In occasione della Festa della Musica / Notte bianca dello Yoga, Giovedì 21 giugno 2018, il Polo Museale della Basilicata di concerto con la Fondazione Matera – Basilicata 2019 e il Comune di Matera promuove un ricco calendario di eventi che per la prima volta coinvolge tutti i Musei che fanno parte del Polo Museale della Basilicata.

IL programma si divide in due parti: a Matera ruota attorno, come già nel 2017, al binomio musica e yoga mentre in tutti gli altri musei abbiamo organizzato un vero e proprio inedito festival dell’organetto

Per quanto riguarda Matera la Notte bianca dello Yoga si terrà come lo scorso anno nella Terrazza di Palazzo Lanfranchi, con la collaborazione di Yoga Matha asd / Al Jalil Yoga e alla Scuola di Musica Elettronica e Applicata del Conservatorio E. R. Duni di Matera – MaterElettrica.

L’appuntamento sarà preceduta dal Reading di poesie di Silvana Kuthz con performance musicale di Natalia Bonello, in programma al Museo Archeologico Domenico Ridiola alle ore 18.00.

La serata continuerà nella Sala Levi dove alle ore 18.30 si potrà assistere alla presentazione del Progetto I Quattro Elementi realizzato dalla Scuola di Musica Elettronica e Applicata del Conservatorio E. R. Duni di Matera – MaterElettrica, che sarà poi al centro della serata musicale.

Sulla Terrazza del Museo di Palazzo Lanfranchi, intorno all’ora del tramonto [ore 19.00], si terrà una sessione di circa due ore nelle quali praticare le posture dello yoga [asana], alcune delle sue tecniche di respirazione [pranayama] per arrivare ad una forma di meditazione collettiva in connessione e meditare tutti insieme connettendoci con gli altri praticanti di tutto il mondo.

La pratica avrà come tema quello dei quattro elementi. Si partirà interpretando le energie dell’Acqua, Aria, Terra, Fuoco attraverso Posture, Esercizi di Respiro e di Visualizzazione, fino a raggiungere l’elemento Etere, con l’intonazione collettiva dell’OM, canto di unione, di connessione al senso del divino che ci unisce come esseri umani, canto di pace e di speranza.

Alla fine della sessione i praticanti saranno condotti e guidati, attraverso le tecniche della Danza Estatica, a muovere il corpo seguendo un ritmo sempre più sostenuto ed incalzante sulla musica del Live Set realizzato realizzato dalla Scuola di Musica Elettronica e Applicata del Conservatorio E. R. Duni di Matera – MaterElettrica.

Quest’anno anche gli altri Musei del Polo Museale partecipano alla Festa della Musica con un originale Festival dell’Organetto. Per la prima volta alla stessa ora [21.00] in tutti i Musei e i Luoghi della cultura della Basilicata risuoneranno le note dell’organetto, uno degli strumenti più caratteristici della tradizione popolare lucana e più in generale del Mezzogiorno d’Italia.

Ogni concerto sarà preceduto da un laboratorio didattico che illustrerà le caratteristiche costruttive dell’organetto, la sua storia, l’area geografica di diffusione e le innovazioni tecniche intervenute nel corso degli anni.

Il programma vedrà interessati i seguenti musei, con la partecipazione di musicisti dotati di grande professionalità e amore per l’organetto:

POTENZA, Museo Archeologico Nazionale della Basilicata Dinu Adamesteanu [Scalinata esterna], Salvatore Pace e la sua Band in concerto. In collaborazione con il Comune di Potenza.

MELFI, Museo Archeologico Nazionale del Melfese Massimo Pallottino, Concerto del trio di organetti Scarecavasce, in collaborazione con Archeoclub di Melfi. VENOSA, Museo Archeologico Nazionale, Alessandro Pipino in concerto.

GRUMENTUM, Museo Archeologico Nazionale dell’Alta Valle dell’Agri, Concerto di Andrea Pizzo all’organetto e Michele Vignola alla fisarmonica.

MURO LUCANO, Museo Archeologico Nazionale, Concerto di Lorenzo Tirico all’organetto e Vincenzo D’Andrea al piano.

METAPONTO, Museo Archeologico Nazionale, Concerto de I Lunatik Folk dell’Associazione OFM_Organetto Fisarmonica nel Metapontino.

POLICORO, Museo Archeologico Nazionale della Siritide, Concerto di World Music di Alessandro Gaudio di Officina Etnica.

TRICARICO, Palazzo Ducale di Tricarico, Concerto di Pierangelo Camodeca.