Lo abbiamo scritto decine di volte il motorismo d’epoca, aldilà dell’insofferenza prevenuta di ignoranti e bempensanti, è un fattore che fa crescere il turismo di fascia medio alta . Ed è quello di cui Matera ha bisogno , soprattutto dopo gli eventi sovraesposti e sovrapposti dell’anno da capitale europea della cultura. I passaggi stanziali o di transito da parte dei Club (moto e scooter compresi)sono stati periodici, almeno uno al mese, e alcuni sono stati davvero di qualità con i marchi Ferrari,Mg, DaimlerMercedes Benz, Rolls Royce-Bentley, Jaguar, Lancia,Fiat,Isotta Fraschini, Volkswagen, che hanno sostato in piazze o attraversato anche le strade dei rioni Sassi. Senza dimenticare le celebri Aston Martin della filiera DB, tra le protagoniste del 25° film ‘’ No Time to die’’ su James Bond , noto come ‘’007’’ l’agente segreto di sua maestà britannica, nato dalla fantasia di Ian Fleming. Portare a Matera musei viaggianti e i loro cultori è un valore aggiunto per l’offerta di qualità del turismo materano. Il servizio, che fa riferimento al tour delle vetture tedesche del settembre scorso, a visite compiute con guide turistiche e a siti museali e artistici di pregio come il Musma e alla Cripta dei Quattro Evangelisti, nota come la ‘’Cappella Sistina del rupestre’’. Un settore quello dei radunisti delle due,tre e quattro ruote da incentivare, trattandosi di visitatori che puntano alla cultura del bello e della unicità come sono le vetture d’epoca, i rioni Sassi e quello che offrono con una cultura millenaria. L’articolo, dal titolo ‘’ La casa di Stoccarda da Manduria a Matera’’ è a pagina 109 sul numero di gennaio della rivista specializzata Auto d’Epoca . Buona lettura…