Niente ‘’bufale’’ ma da Roma fatti e risposte

E’ quello che chiedono gli allevatori campani nel corso della due giorni nella Capitale, con incontri a vari livelli, per sbloccare una situazione davvero paradossale denunciata ampiamente, e in maniera dettagliata, dal coordinamento unitario in difesa del patrimonio bufalino dopo la ‘’falcidia’’ procurata da casi di brucellosi (sulla quale non è stata ancora fatta chiarezza) che hanno falcidiato allevamenti e fatto chiudere tante aziende. Ma si attendono anche notizie da Napoli, che di annunci ne ha fatti tanti. Ma senza prendere impegni conseguenziali. Bufali e filiera del latte fanno salvate ora.

COORDINAMENTO UNITARIO IN
DIFESA DEL PATRIMONIO BUFALINO

Casal di Principe, 29/6/22

vedi info, approfondimenti, documenti e download alla pagina

Al lavoro per consolidare la partecipazione fra Roma e Napoli

Oggi e domani (29/30) giugno 2022 una delegazione del Movimento di Allevatori sarà a Roma per tenere una serie di incontri diversi con i Parlamentari, le forze politiche e le Istituzioni Parlamentari e Ministeriali.
Fra i diversi obiettivi degli incontri ve ne sono due: quello di sollecitare le istituzioni nazionali a prendere atto delle importanti novità che da Gennaio ad oggi si sono determinate nella vicenda della filiera bufalina che “cambiano il quadro sostanziale con cui la politica ha affrontato fin qui la vicenda delle strategie contro le zoonosi” e chiedere gli approfondimenti di confronto che si rendono sempre più evidenti.
Quattro sono gli elementi attorno cui la delegazione sta prospettando alla politica la necessità di “riaprire il dossier”:

i dati emersi negli ultimi mesi che documentano il fallimento della strategia messa in campo finora
il fatto che, contrariamente a quanto prospettato alle istituzioni dagli “esperti” negli anni scorsi (che sostenevano come l’Europa e la scienza erano contrari alla vaccinazione ed all’autocontrollo); oggi il Piano prevede la vaccinazione e l’autocontrollo con il benestare del Ministero della Salute e degli Uffici Europei
la nomina del Commissario per l’attuazione del Piano che certifica oltre ogni dubbio l’incapacità della Regione di attuarlo
la nascita del Coordinamento con le sue proposte autonome e la forte connotazione di partecipazione popolare

Nel mentre la delegazione è al lavoro, intanto, il Coordinamento sta preparando la riunione di venerdi sera con l’invito alle associazioni, movimenti, realtà regionali e nazionali di condividere l’agenda, gli obiettivi e le modalità dell’iniziativa per le prossime settimane, dopo la riarticolazione che si è imposta nei giorni scorsi a seguito del “dover prendere atto della sordità delle istituzioni e della loro indisponibilità fin qui dimostrata a mettere in campo risposte credibili e un confronto trasparente”.
Tre le tappe che saranno proposte all’incontro di venerdi sera:

una giornata straordinaria per la Verità e la Trasparenza dedicata all’informazione ed alle associazioni (il BufalaTour -Raccontiamola giusta)
una forte manifestazione a Napoli con l’arrivo dei trattori e la manifestazione a Santa Lucia dal titolo “De Luca, dove sei?”
una giornata a Roma con la convocazione della Quinta edizione degli Stati Generali in Difesa del Patrimonio Bufalino”

Per preparare al meglio l’incontro di venerdi il Coordinamento sta tenendo una serie di incontri tecnici con la Questura e le Istituzioni Nazionali ed è stato divulgato un invito inviato alla stampa

Related posts

Rispondi