Il sindaco di Ginosa (TA),Vito Parisi, ne è convinto che il rilancio del Camping Internazionale con un progetto innovativo possa portare valore aggiunto all’economia turistica della Marina, per intercettare una utenza di visitatori- che predilige la residenzialità en plen air- all’insegna di una offerta diversificata e al passo con i tempi. Del resto le mutate esigenze di mercato impongono di stare al passo con i tempi. Il primo cittadino, nella nota che segue, fa chiarezza sulla evoluzione di una vicenda conclusasi con la cessazione del rapporto contrattuale con la Pro Loco ” Luigi Strada”, la verifica dello stato degradato dei luoghi e con l’investimento che si potrà effettuare. Quanto tempo ci vorrà? Quello necessario per fare le cose per bene. Del resto gli investimenti avviati sul lungomare, dove è la ex Batteria, conferma che Ginosa e la sua Marina vogliono svolgere un ruolo importante sul mercato delle vacanze, uscendo dalle secche del passato fatto di abusivismo, ritardi di pianificazione urbanistica e di limiti nei servizi. La ” Shangai dello Jonio” come era chiamata Ginosa Marina negli anni Settanta, caratterizzata da una crescita fuori controllo, potrebbe svolgere un ruolo interessante anche in vista dei ”Giochi del Mediterraneo” di Taranto 2026. E la bandiera blu annuale è l’emblema di quella potenzialità di servizi e di ricettività turistica tra la città dei due Mari e le tante località dell’area murgiana tra cultura, escursionismo, gastronomia e sport. Matera, tra l’altro, si è già attivata con un protocollo di intesa.

LA NOTA DEL SINDACO PARISI
“Questa è un’opportunità unica di investimento a cui abbiamo lavorato per mesi”
Quasi 3 ettari di estensione, 660 posti distribuiti in alloggi tenda, roulotte, camper e in strutture tipo bungalow, un ristorante, un chiosco bar, un market, l’impiego fino a 23 unità lavorative, risorse certe per manifestazioni estive culturali nel territorio di Marina di Ginosa, un investimento potenziale a livello infrastrutturale di circa 1 milione di euro in grado di produrre introiti lordi pari a oltre 8 milioni di euro con un utile netto di oltre 1 milione di euro nei primi 10 anni: questi sono dati e numeri oggettivi che descrivono cosa può essere e sarà il nuovo camping internazionale basati su una relazione redatta da persone esperte.

Un villaggio turistico, un ecovillaggio, in un’area naturale in piena zona abitata e al centro di un importante processo di rigenerazione urbana che interesserà Marina di Ginosa attraverso gli interventi di riqualificazione del lungomare e dell’area della Batteria Toscano. Stamattina, la Giunta Comunale ha approvato l’atto di indirizzo per la gara per l’affidamento in gestione.

“Questa è un’opportunità unica di investimento a cui abbiamo lavorato per mesi che interesserà il futuro di Marina di Ginosa. A causa dei procedimenti in atto, ho preferito non esprimermi sulla questione camping, ma ora, al termine di un iter e alla luce delle mistificazioni durate anni, si rendono necessarie delle precisazioni – spiega il Sindaco Vito Parisi – io stesso, negli scorsi mesi, non ho voluto fare comunicazioni in merito, e non per voler oscurare un procedimento in atto, ma perchè mai avrei voluto che ogni tipo di informazione data, venisse filtrata in maniera errata, etichettata o strumentalizzata. Voglio, a questo punto, riassumere una volta per tutte la vicenda. – tiene a precisare il primo cittadino – Il Camping di Marina di Ginosa è tornato da pochissimo nella piena disponibilità del Comune di Ginosa. Solo il 22 aprile 2021 ci sono state riconsegnate le chiavi del camping da parte del vecchio gestore, la Pro Loco “L. Strada” di Marina di Ginosa. Abbiamo così potuto constatare il pessimo stato dei luoghi, abusi edilizi, impianti non a norma, veicoli parcheggiati senza assicurazione e privi di ruote”

Secondo Parisi “la mancata apertura del Camping per l’anno 2020 è diretta conseguenza della cessazione del periodo di gestione dello stesso da parte della Pro Loco marinese (risoluzione convenzione fissata al 15 giugno 2018, poi prorogata temporaneamente per gli anni 2018 e 2019) e di una situazione debitoria pregressa nei confronti del nostro Ente ostativa per l’apertura, successivamente sanata a luglio”.

“ Quest’area ha un enorme potenziale che può essere utilizzato per aumentarne l’appetibilità turistica e locale. E ciò è testimoniato dai numeri sopra indicati. – aggiunge -Nei giorni a venire sarà indetta, quindi, la nuova gara per l’affidamento in gestione della struttura. L’auspicio è che il Camping possa ospitare migliaia di turisti e divenire un presidio turistico di eccellenza di Marina di Ginosa. Ha tutte le carte per divenirlo”.