martedì, 27 Febbraio , 2024
HomeEventiRoberto Ottaviano al Rosetta Jazz Club di Matera

Roberto Ottaviano al Rosetta Jazz Club di Matera

Roberto Ottaviano, sassofonista Vincitore del premio Top Jazz 2022 come Musicista dell’anno, sarà a Matera sabato 18 marzo dove -alle alle 21,00- salirà sul palco del Rosetta Jazz Club per una esibizione inedita con musicisti che si ritroveranno insieme per la prima volta. Il concerto sarà un esperimento sonoro con Roberto Ottaviano al sax, Nicolò Petrafesa al pianoforte, Giuseppe Venezia al contrabbasso e Dario Riccardo alla batteria. Per l’evento, patrocinato dal Comune di Matera, il biglietto di ingresso ha il costo intero di €15 e ridotto di €10 per agli studenti del conservatorio “E.R. Duni” di Matera. Si consiglia la prenotazione. “Ho proposto ai ragazzi della sezione ritmica che anima il Rosetta Club un programma insolito ma molto godibile – premette Ottaviano – “Insolito perché la scelta cade in un repertorio moderno con un certo spazio ad autori europei, ma godibile perché conserva tutto l’imprinting e la dinamica del miglior jazz afroamericano“. La particolare atmosfera che rende il Rosetta Jazz Club una vera listening room unica nel suo genere per Roberto Ottaviano costituisce “Una osmosi benefica che fa bene alla musica ed alla sua fruizione intima e profonda. A parte alcuni Festival in cui si viene a creare una certa dimensione credo che per un musicista di Jazz e musica improvvisata, la connessione stretta con il pubblico che esiste nei club è la condizione ideale“.

Ma chi è Roberto Ottaviano? “Nato a Bari nel 1957, comincia giovanissimo a studiare musica e a soli cinque anni inizia a prendere lezioni di clarinetto al Conservatorio di Bari. Sotto l’influenza della musica di Lester Young e John Coltrane, sceglie il sassofono.
Grazie ad un fortuito incontro con Steve Lacy, ha concentrato molte attenzioni sul sax soprano. Tra la fine degli anni ’70 e la prima parte degli ’80 ha frequentato inoltre alcuni stage con Evan Parker e Jimmy Giuffre.
Durante un soggiorno in America studia con Ran Blake, Bill Russo e George Russell composizione jazz e arrangiamento.
Ottaviano ha militato in una big band locale con musicisti ospiti come Buck Clayton, Ernie Wilkins, Benny Bailey e Sal Nistico; in seguito è stato un membro dell’orchestra di Andrea Centazzo, con le collaborazioni di Gianluigi Trovesi, Theo Jörgensmann, Carlo Actis Dato, Radu Malfatti e Carlos Zingaro.
Ha registrato più di dieci album a suo nome, in particolare con l’etichetta Splasc(h). Nel 1988 ha fondato l’ensemble di ottoni “Six Mobilies”, nel 1988 ha inciso un omaggio a Charles Mingus (Mingus – Portraits in six Colours), nel dicembre 1990 ha inciso l’album “Items from the Old Earth”. Dal 1979, Ottaviano ha collaborato con numerosi musicisti jazz come Dizzy Gillespie, Art Farmer, Mal Waldron, Albert Mangelsdorff, Chet Baker, Enrico Rava, Barre Phillips, Keith Tippett, Steve Swallow, Kenny Wheeler, Henry Texier, Paul Bley, Trilok Gurtu.
Ha suonato in molti jazz festival americani ed europei, come il Chicago Jazz Festival, il Festival di Musica Donaueschingen, il Jazz Festival di Berlino e il Festival del Jazz di Willisau. Come insegnante di musica ha svolto, tra l’altro, corsi a Woodstock N.Y. e nei conservatori di Città del Messico, Vienna e Groningen, nelle istituzioni culturali di Urbino, Cagliari, Firenze, Roma e Siracusa. Attualmente insegna musica jazz presso il Conservatorio N. Piccinni di Bari.”

Vito Bubbico
Vito Bubbico
Iscritto all'albo dei giornalisti della Basilicata.
RELATED ARTICLES

Rispondi

I più letti