Allungare la stagione turistica, migliorando e rendendo competitiva l’offerta con servizi adeguati, costi contenuti e quella ”animazione” serale legate alla risorse culturali in particolare che dovrebbero accrescere l’appeal sulla unicità di Matera ”città dei Sassi e dell’habitat rupestre”, patrimonio dell’Umanità. Le indicazioni sono buone, da quanto appreso nel corso del convegno organizzato da Cna Turismo e commercio, per una città d’arte che a fine anno l svestirà i panni dignitosi di ”Capitale europea della cultura 2019”. I vertici nazionali della Cna, insieme all’antenna locale Leonardo Montemurro, presidente di Cna Basilicata, tra dati lusinghieri e input sulla necessità di puntare sulla mobilità sostenibile (ciclovie, ferrovie in disuso, tratturi, vecchie provinciali ecc) guardano a Matera per ”spalmare”’ meglio il turismo del BelPaese al Sud e in altri mesi dell’anno. “Matera, capitale europea della cultura 2019, è pronta per il turismo di continuità e di destagionalizzazione” . Il convegno su ” Matera, connettere il made in Italy” ha offerto non pochi spunti in proposito. ” Matera -ha detto Cristiano Tomei, coordinatore nazionale Cna Turismo e commercio- e’ un grande catalizzatore, un grande scenario internazionale -e che sicuramente si attesta in Italia , se non in Europa, tra quei siti e non solo Unesco, ma come città d’arte che sono grandi attrattori per il turismo internazionale. Matera per me è come Venezia, Roma, Firenze e su questo aspetto è un grande attrattore per il turismo del Mezzogiorno. Ci sono due temi che vanno integrati. Sono l’osmosi e l’integrazione tra il turismo costiero che è fondamentale con quello di Matera,delle città d’arte, e il turismo della destagionalizzazione. Ho visto i dati degli arrivi e presenze del territorio di Matera sono molto interessanti. Anzi, per alcuni versi, le presenze sono molto più elevate nel periodo gennaio-maggio rispetto a giugno-settembre. Questo è un grande indicatore, perchè questo territorio si propone molto bene per un turismo di continuità di destagionalizzazione” Ma è anche importante -ha aggiunto – l’apporto di soggetti pubblici e privati “perchè abbiamo proposto una modifica al Codice del Turismo. che è già stato approvato in commissione alla Camera, e sta andando al Senato, per il riconoscimento del turismo esperenziale , della figura dell’operatore del turismo esperenziale. E’ importante per Matera, con uno scenario che si incastona perfettamente, per interpretare questo ruolo”. Meglio di così… Positivo anche il giudizio del presidente di Cna Turismo e Commercio, Luca Tonini, in relazione alla crescita del settore nell’ultimo decennio. ”L’aspetto che più ha -ha detto- è stato l’aumento delle aziende che operano nel settore turistico,ma occorre lavorare per delocalizzare l’offerta,con maggiore attenzione al Mezzogiorno”. ” Il turismo.. ha detto Luca Tonini- è un mercato difficile, ma è uno dei maggiori che l’Italia ha e al quale il Governo e non solo dovrebbero guardare con maggiore attenzione. Servono sopratutto delle idee per delocalizzare il turismo. Da Roma in giù c’è una grande opportunità e la realtà di Matera, capitale europea della cultura, a mio avviso va utilizzata appieno per fare crescere lavoro e occupazione”. Scommessa in itinere e con una bella botta promozionale che verrà da Bond 25, l’ultimo film di 007 che approderà nella Città dei Sassi da fine agosto a settembre 2019.


Turismo
Indagine CNA
A Matera boom con un anno di anticipo
Già nel 2018 forte crescita di arrivi e presenze
A due cifre l’incremento degli stranieri
A fare da traino il turismo esperienziale

Matera ha tesaurizzato l’assegnazione del titolo di Capitale della cultura europea 2019 con un anno di anticipo. Già nel corso del 2018, infatti, all’indomani della indicazione, la Città dei Sassi ha registrato un consistente aumento dei flussi di visitatori. Lo rileva una indagine di CNA Turismo e Commercio.
Gli arrivi complessivi negli esercizi ricettivi sono ammontati a oltre 614mila con un incremento di quasi il 20% rispetto all’anno precedente.

Le presenze sono ammontate a 1,86 milioni con un aumento del 5,80%. Gli arrivi di turisti italiani hanno segnato un aumento di quasi il 19% mentre le presenze salivano del 4,64%. Davvero rimarchevole il contributo alla crescita dei turisti stranieri: +22,47% i loro arrivi, +15,47% le presenze. Tra i flussi dall’estero significativo il dato dei visitatori dagli Stati Uniti: oltre 14mila complessivamente (+42%) con quasi 29mila presenze, che hanno permesso agli Usa di scalzare la Francia dal primo posto. In crescita del 45% gli arrivi dal Belgio e del 35% quelli dall’Australia. Ad attirare italiani e stranieri, oltre alle bellezze di questa meraviglia fino a poco tempo fa quasi sconosciuta, la possibilità di fare turismo esperienziale, un fenomeno in crescita e in via di riconoscimento legislativo nella Delega al governo in materia di turismo, già approvata alla Camera. 
I numeri del turismo a Matera saranno tra i temi del convegno “Matera, connettere il Made in Italy” promosso da CNA Turismo e Commercio in collaborazione con CNA Basilicata programmato per oggi, martedì 16 luglio, con inizio alle ore 11 nel capoluogo lucano.
L’iniziativa si svolgerà nel complesso delle “Monacelle” e affronterà il tema dell’accessibilità ovvero come potenziare – attraverso l’utilizzo di soluzioni tecnologiche sostenibili – la fruibilità delle destinazioni che caratterizzano il territorio e sono in grado di creare un sistema di interazione tra i viaggiatori e la comunità circostanti attraverso i borghi, i percorsi tematici delle strade del gusto e dei sapori, i laboratori artigianali.
Un tema strategico non solo per Matera, che verrà sviluppato dalle relazioni di Andrea Rolando, del Dipartimento di architettura e di studi urbani del Politecnico di Milano, e di Matteo Frigerio, Country Manager di Airbnb .

I saluti e gli interventi istituzionali sono affidati rispettivamente al sindaco di Matera, Raffaello De Ruggieri, al presidente della Fondazione Matera e Basilicata 2019, Salvatore Adduce, e all’assessore alle Attività produttive della Regione Basilicata, Francesco Cupparo.


Matera, 16 luglio 2019