agricoltura, al pari di quanto accade ad altri settori dell’economia regionale e non solo.

Procediamo per step, iniziando dall’ultimo provvedimento adottato dal dipartimento, quello sulla selvicoltura di cui il consigliere di opposizione si è voluto prendere meriti inappropriati.

Con una determina del 25 marzo dell’ufficio foreste, sebbene a livello nazionale fossero vietate le attività selvicolturali come decretato dal Dpcm del 22 marzo, avevamo concesso una proroga allo svolgimento delle operazioni necessarie di sgombero e ripulitura fino al 15 aprile. Proprio perché particolarmente attento al tema, ho scritto al Ministero (in data 8 aprile) per chiedere l’apertura delle attività selvicolturali che fortunatamente è stata recepita e predisposta nel Dpcm del 10 aprile e, tempestivamente, abbiamo provveduto ad un’ulteriore proroga dei termini al fine di garantire la continuità delle operazioni.

Da come traspare nelle comunicazioni dell’esponente di Italia Viva, invece, sembra lui l’artefice. Peccato che le date non gli danno ragione. Qualcuno gli dia un pizzicotto, lo svegli dal sogno di essere ancora assessore alle politiche agricole. Forse oltre a voler occupare la mia postazione, vorrebbe imitare il mio modo di fare politica, facendo parlare i fatti e, se la volpe non arriva al grappolo di uva dice che è acerba.

Così opera lui, ma non è una volpe. Vorrei ricordare al consigliere che su mia sollecitazione abbiamo sottoscritto un protocollo tra parti datoriali e organizzazioni agricole (lo invito a leggerlo), prevedendo anche di istituire un tavolo con le prefetture per programmare l’accoglienza di manodopera extraregionale per evitare potenziali focolai.

Sull’azzeramento negli ultimi 12 mesi della promozione dell’agroalimentare, come sostiene a torto il consigliere, vorrei far notare che tutte le fiere di maggior interesse si concentravano in questo periodo primaverile che, a causa dell’emergenza sono state annullate. Anche sull’invito rivolto dal consigliere renziano di acquistare prodotti 100% lucani, vorrei ricordargli che è una iniziativa che il dipartimento sta mettendo in campo e su cui stiamo lavorando da settimane per sostenere in modo solidale il reddito dei produttori della filiera agricola e agroalimentare.

Certamente non è farina del suo sacco. Vorrei rinfrescare la memoria allo smemorato consigliere che fa proclami anche sulla forestazione e sul futuro dei lavoratori. Sulla forestazione, annualità 2017, mi sono impegnato personalmente a reperire le risorse, pari a 600 mila euro, pur di pagare le spettanze dovute agli operai forestali dell’area programma Alto Basento dopo due anni di promesse a vuoto fatte da lui.

Sulla questione fondi europei. Non si comprende quali interventi abbia già messo in atto la Commissione europea per ‘… allargare le maglie regolamentari’.

E’ vero invece che, per quanto riguarda il programma di sviluppo rurale ed in particolare il Feasr, il coordinamento delle regioni ha già provveduto ad inoltrare al Mipaaf una serie di proposte che, a sua volta, il Ministero sta negoziando con Bruxelles. Alla predisposizione di questa prima piattaforma ha partecipato in maniera attiva la Basilicata ed il dipartimento Politiche Agricole e Forestali. Specifica attenzione è stata posta sulla possibilità di utilizzare le risorse correnti ancora disponibili per interventi Covid-19 e, addirittura, impegnare maggiori fondi dell’attuale dotazione corrente dei Psr 2014-2020, avendo, al contempo, la certezza legale che tali impegni possano essere onorati con il Feasr post 2020.

E’ già stata proposta l’introduzione di meccanismi concreti di semplificazione, sia procedurali (velocizzazione modifica Psr), sia nei contenuti (libertà di scelta del pacchetto di misure di sviluppo rurale), al fine di riallocare le quote Feasr ancora disponibili per interventi destinati a fronteggiare gli effetti della pandemia.

L’accettazione delle proposte ovvero le modalità in cui la CE renderà operative tali proposte, rappresenterà la base regolamentare e procedurale su cui potranno poi essere assunte decisioni di carattere politico per orientare l’utilizzo successivo delle risorse, anche sulla base di un confronto con le rappresentanze delle imprese agricole. Mai come in questo difficile momento, prudenza e verità sono aspetti essenziali anche nella comunicazione. Per tale ragione, solo allorquando si avranno gli esiti del negoziato con l’Ue, sanciti in atti formali, sarà data ampia diffusione degli stessi a tutto il sistema agricolo lucano.

Intanto, Agea ha provveduto a semplificare le modalità di effettuazione dei controlli in fase di istruttoria delle domande di pagamento, riducendo la percentuale dei controlli ed adottando modalità alternative e equivalenti finalizzate al superamento dei limiti alla mobilità. In questa quindicina di giorni abbiamo erogato circa 6,7 milioni di euro ai beneficiari delle diverse misure del Psr.

Essere consigliere regionale, anche di opposizione, è un ruolo molto importante, se svolto con dignità e responsabilità e, soprattutto oggi, sarebbe utile un contributo fattivo e collaborativo visto il momento che stiamo vivendo.

Anziché pensare ad apparire sui social prima di tutti e, tra l’altro con scarsi risultati, o sulla stampa, attribuendosi falsi meriti o sollecitare future proroghe che, ovviamente stiamo valutando vista la criticità, se davvero ha a cuore questo comparto e più in generale la comunità lucana, venga in dipartimento e se non vuole parlare responsabilmente con me, visto che non gli appartiene la cultura del dialogo costruttivo, parli con i dirigenti e suggerisca proposte che, finora sono solo state sbandierate ed elencate sui social per accattivare qualche esiguo numero di ‘mi piace’. La politica non si fa con i like e gli applausometri, ma mettendo in campo azioni di governo serie per contribuire alla crescita della regione e non agli interessi personali.

Ovviamente si chiede al consigliere di proporre azioni e proposte realizzabili e non di promesse che hanno caratterizzato la sua azione politica quando era a capo della struttura dipartimentale, annunciando cose irrealizzabili e insostenibili economicamente. Mi dia retta caro consigliere, forse avrà un articolo in meno, ma le procurerà maggiori soddisfazioni perché potrà avere la coscienza a posto di aver pensato a soluzioni fattibili per sostenere le migliaia di imprese che sono in difficoltà.

La gente giudica con i fatti, non con le chiacchiere e l’arte dell’affabulazione. Se fosse stato capace di programmare negli anni in cui guidava il dipartimento, non ci saremmo trovati ad intervenire su questioni spinose alle quali abbiamo cercato di dare risposte.

Si rassegni consigliere al ruolo che le hanno conferito i lucani che non è di governo e neppure di programmazione, né tantomeno si può prendere i meriti di un esecutivo che non perde occasione per screditare”.