Gigi ” Ggjazz” Esposito anima e cuore del Gezziamoci soprassiede, a malincuore, sotto l’incedere dellla epidemia da Coronavirus che sta facendo saltare date, appuntamenti ed eventi. E così all’ all’invito del medico a dire ” 33” per la 34^ edizione del festival rassicura tutti su rimborsi e volontà di riprendere quando -come diceva Eduardo De Filippo ” ”Adda passà a nuttata”. Serve tempo per riorganizzarsi e con una frase dialettale che esorcizza lu coronavirus. Naturalmente per quanti ci leggono da Giornalemio.it l’invito a fare passaparola e a condividere.

LE RIFLESSIONI DI GIGJAZZ

Nelle 33 edizioni del festival Gezziamoci, il Jazz Festival di Basilicata e in 35 anni di associazione Onyx, non era mai capitato di annullare un concerto. Serietà da parte dei tanti musicisti, manager, tecnici e del gruppo Onyx che nonostante non faccia questo per mestiere ma per passione, ha dato sempre alto valore di serietà e correttezza verso il pubblico. Ora invece nonostante i vari tentativi di cercare di mantenere le prossime date dei concerti vogliamo seguire le direttive di uno Stato nel quale ci identifichiamo. Un pensiero va a tutto il mondo dello spettacolo, dai musicisti ai tecnici e a quanti sono costretti a rimanere fermi. Siamo costretti ad annullare la lezione di Pasquale Mega, il concerto di Emie Roussel del 15 marzo e quello di Chiris Potter con Bill Frisell del 25. Stiamo cercando di definire altre date anche se ora é ancora presto capire quali saranno le nuove. A tutti coloro che avevano acquistato i biglietti in prevendita dico che ci sarà il rimborso. Fateci riorganizzare. CE LA FAREMO, L’ITALIA CE LA FARÀ. n’tucukulu a lucoronavirus. Gg