Domenica 13 giugno con Spirit of gospel in programma nel Giardino del Museo Ridola, la “prima” del Matera Festival 2021, la rassegna che anche quest’anno ospiterà grandi progetti, nomi di richiamo e artisti di statura internazionale.

Dunque, pop e musica d’autore, gospel e classico, le donne che eseguono Beethoven e “incantano” e, ancora, celebrazioni di grandi artisti e pagine di lirica straordinarie. Di questo e altro si è parlato venerdì pomeriggio nel corso della conferenza stampa svoltasi nella sala Mandela del Comune di Matera.

Presenti all’incontro con gli organi di informazione, Domenico Bennardi, sindaco di Matera; Tiziana D’Oppido, assessore alla Cultura; Patrizia Minardi, dirigente Ufficio Sistemi culturali e turistici della Regione Basilicata; Piero Romano, direttore artistico dell’ICO Magna Grecia. Con l’incontro con gli organi di informazione prende il via la nuova edizione del Matera Festival, rassegna che lo scorso anno nonostante le restrizioni imposte dal covid fu una delle poche attività estive portate a compimento.

L’Orchestra della Magna Grecia è il trait d’union fra i diversi eventi del Matera Festival 2021, che avranno luogo in location di grande suggestione, dal Giardino del Museo Ridola a Palazzo Lanfranchi, dalla Chiesa San Giovanni Battista al Mulino Alvino.

L’organizzazione degli undici appuntamenti è curata da ICO Magna Grecia, Matera in musica, Alvino 1884 e Basilicata Circuito Musicale, in collaborazione con il Museo Ridola, diretto da Annamaria Mauro.

Partner istituzionali del Matera Festival 2021: Regione Basilicata, FSC Fondo per lo Sviluppo e la coesione, Comune di Matera, Unesco e Ministero dei Beni culturali. Si ringraziano Grieco-Collezione uomo donna, Italcementi Group e Lion Service.

Ma ecco il Matera Festival 2021 nel dettaglio.

Spirit of gospel, domenica 13 giugno nel Giardino del Museo Ridola alle 20.00, con Graziano Leserri che dirige il L.A. Chorus.

Martedì 6 luglio alle 21.00 a Palazzo Lanfranchi, la celebrazione del pop internazionale con Abba Gold Hits. Le canzoni di uno dei gruppi più eleganti della storia della canzone che ha venduto milioni di dischi in tutto il mondo tanto da ispirare “Mamma mia!”, musical e film di grande successo (Dancing queen, The winner takes it all, Fernando, SOS, Waterloo, ecc.). Dirige Roberto Molinelli.

Per il centenario della nascita di uno dei più grandi musicisti del XX Secolo, lo spettacolo Astor Piazzolla compie 100 anni, lunedì 12 luglio alle 21.00 a Palazzo Lanfranchi. Le composizioni del musicista argentino, eseguite da Mario Stefano Pietrodarchi al bandoneon e interpretate dal soprano Nadezhda Nesterova con la direzione del maestro Piero Romano.

Venerdì 16 luglio alle 21.00 nel Giardino del Museo Ridola, Beethoven secondo le donne. All’interno del progetto, ospiti musiciste di statura internazionale: Laura Marzadori, primo violino dell’Orchestra della Scala di Milano; Gloria Campaner, pianista, più di venti concorsi nazionali e internazionali vinti, e Astrig Siranossian, violoncellista francese di origini armene, al suo attivo premi internazionali e la pubblicazione di quattro album. Dirige Michele Nitti.

Un evento non poteva non essere dedicato al Sommo Poeta del quale ricorrono i settecento anni dalla sua morte: Dante, i canti della terra, mercoledì 21 luglio alle 21.00 al Mulino Alvino, dirige Roberto Molinelli, cui è stato commissionato un progetto che parte dalla tradizione e dall’importanza dei canti sardi “a tenore” fino ai nostri giorni.

Due giorni dopo, venerdì 23 luglio alle 21.00, nella chiesa di San Giovanni Battista, In Salterio Alleluya, con il L.A. Chorus diretto da Alessandro Fortunato. Per la prima volta all’interno del Matera Festival un evento nel quale è protagonista un coro, nel caso specifico una formazione con all’attivo numerosi eventi di statura nazionale e internazionale.

A seguire, lunedì 26 luglio alle 21.00, nel Giardino del Museo Ridola le musiche di Beethoven nel programma musicale Classiche armonie. Al pianoforte Carmine Chiarelli, giovane pianista fra i più attivi della sua generazione, che ha partecipato di recente ad “Unlocking music”, una delle rassegne musicali più importanti realizzate durante il periodo di confinamento imposto dal covid.

Una brillante panoramica delle più belle ouverture e arie d’opera nel Gran galà della lirica, venerdì 6 agosto alle 21.00 a Palazzo Lanfranchi. Martina Gresia, soprano, e Claudio Sgura, baritono fra i più apprezzati in campo internazionale, con l’Orchestra della Magna Grecia diretta dal maestro Piero Romano.

A grande richiesta, La voce del padrone, tributo a Franco Battiato, il cantautore siciliano scomparso di recente e che ha firmato alcune fra le più belle pagine della canzone d’autore: La cura a Povera Patria, Centro di gravità permanente, La stagione dell’amore, Cuccuruccucù, Bandiera bianca, I treni di Tozeur, L’era del cinghiale bianco. L’evento è una coproduzione con il Locus Festival. La voce del padrone, celebra i quarant’anni dalla pubblicazione di uno degli album di maggior successo di Battiato. Appuntamento giovedì 12 agosto alle 21.00 a Palazzo Lanfranchi, protagonista Fabio Cinti (voce).

L’incanto della voce femminile, si diceva, in un tema di grande suggestione: Pe’ fa la vita meno amara, martedì 10 agosto alle 21.00 Mulino Alvino. Protagonista della serata, Amara, cantante e autrice di brani di successo interpretati, fra gli altri, da Fiorella Mannoia, Emma Marrone, Ornella Vanoni e Loredana Errore. Ospite della popolare cantautrice, la cantante Simona Molinari. Dirige Valter Sivilotti.

Infine, da Monteverdi ai giorni nostri con Chanson, mottetti e canzoni. Storia della canzone dalle sue origini ad oggi. Sabato 18 settembre alle 20.00 nella chiesa San Giovanni Battista, di scena il L.A. Chorus, direttore Alessandro Barbaro.

INFO & BIGLIETTI – ORCHESTRA DELLA MAGNA GRECIA – Matera, Via De Viti De Marco, 13 – tel. 392.9199743 – 0835.1973420; CARTOLIBRERIA MONTEMURRO – Matera, Via delle Beccherie, 69 – tel. 0835.333411